Studio: l’uso di amfetamine può causare il Parkinson?

Studio: l’uso di amfetamine può causare il Parkinson?

Di ***Nicole Lee e Steven Bothwell

Il governo dell’Australia meridionale sta pianificando di lanciare una nuova campagna sui mass media sull’impatto dell’uso della metanfetamina, inclusa la metanfetamina cristallina o “ghiaccio” e la metanfetamina in polvere o “speed”.

La campagna include messaggi di avviso sui cartoni della pizza, presumibilmente perché i giovani sono il gruppo più propenso a provare la metanfetamina e mangiano anche molta pizza.

Si basa su ricerche di alcuni anni fa che collegano l’uso illecito di metanfetamine e il morbo di Parkinson.

I ricercatori hanno esaminato i cambiamenti in alcune parti del cervello dopo l’uso di metanfetamine e affermano che sono simili a quelli dei pazienti con Parkinson.

Ma cosa ci dice davvero la ricerca sul collegamento? E i messaggi del cartone della pizza impediranno questi tipi di danni?

Esiste un legame tra l’uso di metanfetamine e il morbo di Parkinson?

Il morbo di Parkinson è una malattia del cervello che peggiora progressivamente e non ha cura. La caratteristica fondamentale è il deterioramento dei neuroni che gestiscono la quantità di dopamina in una parte del cervello, chiamata substantia nigra. I sintomi iniziano a manifestarsi quando circa il 50% dei neuroni è stato danneggiato.

Questa parte del cervello è responsabile del controllo dei movimenti e della produzione del neurotrasmettitore dopamina.

La dopamina è il neurochimico del benessere e fa parte del percorso di ricompensa nel cervello. Ogni volta che facciamo qualcosa di piacevole – come mangiare, fare sesso, ascoltare musica – il nostro cervello rilascia un po’ di dopamina per farci sentire bene e ricordarci di farlo di nuovo. La dopamina è necessaria anche per molte altre funzioni, tra cui pensare e muoversi.

La metanfetamina innesca il rilascio di quantità di dopamina molto maggiori rispetto alla maggior parte delle altre attività, da cui derivano i suoi intensi effetti piacevoli. Ma nel tempo, con l’uso regolare di metanfetamine, i recettori del cervello diventano meno sensibili. Risultati di tolleranza. Quindi gli effetti del farmaco non sono così forti o è necessario usarne di più per ottenere lo stesso effetto.

Sappiamo già che l’uso regolare di metanfetamine provoca cambiamenti nella struttura del cervello (che aspetto ha il cervello) e nella funzione (come funziona il cervello). E che quei cambiamenti sono simili a quelli osservati nei pazienti di Parkinson.

Ma per quanto ne sappiamo, a differenza del morbo di Parkinson, i cambiamenti dopo l’uso della metanfetamina sono temporanei e nella maggior parte dei casi il cervello si ripristina al normale funzionamento una volta che l’uso si interrompe o diventa meno frequente.

Il nesso è causale?

Numerosi studi sugli animali e sull’uomo hanno mostrato un legame tra le persone che hanno una storia di uso di metanfetamine e il successivo sviluppo del morbo di Parkinson in età avanzata.

Gli studi hanno dimostrato che le persone in trattamento per problemi di metanfetamina hanno una probabilità da due a tre volte maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson.

Tuttavia, è difficile capire se l’una causi l’altra perché il numero di persone che fanno uso di metanfetamine e morbo di Parkinson è molto piccolo.

La stima del consumo di metanfetamine è di circa l’1,3% degli australiani e il numero di persone che sviluppano il morbo di Parkinson (circa lo 0,1% in tutto il mondo) è relativamente piccolo.

La grande maggioranza delle persone che usano la metanfetamina generalmente usa solo una manciata di volte l’anno e per un breve periodo nella propria vita. Quindi, anche se c’è un aumentato rischio di sviluppare il morbo di Parkinson, il rischio per la popolazione è piuttosto piccolo.

Studi come quelli dei ricercatori UniSA, che scattano un’istantanea nel tempo e guardano alla correlazione di due eventi, non sono in grado di dirci se una cosa ne causa un’altra, solo che sono in qualche modo correlati.

Non sappiamo se la metanfetamina causi il morbo di Parkinson

Per capire davvero se l’uso di metanfetamine causa il morbo di Parkinson è necessario uno studio longitudinale. Uno studio del genere traccerebbe le persone dall’infanzia all’età avanzata e misurerebbe la loro struttura e funzione cerebrale nel tempo per vedere se c’è un tasso più alto di morbo di Parkinson tra le persone che hanno usato la metanfetamina rispetto a quelle che non l’hanno fatto.

Altre possibili spiegazioni

È possibile che i cambiamenti cerebrali a breve termine dovuti all’uso della metanfetamina abbiano un impatto a lungo termine che rende qualcuno più vulnerabile allo sviluppo di una serie di disturbi più avanti nella vita, incluso il morbo di Parkinson.

Ma potrebbero esserci anche altre spiegazioni per il collegamento.

Ad esempio, le persone che usano regolarmente la metanfetamina hanno maggiori probabilità di avere una cattiva alimentazione (perché il farmaco riduce la sensazione di fame), hanno maggiori probabilità di aver subito traumi e sono a maggior rischio di lesioni fisiche. Questi fattori potrebbero influenzare il cervello in modi che fanno sviluppare il morbo di Parkinson.

La genetica gioca un ruolo importante nella malattia di Parkinson e ha anche un ruolo nello sviluppo di problemi di droga. Quindi potrebbe esserci un legame genetico comune.

Vale anche la pena notare che altri farmaci, tra cui l’alcol e una serie di comuni farmaci da prescrizione come i medicinali per il trattamento di disturbi psicotici, depressione, ipertensione ed epilessia, aumentano anche il rischio di malattia di Parkinson.

E i cartoni della pizza?

Sappiamo che le campagne sui mass media per problemi che riguardano un numero relativamente piccolo di persone non sono molto efficaci. Le campagne mirate per le persone a rischio di sviluppare problemi tendono a funzionare meglio.
È improbabile che la messaggistica di Pizza-box funzioni. 
L’uso di droghe è uno dei problemi per i quali le campagne pubbliche sono in gran parte inefficaci. In effetti, possono effettivamente aumentare i problemi creando stigma. Ciò rende le persone meno propense a cercare aiuto per i loro problemi di droga.

Quindi è improbabile che l’idea del cartone della pizza abbia un grande impatto.

Il denaro sprecato per questo tipo di campagne sarebbe speso molto meglio in interventi basati sull’evidenza. Tra cui affrontare i problemi sociali che aumentano il rischio dell’uso di metanfetamine come la povertà e i traumi infantili, programmi efficaci di educazione alla droga a scuola, programmi di riduzione del danno e cure.

***Nicole Lee, Professor at the National Drug Research Institute (Melbourne), Curtin University – Steven Bothwell – Consultant and Adjunct Associate Lecturer, University of Newcastle

DONA ORA E GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO: ANCHE 1 EURO PUÒ FARE LA DIFFERENZA PER UN GIORNALISMO INDIPENDENTE E DEONTOLOGICAMENTE SANO

Gli Scomunicati è una testata giornalistica fondata nel 2006 dalla giornalista Emilia Urso Anfuso, totalmente autofinanziata. Non riceve proventi pubblici e non ha mai ricevuto finanziamenti privati fino al Marzo del 2023.

Lascia un commento

Your email address will not be published.