Enrico Letta nuovo segretario del Pd: “Serve nuovo partito, non nuovo segretario”

Enrico Letta nuovo segretario del Pd: “Serve nuovo partito, non nuovo segretario”

Di Chiara Farigu

Con 860 voti a favore, 2 contrari e 4 astenuti, l’Assemblea Nazionale  ‘incorona’ Enrico Letta come nuovo Segretario del PD. L’ex presidente del Consiglio era l’unico candidato alla segreteria dopo le improvvise e inaspettate dimissioni di Nicola Zingaretti la scorsa settimana. ‘Mi vergogno del Pd, da giorni si parla solo di poltrone e primarie, quando in Italia sta esplodendo la terza ondata di Covid e tanto c’è da fare per i giovani, il lavoro e l’economia tutta’, scrisse su FB.

Il suo, un j’accuse senza precedenti contro un partito senza più identità né forza propulsiva atte ad accettare le sfide che la crisi pandemica e l’Europa mettono in campo.

‘Se il problema sono io, mi faccio da parte’, aggiunse. Detto fatto. E siamo a oggi con Letta nuovo Segretario, la cui missione è rimettere insieme i cocci di un partito piuttosto malandato e imprimere una svolta con nuovi programmi nuovi valori e forse nuove alleanze.

Una missione ardua certamente, al limite dell’impossibile che Letta però accetta anche se, sostiene, che più di un nuovo Segretario  ‘serve un nuovo PD’.

Dell’ex premier si sa tutto o quasi. La sua attività politica, cominciata in giovanissima età e la sua  celere scalata fino a ricoprire il ruolo di Presidente del Consiglio su incarico di Napolitano,  è arcinota a tutti.  Altrettanto nota è la sua repentina ridiscesa  a seguito del famigerato #enricostaisereno dell’ex rottamatore che ne prese il posto.

Una carriera politica ricca, senza soluzione di continuità (ad eccezione degli ultimi sette anni trascorsi a Parigi come docente universitario) che oggi, in occasione della sua nomina  viene ampiamente ricordata.

Tutte le biografie che lo riguardano  lo ritraggono come un toscano doc essendo nato, cresciuto ed essersi  laureato  a Pisa. Pochi sanno invece che per metà  è sardo. Sua madre infatti, la sig.ra Anna Bianchi, è sassarese e sua nonna nativa di Porto Torres. Chi lo conosce bene sostiene che Enrico dei sardi si porta dietro  la tenacia e l’affidabilità e quel pizzico di diffidenza che non guasta mai.  E che lui, delle sue radici, ne va molto fiero.

Anna  andò a studiare a Pisa dove conobbe Giorgio Letta, abruzzese  di Avezzano, fratello del  più celebre Gianni,  col quale  poco dopo si sposò.  Il 20 agosto del 1966 nacque Enrico che , prima con la famiglia, e in seguito autonomamente ha mantenuto sempre un rapporto privilegiato con la Sardegna  dove vi trascorre  periodi di relax quando gli impegni glielo consentono.

Un altro punto su cui concordano quanti lo conoscono a fondo è la puntigliosità, vale a dire la fermezza  mista a calma con la quale intraprende qualunque obiettivo da raggiungere, consapevole che la fretta sia sempre una cattiva consigliera. Una qualità, sostengono sempre i beni informati, ereditata dal nonno sardo,  agronomo,  che per mestiere doveva misurare i confini degli stazzi per riportarli poi su carta. Al quale, quando metteva fretta ai contadini nella costruzione delle recinzioni, gli veniva risposto che “i muretti a secco” richiedono calma, tempo e precisione  se si vuole che resistano nel tempo.  Una tecnica che Enrico aveva mutuato in politica e che potrebbe tornargli nuovamente utile per rimettere insieme i cocci del suo PD.

L’uomo giusto al posto dunque?  Sarà il tempo a dirlo. La voglia di riscatto c’è tutta. Così come la volontà di rivoltare da cima a fondo un partito sempre più ‘in cerca di un centro di gravità permanente’.

Rilanciare lo ius soli e il voto ai 16enni, elaborare nuove sfide in economia, rilanciare il dialogo con lavoratori, sindacati, imprenditori, affrontare le amministrative per battere le destre, sono solo alcuni punti dell’ambizioso programma da realizzare entro il 2023.

Immediate le reazioni dell’opposizione che vanno subito all’attacco. ‘Parte subito male, cavolate quelle sullo ius soli’, lo apostrofa Salvini, mentre la Meloni commenta che ‘a volte sono meglio i cervelli in fuga’.  Auguri di buon lavoro dai vertici del M5S : ‘insieme possiamo raggiungere obiettivi importanti per il Paese’ e da Renato Brunetta che auspica una proficua collaborazione ‘ per una Pubblica Amministrazione moderna ed efficiente’.

***Abbiamo stipulato un accordo con le autrici del sito www.scrignodipandora.it per la ridiffusione di alcuni loro articoli. Il pezzo di Chiara Farigu a questo link

***Immagine di copertina: foto dal profilo ufficiale di Enrico Letta su Twitter

DONA ORA E GRAZIE PER IL TUO SOSTEGNO: ANCHE 1 EURO PUÒ FARE LA DIFFERENZA PER UN GIORNALISMO INDIPENDENTE E DEONTOLOGICAMENTE SANO

Gli Scomunicati è una testata giornalistica fondata nel 2006 dalla giornalista Emilia Urso Anfuso, totalmente autofinanziata. Non riceve proventi pubblici e non ha mai ricevuto finanziamenti privati fino al Marzo del 2023.

Lascia un commento

Your email address will not be published.