Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Ius soli: non contano le persone, contano i voti

Ius soli: non contano le persone, contano i voti
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/10/2017 13:06:59

Umanitaristi: non cascateci. La querelle sullo Ius Soli, montata in special modo dalla componente politica di centro sinistra, non ha nulla di umanitario. Ai politici non fotte nulla degli italiani, figurarsi dei figli degli extracomunitari.

I nostri politici, semmai, sono avvezzi a fottersene dei fatti propri, e pur di raggiungere i propri scopi, sono pronti a tutto. Anche a fare lo sciopero della fame. Finto ovviamente, ma ci mettono l’intenzione.

Del Rio, promotore dello sciopero della fame a staffetta (…) sciopera tra una colazione e un piatto di tagliatelle coi tartufi, sta solo facendo campagna elettorale, spargendo semi di populismo anche e sopratutto tra gli stranieri, futuri contribuenti italiani.

D’altronde, è ciò che accade da decenni negli USA, che pur di apparire grandi, lo Ius soli lo hanno concretizzato in tempi non sospetti. Anche ai presidenti USA non fotte nulla degli stranieri residenti e dei loro figli, malgrado uno dei presidenti più recenti non fosse esattamente di pelle bianca. Però, il conto è presto fatto: se ammetti che i figli dei cittadini stranieri residenti sul territorio diventino automaticamente statunitensi, ecco che crei una popolazione di molto superiore - numericamente - al normale, se contassimo solo i veri americani aventi diritto di territorialità.

Ecco alcuni dati: gli stranieri residenti sul territorio statunitense sono circa 45 milioni, la maggior parte dei quali sono messicani. 20 milioni fra di essi, sono naturalizzati americani. Se aggiungiamo anche i figli degli stranieri nati sul suolo americano, che grazie allo Ius Soli sono – a tutti gli effetti – cittadini americani, la cifra sale a 81 milioni di cittadini. Su una popolazione complessiva di circa 385 milioni di persone, capite bene che l’America è una grande nazione, anche numericamente, grazie a qualche stratagemma…

Stessa cosa sta accadendo in Italia: in un periodo storico in cui sono ben altre le urgenze, le necessità e le aberrazioni che tolgono il sonno a milioni di italiani, cosa fanno i nostri politici? Portano innanzi a tutto, la loro priorità. Creare consensi. E siccome sanno benone come il consenso popolare da parte degli italiani sia in calo vertiginoso, ecco che vanno ad accaparrarsi le simpatie di extracomunitari di ogni etnia.

Mica fessi.

Contemporaneamente, ecco che il governo – per l’ennesima volta in special modo durante i governi di centro-sinistra – pone la fiducia sulla legge elettorale, che dovrebbe intitolarsi “Rosatellum”, ma che per le assurdità che contiene nel testo, sarebbe meglio rinominare “Tavernellum”. In pratica, stanno riuscendo a dare una ulteriore mannaiata ai diritti civili dei cittadini per ciò che riguarda il diritto al voto.

Non bisogna dimenticare che, l’utilizzo periodico della richiesta di fiducia, in special modo per misure molto importanti e sensibili per la vita dei cittadini, è uno degli atti più autoritari che una repubblica a regime democratico possa compiere.

Ovviamente, di democratico in Italia non esiste praticamente più nulla, ma a quanto pare le parole continuano ad avere un valore maggiore dei fatti.

Insomma: con questa campagna elettorale, composta da aberrazioni di ogni sorta – non ultimo il fatto di aver appreso che il Movimento 5 Stelle è diventato del tutto simile ai partiti che dice di voler combattere, visto che ora si parla anche di due mandati come fosse cosa normale – a restare a bocca asciutta, una volta di più, sono gli italiani.

Compressi dalle problematiche socio economiche sempre più incalzanti (e palesemente irrisolvibili a causa della non volontà istituzionale a prendersene cura) e da un sistema politico che ormai non fa nemmeno il piccolo sforzo di promettere qualcosa. Ovvio: ormai il popolo non conta nulla.

Dite grazie alle “Leggi elettorali”, che probabilmente non avete nemmeno avuto voglia, né tempo, di leggere e tentare di capire. E’ proprio attraverso questo tipo di leggi che si tolgono diritti e sovranità popolare, anche se non ve lo diranno mai. Agendo in tal modo, non c’è nemmeno necessità di avviare riforme costituzionali, per togliere diritti civili ai cittadini: basta giocherellare con le normative legate alle elezioni, politiche e amministrative.  

E con questo, buona fortuna a tutti…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 992 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/10/2017 09:41:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 23/10/2017 13:28:59
Propaganda elettorale: tra bugie, omissioni e spese elettorali vergognose

Uno degli articoli della legge di bilancio, qualora venisse approvato, permetterà allo Stato di svendere i crediti di Equitalia (ex agente della riscossione di cui è staro solo modificato il nome) a privati, leggi “Banche”, per una somma di circa 4 miliardi a fronte di un valore effettivo di circa 500 miliardi e per il periodo che va dal 2000 al 2010.

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 16/10/2017 07:08:09
Il caso Weinstein e l'insostenibile leggerezza sul criterio di abuso sessuale

Il mondo ora, scopre l’acqua calda. E ne fa un caso internazionale. Di più: sui social, famoso contenitore di ideologi senza idee e sociologi senza cognizione di causa, attizzano il fuoco sul tema “violenza e abuso sessuale”, generando una confusione senza pari tra il criterio di violenza sessuale e quello di libero scambio tra adulti.

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/10/2017 13:06:59
Ius soli: non contano le persone, contano i voti

Umanitaristi: non cascateci. La querelle sullo Ius Soli, montata in special modo dalla componente politica di centro sinistra, non ha nulla di umanitario. Ai politici non fotte nulla degli italiani, figurarsi dei figli degli extracomunitari.

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/10/2017 08:08:08
Italia: un sistema paese al contrario

E’ un po’ come la Grecia pre-default, quando si sapeva perfettamente come andassero le cose. La popolazione lasciava che la dirigenza politica si facesse gli affaracci propri, sapendo di poter contare – come cittadini – su una sorta di immunità sulle piccole azioni di corruzione o di clientelismo. Peccato che, quando i tempi furono maturi per mandar tutto a carte quarantotto, a salvarsi furono solo i politici, che guardarono dall’alto del loro potere una popolazione gettata, da un giorno all’altro, al limite della fame.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)