Francia: disattivate le telecamere di riconoscimento delle mascherine sanitarie nelle metropolitane di Parigi e Cannes

Francia: disattivate le telecamere di riconoscimento delle mascherine sanitarie nelle metropolitane di Parigi e Cannes

Di Elsa Trujillo

Erano attive dal 6 maggio e dovevano essere attive per tre mesi. Le telecamere “intelligenti” impiegate nella metropolitana di Parigi, e più precisamente nella stazione di Châtelet-les-Halles, per monitorare e misurare l’uso della maschera sono state messe in pausa per un periodo indefinito, riferisce il RATP, azienda di trasporto pubblico francese.

Questo esperimento è stato interrotto, e finora ha permesso di valutare in che misura gli utenti della metropolitana rispettano le istruzioni sanitarie. Questi stessi utenti erano infatti solo informati dell’esistenza di questo test, senza poterlo però evitare in alcun modo. Inizialmente sono state attivate sei telecamere e dodici dovevano essere attivate a lungo termine. Tutte erano dotati di un rilevatore di mascherine, progettato dalla start-up francese Datakalab. Il monitoraggio effettuato ha permesso di ottenere, in tempo reale, il numero esatto e la percentuale di persone mascherate ma solo a scopo sperimentale.

“Dal 12 giugno, il RATP ha deciso di sospendere temporaneamente l’esperimento sulla rilevazione dell’uso delle mascherine a Châtelet, al fine di completare il sistema di diritto di opposizione come richiesto dal CNIL”, osserva il servizio di trasporto a di BFM Tech.Riproduci video 

Nessun diritto di opposizione

Il 17 giugno, con un avviso reso pubblico , la Commissione nazionale per la protezione dei dati (Cnil) ha ricordato il diritto di tutti di opporsi alla cattura della propria immagine nello spazio pubblico, ai sensi delle norme generali sulla protezione dei dati (GDPR) in vigore nell’Unione europea. 

L’istituzione è stata particolarmente cauta nei confronti delle telecamere “intelligenti”, utilizzate nella stazione di Châtelet-les-Halles.”Se gli obiettivi di questi dispositivi dovrebbero contribuire alla lotta contro la diffusione del coronavirus sono” il più delle volte legittimi (…), il loro sviluppo incontrollato presenta il rischio di generalizzare un sentimento di sorveglianza tra i cittadini, di creare un fenomeno di ‘assuefazione e banalizzazione delle tecnologie intrusive e generare maggiore sorveglianza ”, ha scritto nel suo comunicato stampa, sottolineando il rischio di” compromettere il corretto funzionamento della nostra società democratica “.

Questi dispositivi, prosegue il CNIL, devono inoltre essere utilizzati solo con il consenso delle persone filmate o se sono “necessari” per gli obiettivi perseguiti, con l’imperativo di rispondere al principio di “proporzionalità”, e quindi di non non intromettersi in modo sproporzionato nella privacy.

Contattato da BFM Tech, Datakalab non ha ancora indicato come le sue telecamere saranno in grado di ottenere il consenso degli utenti RATP, o anche quando l’esperimento potrebbe riprendere. In tre mercati a Cannes , la città con cui Datakalab aveva anche stretto una partnership, i passanti erano invitati a esprimere il loro rifiuto di partecipare a un esperimento simile, con un semplice cenno del “no”. La soluzione era stata ritenuta impraticabile dal Cnil. Il sindaco di Cannes indica che anche questo esperimento è stato sospeso. Era tuttavia destinato a sostenere il deconfinamento e non a continuare indefinitamente.

Lascia un commento

Your email address will not be published.