AI for Future Italy – le proposte del CINI per l’intelligenza artificiale

AI for Future Italy – le proposte del CINI per l’intelligenza artificiale

Di Luca Sambucci

Il Laboratorio Nazionale di Artificial Intelligence and Intelligent Systems (AIIS) del CINI (Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica) ha presentato qualche giorno fa AI for Future Italy, un documento di proposte e raccomandazioni per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale in Italia.

Anche il CINI, come già la task force del MISE (di cui ha fatto parte anche la Prof.ssa Rita Cucchiara, direttore del Laboratorio Nazionale AIIS e fra gli autori di questo documento), ha raccomandato l’istituzione di una “cabina di regia” per l’AI in Italia, che secondo gli esperti del CINI dovrebbe essere coordinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Oltre a questo l’Italia dovrebbe dotarsi di un “Progetto nazionale 2030” per l’AI, un programma che finanzi molteplici progetti di ricerca in aree come l’affidabilità dell’intelligenza artificiale, il ragionamento, le capacità decisionali anche in contesti sociali.

Una delle particolarità del documento è quella di prevedere dei KPI – key performance indicator, proprio come nei business plan aziendali – per valutare l’efficacia delle strategie. Quindi, per fare un esempio, l’eccellenza italiana nella ricerca AI andrà misurata in termini di pubblicazioni scientifiche, progetti finanziati, premi, ecc (c’è da dire che è già ai massimi livelli in Europa).

Non mancano raccomandazioni per il mondo dell’istruzione e quello del lavoro, ma soprattutto la proposta di creare l’Istituto Nazionale in Intelligenza Artificiale (INIA), un progetto per certi versi simile a quello del gruppo di lavoro del MISE (citato diverse volte nel documento) che vuole creare l’Istituto Italiano di Intelligenza Artificiale (I3A). Ma a differenza dell’I3A, l’INIA proposto dagli esperti del CINI sarebbe più distribuito geograficamente, con laboratori, sezioni e centri AI sparsi da nord a sud, per meglio interfacciare la ricerca AI con le realtà locali.

In merito a quest’ultimo punto bisogna riconoscere che il CINI ha già una certa esperienza con tale metodo di lavoro: solo l’AIIS ha al suo attivo 55 nodi distribuiti su 47 università e istituti di ricerca, fra cui il CNR, l’IIT e la Fondazione Bruno Kessler. Non sorprende quindi che proponga di adottare una modalità di cooperazione – uniformemente distribuita su tutto il territorio nazionale – che all’atto pratico ha già saputo dare ottimi risultati.

Il documento è disponibile qui (si tratta di un link a Google Drive, nel caso non dovesse funzionare dovreste poter trovare un link funzionante dalla pagina del CINI).

L’evento di presentazione è disponibile qui (sempre su un link di Google Drive) anche se purtroppo si ferma a metà, risultando quindi incompleto.

Abbiamo stipulato un accordo con l’autore, Luca Sambucci, per la diffusione dei suoi articoli. L’articolo originale si trova al seguente link: Notizie.ai

Lascia un commento

Your email address will not be published.