Sei nella sezione Battaglie Sociali   -> Categoria:  Diritti Civili  
Incontrando Don Sardelli

Incontrando Don Sardelli
Autore: Antonio Martines
Data: 15/11/2007 14:16:31

Quando si in contra per la prima volta una persona il primo metro di giudizio che si può usare è senza dubbio la stretta di mano. Quella di Don Sardelli è una stretta forte incisiva asciutta e dai tempi giusti, una stretta che di solito appartiene a persone schiette e leali, forse a volte anche dure e combattive ma mai non sincere. Ed in effetti quando Don Sardelli parla, conferma queste caratteristiche, denotando una fermezza morale ed un'onesta intellettuale che ormai appartengono a uomini d'altri tempi, uomini che ai giorni nostri è sempre più difficile incontrare. La società contemporanea non è più in possesso del prezioso conio in grado di produrre uomini del genere, quindi quei pochi che sono rimasti sembrano quasi dei sopravissuti, dei viaggiatori che hanno visto cose ed epoche che non torneranno mai più se non nelle loro memorie e nei loro racconti. Tuttavia Don Sardelli è un uomo del presente che combatte per il futuro, e a questo futuro tutti devono avere diritto, anzi forse qualcuno deve averne di più, visto che viene da un passato tormentato e da un presente difficile. Di solito chi se la spassa non si interessa gran chè del futuro, riducendo quest'ultimo ad un'incognita il cui valore è tutto da scoprire, ma chi soffre invece guarda al futuro con una speranza quasi… disperata. Verso questi ultimi si è sempre rivolto l'interesse di Don Sardelli, fin dal lontano 1970, quando in quella che era una vera e propria baraccopoli costruita quasi a ridosso dell'acquedotto romano del parco di San Policarpo, fondò la scuola 725. Quella scuola era stata anch'essa allestita alla bene e meglio in una baracca, e al suo interno si leggeva Che Guevara, Mao Tse Tung e si parlava della guerra in Vietnam. I bambini che frequentavano quella scuola erano dei bambini speciali, che studiavano cose speciali, cose che non si studiavano in nessuna altra scuola in quegli anni,ma che sarebbero servite a dar loro una corazza con la quale affrontare gli urti della vita. Una vita che si stagliava all'orizzonte e tutto sembrava tranne che facile. Quei bambini insieme a Don sardelli spedirono una lettera all'allora sindaco di Roma Clelio Darida, e in quella lettera c'era scritto che loro esistevano e avevano diritto ad una vita vera. Roma scopri un'umanità che rivendicava con forza i propri diritti contro tutto e contro tutti, anche contro la stessa città, che in alcune sue frange guardava con malcelato sospetto i propositi di riscossa portati avanti con tanta fierezza da questo energico prete. I risultati non mancarono, visto che l'amministrazione di allora accolse le proposte avanzate da Don Sardelli, abbattendo la baraccopoli e costruendo delle nuove case. A quasi quarant'anni di distanza Don Sardelli, che nel frattempo non ha mai smesso di frequentare gli umili e i diseredati, ha deciso di rifarsi vivo, ancora una volta,per denunciare la grave situazione sociale che sta vivendo Roma ai giorni nostri. Lo strumento di battaglia è sempre lo stesso; una lettera, firmata da gran parte di quei bambini che nel frattempo sono diventati adulti. Il destinatario sempre lo stesso, allora come oggi, il sindaco di Roma.Le tematiche affrontate sono sempre quelle: povertà,alienazione,violenza,fame,degrado. Chi ne soffre non è più italiano, ma straniero e proviene da posti lontani e parla lingue diverse, ed è quindi ancora più difficile farsi capire.
L'articolo ha ricevuto 6732 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/10/2014 02:41:36

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Diritti Civili

Autore: Il Direttore e la Redazione
Data: 08/02/2014 18:19:03
Emilia Urso Anfuso: Ergastolo ostativo: NO - per ora - all'abolizione. La Riforma deve essere reale

La proposta di cancellare la pena dell'ergastolo è stata abbracciata da tutte le componenti politiche. Già presentata alla Camera una proposta di iniziativa popolare con richiesta di abolizione dell’ergastolo. Anche Stefano Rodotà Don Luigi Ciotti, sostengono l'iniziativa. ATTENZIONE: In Italia esistono due tipi di ergastolo: Normale e Ostativo. Di seguito le informazioni utili a comprendere di cosa stiamo parlando

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 26/11/2013 17:17:27
La nostra Campagna nazionale contro gli abusi nelle Case di Riposo (RSA)

Sempre attivissima la nostra Campagna contro gli abusi nelle case di riposo ideata dal nostro Direttore Emilia Urso Anfuso. Nella puntata del 25 Novembre della trasmissione Quinta Colonna serale, si è parlato proprio della nostra Campagna e un nostro lettore che ha aderito anche alla nostra petizione, ha accettato di essere intervistato dal collega Vittorio Romano di Quinta Colonna: nel video allegato potete seguire l'intervista e alcune scene della trasmissione relative agli abusi nelle RSA

Leggi l'articolo

Autore: Redazione
Data: 16/08/2013 08:57:07
Il suicidio di un 14enne. Si tratta di omofobia?

Dovrà essere la procura di Roma, che ha aperto un'inchiesta, a cercare un legame certo tra una scelta estrema compiuta a 14 anni.  E l'eventuale gesto, o insulto o atto di derisione, che potrebbero averla determinata.

 

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore, Emilia Urso Anfuso
Data: 09/07/2013 14:07:38
Ludopatia: denunciamo lo Stato per procurata dipendenza da gioco d'azzardo. Ecco comeOggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO è giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie, rovinate dalla dipendenza dal gioco di ogni tipologia.
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)