Dubai: come e perché è diventata la meta preferita di delinquenti internazionali e narcotrafficanti

Dubai: come e perché è diventata la meta preferita di delinquenti internazionali e narcotrafficanti

Di Gesù Buitrago da La Razon

Le indagini rivelano proprietà per un valore di oltre 200 milioni di sterline acquistate negli Emirati Arabi Uniti da criminali condannati.

Un riciclatore di denaro che ha acquistato due appartamenti di lusso a Dubai dalla sua cella nel nord del Regno Unito è tra le decine di criminali britannici che hanno segretamente investito milioni di sterline nello stato del Golfo.

Un’indagine del “Times” ha scoperto proprietà per un valore di oltre 200 milioni di sterline acquistate nell’emirato da criminali condannati nei tribunali britannici e da persone che non hanno pagato i debiti nel Regno Unito.

In alcuni casi, sembra che le autorità britanniche non siano riuscite a trovare queste proprietà nel tentativo di rintracciare i beni dei criminali.

Tra coloro che hanno investito in immobili a Dubai negli ultimi anni ci sono un truffatore dell’Essex che ha defraudato anziani vittime dei risparmi di una vita in una truffa di chiamate a freddo e criminali legati a una banda che ha rubato 12 milioni di sterline al servizio sanitario nazionale e ad altri enti pubblici nel Regno Unito .

Un altro criminale britannico, Abid Hussain, è riuscito ad acquistare proprietà per 1,6 milioni di sterline a Dubai nei mesi successivi alla sua incarcerazione nel 2013 per aver riciclato i proventi del traffico di droga, come mostrano i documenti.

Dopo il processo, la National Crime Agency (NCA) ha tentato di sequestrare i suoi beni e il tribunale ha emesso un ordine di confisca del valore di 313.000 sterline, che lui ha restituito.

I dettagli immobiliari visti dal Times mostrano che si trattava di una frazione della sua ricchezza e che aveva acquistato due dei suoi appartamenti a Dubai, del valore di 1,2 milioni di euro, mentre scontava la pena nella prigione di Wealstun nello Yorkshire occidentale.

Il governo deve ora indagare sul motivo per cui le autorità potrebbero non aver trovato i beni dei criminali all’estero. Emily Thornberry, sostituto procuratore generale, ha affermato che è necessaria “una revisione urgente delle lacune del sistema”, aggiungendo: “L’idea che un criminale condannato possa effettuare questo tipo di transazioni immobiliari dal carcere rende il recupero dei beni una farsa, e dobbiamo pretendere un’azione urgente del governo in risposta”.

I risultati provengono da una violazione dei dati avvenuta a Dubai, inclusi registri dettagliati di proprietà, transazioni e affitti. Questi dati sono stati esaurientemente analizzati dal ‘The Times’ e da altri media internazionali in 58 paesi dopo che l’Organized Crime and Corruption Reporting Project, una rete di giornalisti, e il Center for Advanced Defense Studies, un’organizzazione no-profit specializzata in sicurezza, li hanno mssi a disposizione.

Immagine generata con l’IA

57 criminali, cittadini britannici condannati o cittadini stranieri condannati nel Regno Unito, e 105 bancarottieri britannici o legati all’Inghilterra, direttori licenziati, evasori fiscali e persone sotto indagine, sono stati identificati come acquirenti di proprietà negli Emirati Arabi Uniti.

I dati non contengono dettagli sull’origine del denaro utilizzato per acquistare proprietà e le stesse potrebbero essere state acquistate con fondi legittimi.

Il Regno Unito si è impegnato a collaborare più strettamente con le autorità degli Emirati Arabi Uniti per affrontare le “sfide globali”, compreso come garantire controlli rigorosi sul flusso di denaro attraverso i confini.

Nel settembre 2021, Boris Johnson, allora Primo Ministro, annunciò l’ultimo di questi accordi a seguito di un incontro a Londra con Mohammed bin Zayed Al Nahyan, allora principe ereditario e ora sovrano di Abu Dhabi.

La registrazione della proprietà a Dubai è caratterizzata dalla sua segretezza. Nonostante negli ultimi anni l’emirato abbia fatto passi avanti verso una maggiore trasparenza, non è ancora possibile sapere chi possiede una casa semplicemente cercando un indirizzo.

Un funzionario degli Emirati Arabi Uniti ha affermato che il Paese “prende molto sul serio il proprio ruolo nella protezione dell’integrità del sistema finanziario globale”. Il portavoce ha affermato che nella sua continua ricerca contro i criminali globali, gli Emirati hanno lavorato a stretto contatto con i partner internazionali, aggiungendo: “A febbraio, la Financial Action Task Force, l’organismo che stabilisce gli standard globali per le misure antiriciclaggio di denaro, ha elogiato l’importante azione del paese progresso.

DONA ORA E GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO: ANCHE 1 EURO PUÒ FARE LA DIFFERENZA PER UN GIORNALISMO INDIPENDENTE E DEONTOLOGICAMENTE SANO

Gli Scomunicati è una testata giornalistica fondata nel 2006 dalla giornalista Emilia Urso Anfuso, totalmente autofinanziata. Non riceve proventi pubblici e non ha mai ricevuto finanziamenti privati fino al Marzo del 2023.

Lascia un commento

Your email address will not be published.