Narcotraffico: Daniel Noboa, presidente dell’Ecuador: “Europa e USA devono fare di più contro il traffico di droga”

Narcotraffico: Daniel Noboa, presidente dell’Ecuador: “Europa e USA devono fare di più contro il traffico di droga”

AFP – Agence France Press del 17/05/2024

Europa e Stati Uniti devono “fare di più” contro il traffico di droga, un “problema globale” la cui “violenza” comincia a farsi vedere nel Vecchio Continente. Così Daniel Noboa, presidente dell’Ecuador, Paese devastato dal narcotraffico.

Situato tra la Colombia e il Perù – i maggiori produttori mondiali di cocaina – l’Ecuador è diventato un hub per il movimento della droga, principalmente cocaina, verso l’Occidente. Tra il 2018 e il 2023 gli omicidi sono aumentati dell’800%. Nel 2023 sono stati registrati 7.800 omicidi e sequestrate 220 tonnellate di droga. Daniel Noboa, in visita a Parigi, è stato ricevuto giovedì dal capo di Stato francese Emmanuel Macron.

DOMANDA: Europa e Stati Uniti stanno facendo abbastanza contro il traffico di droga?

RISPOSTA: “Vorrei che facessero di più. Il problema è globale. Non è solo un paese. Non è solo l’Ecuador, la Colombia o il Perù. La regione ritiene di essere attualmente sopraffatta dal traffico di droga e dalla violenza, e parte di questa violenza è già visibile in Europa. Dovrebbe esserci uno sforzo comune, perché se il problema può essere fermato alla radice (…), gran parte della soluzione non è solo una questione di difesa o sicurezza, ma è anche una questione di risoluzione delle questioni sociali. Aiutare non significa semplicemente darci un fucile o una pistola. Ci si aiuta con borse di studio per ragazzi di 18 anni che oggi non hanno possibilità di studiare, sta investendo in Ecuador per creare posti di lavoro, realizzare programmi abitativi dignitosi, (…) migliorare le condizioni di vita delle famiglie.”

D: Quali altri passi potrebbe compiere l’Occidente?

R: “Abbiamo chiesto agli Stati Uniti di aiutarci a controllare la frontiera settentrionale con la Colombia, così come la frontiera meridionale, in particolare nella regione di El Oro, verso il Perù. C’è gente che arriva in Ecuador in aereo e si dirige a nord a piedi, attraverso il confine colombiano, verso il Messico, la stessa via della droga si trasforma in traffico di esseri umani, violenza, immigrazione e in un problema strutturale in tutto il continente.

D: L’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) ha osservato dieci giorni fa che la criminalità organizzata è aumentata “improvvisamente” negli ultimi mesi in Ecuador. Ritiene che la vostra politica in materia non abbia ancora avuto effetto? O cos’altro?

R: “Dobbiamo rafforzarla. Abbiamo ridotto il numero delle morti innocenti (…) Ma è una guerra continua, con 22 gruppi pesantemente armati, per un totale di 40.000 membri. Questo è più del nostro stesso esercito, che conta 36.000. Le nostre forze di polizia hanno circa 60.000 agenti. Questa è la portata del problema. Non è un problema di bande o di quartiere, ma un problema transnazionale, che genera molta violenza.

D: In Ecuador operano i cartelli messicani. Crede che la crisi diplomatica con il Messico, causata dall’irruzione della polizia ecuadoriana contro l’ambasciata messicana a Quito per arrestare l’ex vicepresidente Jorge Glas, influenzerà la cooperazione in materia di droga?


R: “Vogliamo un dialogo fluido con il Messico e un dialogo di pace (…) Se ci saranno dei criminali condannati, non permetteremo che la giustizia venga elusa in questo modo. La persona che ha tentato di chiedere asilo in Messico è stata condannata per due reati penali ai sensi delle leggi ecuadoriane durante i governi precedenti. Questa persona ha beneficiato di misure alternative per essere posta agli arresti domiciliari. Ma è andato a nascondersi in un’ambasciata. È l’equivalente di chi è in prigione, scappa e va a nascondersi in un’ambasciata. E ‘così semplice.”

D: Come uscire dall’impasse con il Messico? Riaprendo i consolati ecuadoriegni che erano chiusi in questo Paese?

R: “Siamo pronti a discutere su molte cose. Da tempo insistiamo per un accordo di libero scambio con il Messico. Volevamo rafforzare i nostri rapporti con questo Paese. Ma non mi sembra (… ) che l’unico modo per ristabilire i rapporti con il Messico è considerarlo un criminale.”

***Foto di copertina: Aduc

DONA ORA E GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO: ANCHE 1 EURO PUÒ FARE LA DIFFERENZA PER UN GIORNALISMO INDIPENDENTE E DEONTOLOGICAMENTE SANO

Gli Scomunicati è una testata giornalistica fondata nel 2006 dalla giornalista Emilia Urso Anfuso, totalmente autofinanziata. Non riceve proventi pubblici e non ha mai ricevuto finanziamenti privati fino al Marzo del 2023.

Lascia un commento

Your email address will not be published.