Pandemia mondiale e settore del turismo: dalla legalizzazione della cannabis effetti positivi?

Pandemia mondiale e settore del turismo: dalla legalizzazione della cannabis effetti positivi?

Di Johnny Green 

L’industria del turismo internazionale è una delle più colpite dalla pandemia in corso per ovvie ragioni. I governi di tutto il mondo mettono in guardia contro qualsiasi tipo di viaggio, in particolare i viaggi internazionali. Ciò sta avendo un impatto diretto su tutti i tipi di attività del settore turistico.

Quello alberghiero è uno dei tanti esempi di una riduzione della domanda. Le aziende dell’ospitalità stanno lottando per rimanere a galla, con molti di loro a cui non è consentito operare in nessun modo.

Potrebbe passare un po ‘di tempo prima che la situazione cambi. Anche se i governi riapriranno le economie, molti turisti probabilmente sceglieranno di rimanere a casa.
Cosa possono fare i governi per rafforzare la fiducia del turismo tra i consumatori? Secondo un recente studio, la legalizzazione della cannabis potrebbe aiutare.

Incremento dei ricavi negli Stati in cui la cannabis è legale

I primi stati negli Usa a legalizzare la cannabis sono stati il Colorado e lo Stato di Washington, entrambi nel 2012. Poco prima del primo Paese al mondo, l’Uruguay (2013), e ci danno quindi riscontri più consolidati per valutare gli effetti della legalizzazione sulla società.

Per il turismo in particolare, Colorado e Washington sono particolarmente utili poiché sono Stati che consentono ai turisti di acquistare cannabis, mentre l’Uruguay limita gli acquisti legali a cittadini e residenti permanenti.

Un recente studio ha esaminato i dati del settore alberghiero post-legalizzazione a Washington e in Colorado ed ha confrontato i dati con quelli degli Stati dove la cannabis non è legale.

I ricercatori hanno scoperto che le prenotazioni alberghiere sono aumentate significativamente in entrambi questi Stati rispetto agli altri. Inoltre, i prezzi delle camere d’albergo sono aumentati in modo significativo rispetto alle tariffe delle camere negli altri Stati. Non sorprende, quindi, che le entrate del settore alberghiero siano aumentate in Colorado e Washington dopo la legalizzazione a un tasso maggiore rispetto agli Stati che non hanno la legalizzazione.

La tendenza continuerebbe se la cannabis fosse legale ovunque?

Se è vero che la legalizzazione della cannabis è il motivo per cui il Colorado e lo Stato di Washington hanno registrato una crescita del settore alberghiero, sarebbe anche vero che le persone si stanno muovendo verso quegli Stati perché vivono dove la cannabis è ancora illegale.

Lo stesso dovrebbe accadere in Canada, che è l’unico Paese al mondo in cui gli acquisti di cannabis sono legali.

Il Canada ha legalizzato la cannabis nel 2018, quindi non ci sono dati sufficienti per dire quali siano i numeri specifici, ma presumibilmente le persone vi si recavano per le vacanze e facevano acquisti legali prima della pandemia.

Man mano che i Paesi legalizzano la cannabis, è altamente probabile che vedranno incrementare il turismo della cannabis, con la maggior parte dei viaggiatori provenienti da luoghi in cui le leggi in materia sono ancora proibizioniste.

Ma è probabile che si tratti di un fenomeno temporaneo visto che anche zone circostanti a dove vige la legalizzazione sono anch’esse con legislazioni simili. In Oregon, per esempio, non vanno nello Stato di Washington per acquistare cannabis legale perché possono farlo a casa loro.

Comunque, vigente l’attuale situazione, il business sarà molto redditizio per l’industria alberghiera lì dove vige la legalizzazione, e sono introiti che saranno disperatamente necessari nel settore alberghiero internazionale post-pandemia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.