Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Governo Conte: cominciamo molto male…

Governo Conte: cominciamo molto male…
Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/06/2018 06:47:11

Avevo deciso di attendere, prima di pronunciarmi sul governo Conte. Ho atteso per comprendere le prime mosse, le prime azioni, come si  sarebbero comportanti dopo la fiducia, come avrebbero preso “possesso” dei loro nuovi incarichi, responsabilità e anche uffici istituzionali.

Ho atteso, prima di tutto per avere materiale utile per parlarne, in considerazione del fatto che non posso parlare sul nulla, e nemmeno ipotizzare. Devo dire però, che proprio il governo in carica mi ha fatto attendere molto meno di quanto pensassi, per farmi scrivere ciò che sto per elencare.

Una serie di strafalcioni istituzionali, infatti, sono stati già generati , e pur volendo attendere l’insediamento, non si può non dare un poco ragione all’editorialista del New York Times che pur ammettendo che abbia usato toni evitabili “Un governo di miserabili…” ha, in realtà, tracciato le linee di ciò che sta davvero avvenendo nel nostro paese.

Lungi da me, come sempre, i toni polemici, ma non posso esimermi dal lasciare una traccia su quanto sta accadendo.

Inizio col ricordare a tutti, che il governo di una nazione – e i suoi ministri – sono il biglietto di visita che ci rappresenta nel mondo. Se questo biglietto di visita è sdrucito, il mondo guarderà a noi tutti come un popolo di miserabili gestito da persone che dovrebbero stare altrove, non certo a capo di una nazione.

Ma andiamo per ordine. Al di là delle promesse elettorali gonfiate a dismisura, di cui ho parlato spesso nell’ultimo periodo, elencando e approfondendo le motivazioni per cui certe promesse sono assolutamente irrealizzabili, ci sono cose che non possono mai e poi mai accadere.

Iniziamo con il discorso di insediamento di Conte, che oltre ad apparire poco avvezzo a parlare in pubblico, ne fa subito una grossa, dopo la prima dichiarazione – evitabile – “Sarò l’avvocato degli italiani” (Come se gli italiani fossero rei e per questo avessero necessità di un avvocato difensore) ne rilascia un'altra, accennando al fratello del Presidente Sergio Mattarella, Piersanti, di cui non ricorda il nome.

Ecco la dichiarazione " Voglio fare un ringraziamento a Sergio Mattarella. Una delle cose che più mi ha addolorato nei giorni scorsi è stato l'attacco sui social alla memoria di un suo congiunto e questa è una cosa che mi è dispiaciuta". Un bel tacer mai scritto fu, è proprio vero. Dura – a buona ragione – la reazione di Delrio, che ha replicato: “Piersanti, Piersanti si chiamava”!

Per molti italiani, tra coloro che sostengono strenuamente questa formazione di governo, questa dichiarazione di Conte apparirà certamente poco grave, ma non lo è affatto. Il premier di una qualsiasi nazione – sia chiaro – non può permettersi cadute di questo genere. Non può perché lui rappresenta la nazione e rappresenta gli italiani, e se proprio chi li rappresenta, non è nemmeno in grado di ricordare una cosa così facile, non va affatto bene.

Chi scrive i discorsi di Conte? Rocco Casalino, neo nominato responsabile della Comunicazione del Premier? Lo stesso che, a poche ore dall’essere insignito dell’incarico, è corso – con tanto di genitori al seguito – a prendere possesso del suo nuovo ufficio, lamentandosi del fatto che “E’ troppo piccolo” e che “I mobili sono vecchi e vanno cambiati”? Se così fosse, avremmo almeno uno straccio di spiegazione al discorso sgarrupato del neo eletto premier.

Ribadisco: lungo da me fare sterile polemica, ma Casalino ha un curriculum che è tutto un programma, compreso il fatto di aver millantato – come da DNA nazionale – titoli mai conseguiti.

Ora: se la comunicazione istituzionale è affidata a Casalino - ex concorrente del Grande Fratello - come aspettarsi che non vi saranno nuove cadute di stile e nuove castronerie? Transeat. Sarà il tempo a dirci cosa accadrà. Non dico che un ex concorrente di una trasmissione televisiva non possa assurgere a ruoli istituzionali (Renzi fu un concorrente della Ruota della Fortuna e Salvini fu concorrente della trasmissione Il Pranzo è servito) ma è necessario anche saper scegliere chi nominare per un determinato ruolo. Sta di fatto che, in Italia, se si partecipa come concorrente a un qualche quiz televisivo, si possono aprire le porte dei palazzi istituzionali...

Tornando però a Conte, ecco che arriva un’altra “perla”, stavolta un fuori onda che conferma del tutto il suo ruolo di “Premier terzo semplice esecutore di decisioni altrui”. Ecco che Conte, dopo la castroneria su Piersanti Mattarella, conferma la sudditanza a Di Maio e Salvini, scoprendo il proprio ruolo – limitato – di esecutore di decisioni altrui. Lo fa chiedendo il permesso di dire una cosa, e di Maio risponde: “No”. Ecco il video che lo conferma: Luigi, questo lo osso dire…”? “No”!

Insomma: un tripudio di non politica, di pasticciacci, di manie di grandezza, di qualcosa che ci riporta al solito punto: in Italia, il sistema politico è da smantellare, del tutto. Perché se questo doveva essere il cambiamento, appare quasi migliore la cosiddetta “Vecchia politica” che, però, ha almeno la capacità dialettica, e l’esperienza, di non scadere – e far scadere tutti noi – nel ridicolo.

Se parliamo poi di azioni di governo, tra proclami tra il razzismo e l’irrealizzabile da parte di Salvini, che dovrà fare meglio i suoi conti sul suo progetto di “Rimpatriare i clandestini” - peraltro fortemente fatti arrivare sul nostro territorio da tutti i governi in carica negli ultimi anni – la cantilena del “Reddito di cittadinanza” che ora si allontana sempre più, le dichiarazioni anti omosessuali, e tutto il resto, non appare essere questo un governo “Del cambiamento” come in molti italiani ritenevano. Se di “cambiamento” vogliamo parlare, effettivamente un cambiamento è palese. In peggio.

Ci sarebbe molto altro da dire, come - ad esempio - il fatto che il Ministro per le Infrastruture Toninelli stia decidendo di bloccare i lavori per il nodo autostradale di Bologna, necessario a snellire il traffico che, da anni, rende difficilissimo il deflusso della circolazione. Arrabbiatissimi cittadini, associazioni e la stessa Confindustria. Le ragioni non sono state spiegate approfonditamente. Tutto ciò, appare comunque schizofrenico.

Non condivido coloro che continuano a dire: “Impareranno, dategli tempo”. No, cari signori: la politica prende decisioni serie sulla vita, e il futuro, di milioni di persone. Non ci si può permettere che i palazzi istituzionali vengano utilizzati come nave scuola, e nemmeno abbiamo tempo da aspettare.

Se ciò che molti italiani è tutto questo, auguri italiani…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina


L'articolo ha ricevuto 1536 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/06/2018 17:44:36

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2018 10:35:01
Italia e repressione della libertà di stampa: arrivano i metodi estremi

Negare ai giornalisti di fare il proprio mestiere, è contrario ai fondamenti di un regime democratico. Ogni giorno, noi giornalisti, abbiamo il dovere – e il diritto – di informare le persone su quanto accade in ogni ambito e settore.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/06/2018 09:20:09
Aquarius: sfruttare i migranti per scopi politici ed elettorali

Cosa c’è di meglio – in piena campagna elettorale comunale – se non sfruttare la ghiotta occasione di una situazione del genere? Per Salvini è un piatto ricco. Plauso da parte di milioni di cittadini, quelli stanchi di pagare “colazione, pranzo, cena” a “giovanotti ben pasciuti e col cellulare”. Gli slogan salviniani ripetuti come un mantra ormai da alcuni anni.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/06/2018 06:47:11
Governo Conte: cominciamo molto male…

Inizio col ricordare a tutti, che il governo di una nazione – e i suoi ministri – sono il biglietto di visita che ci presenta al mondo. Se questo biglietto di visita è sdrucito, il mondo guarderà a noi tutti come un popolo di miserabili gestito da persone che dovrebbero stare altrove, non certo a capo di una nazione.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 30/05/2018 17:57:01
La politica italiana ci sta portando oltre il baratro #abracciaconserte per dire no a questo sistema

Tornare alle urne, dicono? L’arma in mano stavolta possiamo averla noi: uno sciopero elettorale massivo, da Nord a Sud. Ma con le prove: il giorno delle elezioni, tutti in strada, a filmare la popolazione a braccia conserte, in segno di protesta e negazioni di sostegno a un sistema che vuole solo fottere tutti. I filmati possono essere inviati in diretta sui social, ma ci vuole la partecipazione della massa, e stavolta allora si, potrebbero cambiare, in meglio, molte cose. L’hashtag per diffondere questa idea è: #abracciaconserte

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -3787