Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Sigarette elettroniche: NO al Monopolio di Stato! Firma la petizione

Sigarette elettroniche: NO al Monopolio di Stato! Firma la petizione
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/01/2018 12:04:02

Ci siamo: come ci si aspettava, lo Stato italiano ha messo le mano sul mercato delle sigarette elettroniche, imponendo che i liquidi – con o senza nicotina – debbano essere gravati di imposte altissime, che arrivano addirittura al 450%

E’ stata introdotta una tassa di 0,37 euro per ogni millilitro di liquido di ricarica, con o senza nicotina. Tenendo conto dell’IVA, significa che i flaconi di ricarica da 10 millilitri – che durano pochi giorni ai consumatori abituali – costeranno tra i 4,50 e i 5 euro in più.

Non basta: dal prossimo aprile, anche il glicerolo utilizzato per creare i liquidi per le sigarette elettroniche subirà un incredibile aumento, passando dagli attuali 20 euro al litro a ben 450 euro al litro, a causa dell’aggravio fiscale imposto dallo Stato italiano.

Molti italiani sono riusciti ad affrancarsi dal vizio del fumo grazie alla comparsa sul mercato delle sigarette elettroniche, che fanno molto meno male delle sigarette tradizionali, grazie alla composizione dei liquidi inalati e la mancanza di combustione che avviene invece nelle sigarette con tabacco e che sviluppa centinaia di sostanze altamente tossiche.

Oltre ciò, il risparmio che consegue all’utilizzo di questi dispositivi era notevole per il consumatore, che ora si ritrova a pagare 10ml di liquido con o senza nicotina, al pari di un pacchetto di sigarette.

Tutto ciò è INACCETTABILE.

Gli aumenti spropositati, l’imposizione della vendita esclusiva attraverso il Monopolio di Stato, assoggetta la popolazione a un ritorno al tabagismo: in considerazione delle imposte ora applicate infatti, saranno molte le persone che decideranno di tornare a fumare.

Non basta: il comparto commerciale – sia per ciò che riguarda i negozi tradizionali sia per ciò che concerne le aziende che operano online – aveva un giro di affari notevole, e dava lavoro a migliaia di persone in Italia.

Ora, a causa di questa vera espropriazione di un diritto dei cittadini, da parte dello Stato, i lavoratori rischiano di perdere il posto, i cittadini rischiano di tornare a fumare, e in tutto ciò lo Stato si preoccupa solo di accaparrarsi gli introiti relativi al settore dello svapo e non si interessa minimamente della salute dei cittadini.

Ricordo a tutti che il Monopolio nacque NON per imporre accise, bensì per garantire ai cittadini il controllo dei costi di determinati articoli, quali le sigarette e gli alcolici.

Da troppi anni invece, è divenuto un ulteriore contenitore di gabelle – sempre più pesanti – che assottigliano ancora di più la capacità economica dei cittadini.

BASTA: lo Stato deve tornare a occuparsi della salute, del benessere, dell’economia dei cittadini.

Firma e fai firmare questa petizione! Clicca sul banner e firma.

Emilia Urso Anfuso

 

 

 

L'articolo ha ricevuto 752 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/06/2018 14:58:36

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2018 10:35:01
Italia e repressione della libertà di stampa: arrivano i metodi estremi

Negare ai giornalisti di fare il proprio mestiere, è contrario ai fondamenti di un regime democratico. Ogni giorno, noi giornalisti, abbiamo il dovere – e il diritto – di informare le persone su quanto accade in ogni ambito e settore.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/06/2018 09:20:09
Aquarius: sfruttare i migranti per scopi politici ed elettorali

Cosa c’è di meglio – in piena campagna elettorale comunale – se non sfruttare la ghiotta occasione di una situazione del genere? Per Salvini è un piatto ricco. Plauso da parte di milioni di cittadini, quelli stanchi di pagare “colazione, pranzo, cena” a “giovanotti ben pasciuti e col cellulare”. Gli slogan salviniani ripetuti come un mantra ormai da alcuni anni.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/06/2018 06:47:11
Governo Conte: cominciamo molto male…

Inizio col ricordare a tutti, che il governo di una nazione – e i suoi ministri – sono il biglietto di visita che ci presenta al mondo. Se questo biglietto di visita è sdrucito, il mondo guarderà a noi tutti come un popolo di miserabili gestito da persone che dovrebbero stare altrove, non certo a capo di una nazione.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 30/05/2018 17:57:01
La politica italiana ci sta portando oltre il baratro #abracciaconserte per dire no a questo sistema

Tornare alle urne, dicono? L’arma in mano stavolta possiamo averla noi: uno sciopero elettorale massivo, da Nord a Sud. Ma con le prove: il giorno delle elezioni, tutti in strada, a filmare la popolazione a braccia conserte, in segno di protesta e negazioni di sostegno a un sistema che vuole solo fottere tutti. I filmati possono essere inviati in diretta sui social, ma ci vuole la partecipazione della massa, e stavolta allora si, potrebbero cambiare, in meglio, molte cose. L’hashtag per diffondere questa idea è: #abracciaconserte

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -15278