Scambi epistolari tra Vittorio Feltri ed Emilia Urso Anfuso: (Rimbam)Biden, la Russia e il politicamente corretto

Scambi epistolari tra Vittorio Feltri ed Emilia Urso Anfuso: (Rimbam)Biden, la Russia e il politicamente corretto

Rubrica settimanale di scambio di riflessioni tra i giornalisti Vittorio Feltri ed Emilia Urso Anfuso

(Esortiamo i lettori a commentare la rubrica scrivendo i loro pensieri nell’apposita casella di testo che si trova in fondo alla pagina. Grazie)

Caro Vittorio,

ho molto apprezzato il tuo editoriale pubblicato su Libero del 14 marzo intitolato “Sospetto che Biden faccia i fatti suoi sulla nostra pelle”. Simpatica la trasformazione che hai operato sul nome del presidente USA rinominato “Rimbambiden“. In maniera semplice e sintetica hai descritto grandi verità, quelle che l’orrido politicamente corretto di matrice statunitense impone a tutto l’occidente.

A questo punto della storia, però, assistiamo a un elevarsi di voci uniche, specialmente in televisione, e questo contrasta con qualsiasi riflessione basata sui fatti storici e sulla necessaria analisi degli accadimenti reali, che porterebbe al necessario compromesso.

Gli USA non possono essere considerati stinchi di santo, la Russia è un pianeta a parte, nel mezzo restiamo noi fessi, specialmente in Italia, a subire angherie di ogni sorta.

Prendiamone una per tutte: il vorticoso aumento del carburante che si verifica solo nel belpaese e che lo stesso ministro Cingolani ha dichiarato essere una truffa bella e buona.

Insomma, fanno pipì in testa a tutti e dicono che piove

********

Cara Emilia,

gli Stati Uniti pensano solo a se stessi e non hanno tutti i torti.

Sono alle prese con vari problemi ma date le dimensioni dei loro territori riescono a tenere un certo equilibrio. Sono in grado di produrre energia e di essere relativamente autonomi.

Noi invece pur avendo nel sottosuolo una quantità enorme di gas non procediamo con le estrazioni. Inoltre abbiamo ridotto le fonti idroelettriche e abbiamo snobbato da idioti il nucleare.

Il nostro popolo crede ancora nella transizione ecologica che è una scemenza della quale si ignora il significato.

I referendum che ci hanno condannati sono stati votati dalle gente che ha dimostrato di essere scema. A me dell’aumento dei carburanti non importa niente, ma so che i prezzi sono gravati da tasse antiche e nuove, togliendo le quali il bilancio dello Stato andrebbe a puttane.

Il problema è che gli italiani da decenni sono governati da imbecilli che gli italiani stessi hanno entusiasticamente votato.

L’editoriale di Vittorio Feltri pubblicato su Libero del 14 Marzo 2022

DONA ORA E GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO: ANCHE 1 EURO PUÒ FARE LA DIFFERENZA PER UN GIORNALISMO INDIPENDENTE E DEONTOLOGICAMENTE SANO

Gli Scomunicati è una testata giornalistica fondata nel 2006 dalla giornalista Emilia Urso Anfuso, totalmente autofinanziata. Non riceve proventi pubblici e non ha mai ricevuto finanziamenti privati fino al Marzo del 2023.

Lascia un commento

Your email address will not be published.