Omicidio Cerciello Rega: si deve permettere l’ingresso in aula ai giornalisti e alle telecamere

cierciello rega

Comunicato Stampa di Associazione Stampa Romana

Il processo in corso davanti alla Prima Corte d’Assise di Roma per la morte del vice brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ucciso con undici coltellate il 26 luglio 2019, non può essere sottratto al diritto di cronaca.

Il Sindacato dei Cronisti Romani chiede che possano essere ammesse in aula tutte le telecamere e giornalisti che ne facciano richiesta tenendo anche presente che le prossime udienze, che vedono alla sbarra i due ventenni statunitensi Natale Hjorth e Elder Finnegan Lee, si svolgeranno nell’ampia sala Vittorio Occorsio dell’edificio di piazzale Clodio che permette di rispettare le distanze e le norme anti Covid.

Non è accettabile che si permetta l’ingresso in Aula solo ad una troupe di un’unica testata televisiva e si escludano tutte le altre emittenti che ne facciano richiesta. Si tratta di un processo che ha una rilevanza internazionale e che deve poter essere raccontato seppur nel pieno rispetto di tutte le parti coinvolte. 

DONA ORA E GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO: ANCHE 1 EURO PUÒ FARE LA DIFFERENZA PER UN GIORNALISMO INDIPENDENTE E DEONTOLOGICAMENTE SANO

Gli Scomunicati è una testata giornalistica fondata nel 2006 dalla giornalista Emilia Urso Anfuso, totalmente autofinanziata. Non riceve proventi pubblici e non ha mai ricevuto finanziamenti privati fino al Marzo del 2023.

Lascia un commento

Your email address will not be published.