Il primo ministro libanese annuncia le dimissioni del governo per l’esplosione di Beirut

Il primo ministro libanese annuncia le dimissioni del governo per l’esplosione di Beirut

Il primo ministro libanese si è dimesso dal suo lavoro lunedì sulla scia della disastrosa esplosione del porto di Beirut che ha scatenato la furia dell’opinione pubblica, dicendo di essere giunto alla conclusione che la corruzione in Libano è “più grande dello stato”.

In un breve discorso televisivo dopo che tre dei suoi ministri si sono dimessi, il primo ministro Hassan Diab ha detto che sta facendo “un passo indietro” in modo da poter stare con la gente “e combattere la battaglia per il cambiamento al loro fianco”.

“Dichiaro oggi le dimissioni di questo governo. Possa Dio proteggere il Libano ”, ha detto, ripetendo l’ultima frase tre volte.

“Le dimissioni di Diab sembrano improbabili per placare i manifestanti che hanno chiesto una revisione completa del sistema politico confessionale del paese, ha detto Leila Molana-Allen di France 24 in un rapporto da Beirut poco dopo il discorso televisivo del primo ministro. 

“Le proteste sono scoppiate da poco prima del discorso di Hassan Diab. C’erano state proteste anche prima, ma hanno iniziato a diventare piuttosto violente nell’ultima mezz’ora”, ha detto Molana-Allen. 

“I manifestanti sembrano aver perso il loro senso di paura, ora c’è un coraggio nell’aria. È chiaro dalla reazione alle dimissioni di Hassan Diab che non vogliono solo un cambio di governo, intendono questo sistema, in base al quale credono che sia completamente impossibile raggiungere un governo che si occuperà effettivamente dei bisogni del popolo libanese “.

Le dimissioni del primo ministro sono state accettate dal presidente libanese Michel Aoun, che ha chiesto all’attuale governo di rimanere in veste di custode fino alla formazione di un nuovo gabinetto, ha detto un annuncio televisivo.

Sulla base dell’esperienza passata, come le dimissioni nell’ottobre 2019 di Saad Hariri da primo ministro, Molana-Allen ha spiegato che il gabinetto di Diab potrebbe “rimanere in carica come governo provvisorio e quindi l’attuale parlamento, eletto nel 2018, guarda e cerca di eleggere un altro primo ministro che poi mette insieme un nuovo gabinetto ”.

Proteste antigovernative

Le dimissioni di Diab gettano il Libano in un altro periodo di incertezza tra le urgenti richieste di riforma. Segue un fine settimana di proteste antigovernative sulla scia dell’esplosione del 4 agosto nel porto di Beirut che ha decimato la struttura e causato distruzione diffusa, uccidendo almeno 160 persone e ferendone circa 6.000.

Il momento caratterizzava il dilemma politico del Libano. Da ottobre, ci sono state manifestazioni di massa che chiedevano la partenza dell’intera leadership settaria per corruzione, incompetenza e cattiva gestione radicata.

Il premier libanese si chiude: “Hassan Diab non ha scuse”

Ma l’oligarchia dominante ha mantenuto il potere per così tanto tempo – dalla fine della guerra civile nel 1990 – che è difficile trovare una figura politica credibile non contaminata da legami con loro.

La colpa è dei predecessori

Diab ha accusato i politici corrotti che lo hanno preceduto per il “terremoto” che ha colpito il Libano.

“Loro (la classe politica) avrebbero dovuto vergognarsi di se stessi perché la loro corruzione è ciò che ha portato a questo disastro che era stato nascosto per sette anni”, ha aggiunto.

“Ho scoperto che la corruzione è più grande dello stato e che lo stato è paralizzato da questa cricca (al potere) e non può affrontarlo o sbarazzarsene”, Diab, che era un professore universitario presso l’Università americana di Beirut prima di prendere il lavoro. 

Sebbene le dimissioni di Diab fossero apparse inevitabili dopo la catastrofe, non sembrava intenzionato ad andarsene e solo due giorni fa ha tenuto un discorso televisivo in cui si è offerto di rimanere per due mesi per consentire a varie fazioni di concordare una tabella di marcia per le riforme. Ma la pressione all’interno del suo stesso governo si è rivelata eccessiva.

Il primo ministro libanese annuncia le dimissioni del governo per l’esplosione di Beirut

Leadership litigiosa

Il governo di Diab si è formato dopo che il suo predecessore, Saad Hariri, si è dimesso in ottobre in risposta alle manifestazioni. Ci sono voluti mesi di battibecchi tra le fazioni di leadership prima che si stabilissero su Diab. 

Il suo governo, che era sostenuto da Hezbollah e dai suoi alleati e visto come unilaterale, era fondamentalmente condannato fin dall’inizio, incaricato di soddisfare le richieste di riforme ma composto da tutte le fazioni che i riformisti vogliono eliminare. Ora il processo deve ricominciare, con il governo di Diab in un ruolo di custode mentre le stesse fazioni ne discutono uno nuovo. 

“Spero che il periodo di custodia non sarà lungo perché il paese non può sopportarlo. Speriamo che si formi rapidamente un nuovo governo “, ha detto ai giornalisti il ​​ministro dei Lavori pubblici Michel Najjar. “Un governo efficace è il minimo di cui abbiamo bisogno per uscire da questa crisi”.

Le proteste del fine settimana hanno visto scontri con le forze di sicurezza che hanno lanciato gas lacrimogeni contro i manifestanti.

Si ritiene che l’esplosione sia stata causata da un incendio che ha acceso una scorta di 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio altamente volatile. Il materiale era stato immagazzinato nel porto dal 2013 con poche garanzie nonostante i numerosi avvertimenti di pericolo.

Il risultato è stato un disastro che i libanesi incolpano direttamente della corruzione e dell’incuria della loro leadership. Si stima che le perdite dovute all’esplosione catastrofica siano comprese tra $ 10 miliardi e $ 15 miliardi, con quasi 300.000 persone rimaste senza casa.

Caso di esplosione deferito al massimo organo giudiziario

L’ultima decisione presa dal governo di Diab prima delle sue dimissioni è stata quella di deferire il caso dell’esplosione al Consiglio giudiziario supremo, che gestisce i crimini che violano la sicurezza nazionale del Libano, nonché i crimini politici e di sicurezza dello Stato. Il Consiglio giudiziario supremo è il principale organo giudiziario del Libano.

Lunedì un giudice ha interrogato i capi delle agenzie di sicurezza del Paese. Il pubblico ministero Ghassan El Khoury ha interrogato il maggiore generale Tony Saliba, capo della sicurezza di Stato, secondo l’agenzia di stampa nazionale gestita dallo stato. Non ha fornito ulteriori dettagli, ma è previsto che altri generali vengano interrogati.

La Sicurezza di Stato aveva compilato un rapporto sui pericoli della conservazione del materiale nel porto e ne aveva inviato una copia agli uffici del presidente e del primo ministro il 20 luglio. L’indagine è focalizzata su come il nitrato di ammonio è stato immagazzinato nel porto e perché non è stato fatto nulla al riguardo.

Najjar, il ministro dei lavori pubblici, ha detto di aver appreso della presenza del materiale 24 ore prima dell’esplosione, di aver ricevuto un rapporto sul materiale e di aver tenuto un incontro con i funzionari portuali prima di chiamare il suo capo, Hassan Korayetem. 

“Ho scritto un rapporto la mattina l’esplosione è avvenuta la sera”, ha detto Najjar. Alla domanda sul perché lo avesse saputo solo il giorno prima, Najjar ha risposto: “Non lo so. Veramente non lo so. “

Circa 20 persone sono state arrestate dopo l’esplosione, tra cui il capo del dipartimento doganale del Libano e il suo predecessore, nonché il capo del porto. Secondo funzionari governativi, dozzine di persone sono state interrogate, inclusi due ex ministri del governo. 

Aiuti internazionali

Domenica scorsa, i leader mondiali e le organizzazioni internazionali hanno promesso quasi 300 milioni di dollari in aiuti umanitari di emergenza a Beirut, ma hanno avvertito che nessun denaro per la ricostruzione della capitale sarebbe stato messo a disposizione fino a quando le autorità libanesi non si sarebbero impegnate nelle riforme politiche ed economiche richieste dal popolo.

L’Iran, nel frattempo, ha espresso la preoccupazione che i paesi occidentali ei loro alleati possano sfruttare la rabbia per l’esplosione per perseguire i loro interessi politici. L’Iran sostiene il gruppo militante di Hezbollah, che insieme ai suoi alleati domina il governo e il parlamento.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi ha detto che “è naturale che le persone siano frustrate”. Ma ha detto che sarebbe “inaccettabile se alcuni individui, gruppi e paesi stranieri usassero l’incidente come pretesto per i loro scopi e intenzioni”.

Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha tracciato una linea lunedì tra l’esplosione e afferma che Hezbollah immagazzina i suoi razzi e le sue armi nelle profondità delle aree civili.

Sebbene non abbia accusato Hezbollah e le sue armi di essere collegati all’esplosione, Gantz ha detto che i villaggi e le città in tutto il Libano erano pieni di armi di Hezbollah che, se espulse – dalle operazioni israeliane o per caso – avrebbero distrutto le case. Ha detto che Hezbollah era il problema più grande del Libano.

Lascia un commento

Your email address will not be published.