Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Ambiente  
Preservativi e pillola, gli eco-distruttori ignorati

Preservativi e pillola, gli eco-distruttori ignorati
Autore: Anastasia Romanov
Data: 10/11/2007 12:47:47

Preservativi e pillola, gli eco-distruttori ignorati

L'unica soluzione salva pianeta è la castità

Una brutta notizia per gli ambientalisti: i metodi contraccettivi non naturali sono tanto sicuri quanto inquinanti.
Non fanno eccezione – anzi, sono indicati tra i principali "eco-criminali" - i preservativi, irrinunciabile scudo contro le malattie sessualmente trasmissibili. L'unica soluzione eco-compatibile per evitare gravidanze indesiderate è quindi la più antica del mondo: la castità.

L'opinionista specializzato in tematiche etico-ambientali Ethan Greenhart non ha dubbi: usare i preservativi equivale a "dare fuoco con della benzina agli alberi e fiori autunnali urlando Il global warming è un mito". Il motivo è subito spiegato. I profilattici sono dei budelli di lattice intrisi di detergente non ionico, spermicida, contenente un composto sintetico chiamato Nonoxynol-9. Senza addentrandosi troppo nei dettagli chimici, si tratta di sostanze sintetiche, molto nocive per gli animali e l'ambiente, soprattutto marino, dove i preservativi finiscono copiosi. E se si calcola che, stando alle statistiche, un adulto ha in media 103 rapporti sessuali all'anno, il consumo di questi "eco-killer" non può che attestarsi su livelli di allarme.

Esistono anche i preservativi meno inquinanti, i cosiddetti "eco-condoms" ma, come precisa l'editorialista, al posto del lattice c'è una sostanza che li rende ugualmente poco consigliabili: l'intestino degli agnelli. Se proprio si deve usare il profilattico - d'obbligo nei rapporti a rischio - è meglio optare per quello vegano, che sostituisce le proteine del latte, ricavate da mucche imprigionate in gabbie anguste e affollate, con polvere di cacao.

I sostenitori della pillola possono sentirsi in pace con la coscienza? Assolutamente no. Greenhart ha puntato il dito anche su questa forma di contraccezione. Il motivo? È testata sugli animali e gli ormoni in essa contenuti causano cambiamenti di sesso in pesci e anfibi. Alcuni scienziati canadesi hanno sciolto nel lago Ontario alcune pillole a base di estrogeni e hanno scoperto i pesci maschi si erano femminilizzati al punto da covare uova nei testicoli.

Se i contraccettivi non naturali sono poco ecologici, lo sono ancora meno le nuove nascite. Un articolo pubblicato su
The Guardian con il significativo titolo "How condoms could save planet" ("Come i preservativi potrebbero salvare il pianeta") mette in guardia i sostenitori delle famiglie numerose: l'uomo è la maggiore minaccia per la terra. Ogni individuo produce infatti nel corso della sua vita 750 tonnellate di Co2. Meglio quindi limitarsi a due figli, tanto per garantire la continuità della specie. E poi darsi alla castità, una garanzia anche contro le malattie sessualmente trasmissibili.


L'articolo ha ricevuto 17360 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 20/11/2017 19:31:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Ambiente

Autore: Carola De Blasi .- Redazione Scientifica
Data: 12/11/2017 07:39:55
Nube di Rutenio 106 radioattivo sull' Europa. Mistero sulle origini

“Molte reti europee di sorveglianza per la radioattività nell’atmosfera a fine settembre 2016 hanno registrato la presenza di rutenio-106 al livello di qualche millibecquerel per metro cubo d’aria”

Leggi l'articolo

Autore: St?phane Mandard - Redazione Scientifica
Data: 14/10/2017 06:21:39
Europa e inquinamento atmosferico: ogni anno 500.000 vittime

I dati danno la misura dell’urgenza sanitaria. Nel 2014, l’inquinamento dell’aria ha causato il decesso prematuro (prima di 65 anni) di 520.400 persone in 41 dei Paesi del continente europeo.

Leggi l'articolo

Autore: Camille Gevaudan - Redazione Scientifica
Data: 16/09/2017 06:36:49
Uragani: chi sceglie i nomi?

Harvey con una H. Irma con una I… L’ordine alfabetico non e’ una coincidenza: Irma e’ a buona ragione il suo diretto successore, la prima tempesta atlantica cosi’ potente dopo Harvey si’ da poter ricevere il nome di ciclone tropicale. C'e’ una progressione precisa dell’assegnare i nomi.

Leggi l'articolo

Autore: Matteo Gavioli - Redazione Scientifica
Data: 27/08/2017 15:57:55
Insetti alieni: allarme invasione in Italia

Dall’Asia all’Africa, i parassiti killer trasportati con gli scambi commerciali stanno mettendo a rischio l’ecosistema creando danni all’agricoltura mondiale. Un esempio virtuoso nella lotta a questa invasione per l’export globale è l’Italia

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)