Il presidente tunisino sceglie il ministro degli interni Hichem Mechichi come nuovo primo ministro

Il presidente tunisino sceglie il ministro degli interni Hichem Mechichi come nuovo primo ministro

Il presidente tunisino Kais Saied ha designato sabato il ministro degli interni Hichem Mechichi come nuovo primo ministro per succedere a Elyes Fakhfakh, che si è dimesso per le accuse di conflitto di interessi, ha riferito l’agenzia di stampa statale.

Mechichi, un indipendente, ha ora un mese per formare un governo in grado di ottenere un voto di fiducia in parlamento a maggioranza semplice, oppure il presidente scioglierà il parlamento e chiederà altre elezioni con urgenti decisioni economiche che incombono sulla  Tunisia .

Il governo del Fakhfakh è crollato meno di cinque mesi dopo la sua formazione, facendo precipitare la democrazia nordafricana in una crisi politica mentre lotta con problemi economici e attriti sociali aggravati dalla pandemia globale.

Le elezioni inconcludenti dello scorso ottobre hanno portato a un parlamento profondamente frammentato in cui il partito più numeroso, il moderato islamista Ennahda, ha vinto solo un quarto dei seggi.

Ci è voluto fino a febbraio, con diverse false partenze, per formare un governo che potesse comandare una maggioranza ristretta in parlamento. Tuttavia, è stato colpito da profonde fratture ideologiche, soprattutto per l’urgente problema delle finanze pubbliche e del debito.

Questi sono venuti allo scoperto quando le società in cui il Primo Ministro Elyes Fakhfakh detenevano azioni avevano beneficiato di contratti statali. Dopo che Ennahda ha chiesto le sue dimissioni, anche il presidente Saied gli ha chiesto di dimettersi.

Come ulteriore complicazione, il parlamento stesso è in confusione con l’oratore, il leader di Ennahda Rached Ghannouchi, di fronte al suo voto di fiducia.

Alcuni analisti ritengono che l’unica via d’uscita saranno le nuove elezioni e la possibilità di un parlamento più coeso che possa concordare su un governo stabile in grado di far passare la legislazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.