Nozze fai da te con risultati professionali: Maria Squeo svela un rapporto rivoluzionario

Nozze fai da te con risultati professionali: Maria Squeo svela un rapporto rivoluzionario

Di Alessandro Maola

Il trend del 2023 vede i futuri sposi sempre più protagonisti nella progettazione e nell’organizzazione delle nozze

Organizzare nozze fai da te, ma perfettamente studiate in ogni dettaglio. Questo sembra essere il trend in fatto di matrimoni per il 2023. Una tendenza che, a dire il vero, ha iniziato a prendere piede già da un po’, con i futuri sposi che vogliono essere sempre più coinvolti nella progettazione e nell’organizzazione del loro “giorno più bello”.

Un’impresa che può sembrare impossibile, dato che imprevisti e ritardi sono sempre dietro l’angolo, ma che con le giuste conoscenze e la giusta determinazione, è possibile portare a termine con successo.

Fino a qualche tempo fa, le coppie potevano scegliere solo tra due opzioni: affidarsi ad un professionista del wedding, che gestisse ogni aspetto, oppure, far tutto da soli, rischiando, però, di ottenere un risultato diverso da quello che avrebbero sperato. – Spiega Maria Squeo, Wedding Supervisor e Designer con oltre 15 anni di esperienza – Vedevo che per molti queste due scelte non erano sufficienti, perché nessuna delle due rispecchiava pienamente le loro esigenze. Per questo motivo sono stata la prima in Italia a proporre una terza opzione, una via ibrida tra le due precedenti, che consentisse loro di organizzare in autonomia il proprio matrimonio, ma con l’abilità e il risultato di un professionista”.

Maria Squeo

Oggi il matrimonio fai da te non è più visto solo come un modo per tagliare le spese. Negli ultimi anni, complice anche una crescente digitalizzazione, abbiamo assistito ad un incredibile incremento di corsi online di ogni genere. Le persone non vogliono più essere solo “clienti” o “consumatori”, vogliono essere partecipi ed artefici degli aspetti importanti della loro vita. Vogliono essere informati per poter fare scelte consapevoli.

Da questo nuovo contesto, prende il via il progetto di Maria Squeo, che ha ideato il 1° programma Wedding Sposa Perfetta. È possibile usufruirne in due modalità: con abbonamento o con un kit che include tutto il necessario per progettare e organizzare in autonomia il matrimonio, in modo veloce e pratico, ma impeccabile, da far invidia ad un organizzatore di nozze professionista, senza fare i salti mortali, e senza troppo stress. Un programma perfetto anche per chi vuole aiutare amici e parenti in vista del matrimonio, o addirittura, per chi desidera farlo diventare un mestiere.

Quello del wedding è stato uno dei settori che ha sofferto di più con il covid, ma oggi, dati alla mano, possiamo ammettere che non solo è in piena ripresa, ma sta vivendo una nuova epoca d’oro! – prosegue Maria Squeo – Nel 2021 i matrimoni celebrati sono stati 179 mila, numero che si avvicina molto ai 184 mila pre-covid del 2019, e ai 190 mila del 2017. Questo vuol dire che, nonostante le difficoltà del momento, la crisi e la guerra, le persone continuano a credere nell’amore, e vogliono celebrare il loro sogno con le persone più care. Questo è un sentimento che non cambierà mai. Ciò che evolve, invece, è il modo di concepire la cerimonia e i festeggiamenti e, di conseguenza, le figure professionali che gravitano intorno alle nozze”.

A supporto dei futuri sposi, ma anche di chi vorrebbe entrare a lavorare nell’industria del wedding, Maria Squeo ha da poco pubblicato il libro “I 3 modi per organizzare Nozze nel 3° millennio”, edito X-Wedding edizioni, nel quale illustra in modo dettagliato tutti e 3 gli approcci che possono essere usati per progettare ed organizzare i matrimoni.

Sul suo sito web è, inoltre, possibile consultare anche il blog con consigli su tendenze e novità nel mondo dei matrimoni, per restare sempre aggiornati, trovare idee e nuovi spunti.  

DONA ORA E GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO: ANCHE 1 EURO PUÒ FARE LA DIFFERENZA PER UN GIORNALISMO INDIPENDENTE E DEONTOLOGICAMENTE SANO

Gli Scomunicati è una testata giornalistica fondata nel 2006 dalla giornalista Emilia Urso Anfuso, totalmente autofinanziata. Non riceve proventi pubblici e non ha mai ricevuto finanziamenti privati.

Lascia un commento

Your email address will not be published.