Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Italia: un sistema paese al contrario

Italia: un sistema paese al contrario
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/10/2017 08:08:08

Quando si vive in una nazione, ci si aspetta che – chi la dirige – sia principalmente in grado di mettere in atto azioni, leggi e misure atte a far si che questa nazione sia vivibile per i cittadini.

Quando questo parametro – il livello di vivibilità – scende ai minimi storici, si può parlare di sistema fallito. Il livello di vivibilità in Italia, è sceso ormai ai minimi storici, ma la cosa paradossale e che mette davvero in dubbio un futuro migliore, è il fatto che non sembra vi sia una volontà seria, concreta, a metter mano a soluzioni condivisibili, in special modo per i cittadini, che ormai condannano – a buona ragione – tutto ciò che accade nel nostro paese.

I nostri politici, ormai lo sappiamo, sono più avvezzi a farsi i fatti propri che a occuparsi dei fatti degli italiani. C’è da dire però, che sono proprio gli italiani – non tutti ma la maggior parte – a consentire ai personaggi politici di fare tutto ciò che meglio credono.

Un tempo, nemmeno troppo lontano, la popolazione si ribellava quasi istantaneamente agli scandali e alle azioni contrarie all’onestà di quei politici (ci son sempre stati) avvezzi alla corruzione piuttosto che alla gestione del paese.

Poi arrivò “Mani pulite” e quella che doveva essere un’inchiesta salvifica dell’onore dell’Italia e della sua dirigenza, si tramutò in un vero e proprio cambiamento nei costumi dei politici nostrani che, svergognati dalle inchieste, non provarono mai più vergogna, e invece di migliorar se stessi, pensarono bene di tramutare gli scandali in consuetudine, tanto da sedare la capacità critica a livello nazionale.

Da allora, tutto e il contrario di tutto è stato reso possibile.  In un paese abitato palesemente da gente sedata in parte da una crisi economica sapientemente creata a suo tempo e sviluppata e diramata a livello mondiale, e per un’altra parte da una sorta di concessione e apertura al crimine di piccolo livello, ecco che politica e popolazione hanno stretto una sorta di patto di convivenza: corrotti ai vertici, piccoli corrotti e avvezzi al malaffare alla base.

E’ un po’ come la Grecia pre-default, quando si sapeva perfettamente come andassero le cose. La popolazione lasciava che la dirigenza politica si facesse gli affaracci propri, sapendo di poter contare – come cittadini – su una sorta di immunità sulle piccole azioni di corruzione o di clientelismo. Peccato che, quando i tempi furono maturi per mandar tutto a carte quarantotto, a salvarsi furono solo i politici, che guardarono dall’alto del loro potere una popolazione gettata, da un giorno all’altro, al limite della fame.

Tornando a noi: molti cittadini, ogni giorno, lamentano un sistema paese ormai allo sbando. Il leitmotiv è: “Ma possibile che i politici non capiscano che”… No, tranquilli: i politici capiscono benissimo un mucchio di cose, solo che non hanno alcuna intenzione di fare ciò che andrebbe fatto secondo coerenza. Sanno perfettamente con che tipo di popolo hanno a che fare...

Prendiamo un tema a caso: l’istruzione. Vi pare normale che a dirigere il dicastero dell’Istruzione abbiano nominato una ex sindacalista che nemmeno uno straccio di diploma ha avuto a cuore di conseguire ma che aveva millantato titoli - perfino una laurea - sul proprio curriculum? A me, no.

Perché una scelta – scellerata – del genere? Perché era necessario abbattere un poco di più lo già scarso livello culturale a livello nazionale. La dirigenza di un paese, si sa, è lo specchio della popolazione. E se la dirigenza è di basso livello culturale, la popolazione non può esser da meno, ma un gradino più sotto.

Difatti, tra le “riforme” firmate dal Ministro Fedeli, ci sono solo provvedimenti atti a facilitare in ogni modo la promozione facile, obbrobrio assoluto di qualsiasi criterio culturale. Tra abbattimento del numero degli anni del percorso scolastico, alla promozione a tutti a ogni costo, non servono scienziati o esperti per comprendere come il comparto scolastico nostrano stia andando al contrario.

Parliamo di Giustizia. Vi pare normale, ad esempio, che una dottoressa che subisce violenza nell’ambulatorio di Guardia Medica presso cui lavora, debba subire la derubricazione della sua denuncia come “incidente sul lavoro”? A me, no. Non mi pare affatto normale che una violenza sessuale, durata peraltro alcune ore e che si ripercuoterà per sempre nella vita della vittima, sia stata considerata “un incidente sul lavoro”. Poi però, arrivano le smentite, eppure la notizia appariva ufficiale e confermata. E' il caos...

Sanità: da anni ormai, ogni cittadino italiano di fascia media e bassa, deve augurarsi di non aver necessità di cure, analisi e ricoveri. La burocrazia ha preso il posto del Giuramento di Ippocrate. Senza alcuna necessità di riforma o decreto Legge, di fatto si è istituzionalizzato – in molti casi – il criterio di Eutanasia. Si muore prima di poter accedere alle cure. Oppure si muore per convenienza, come nei casi abbietti in cui scopriamo che alcuni medici preferiscono il guadagno economico piuttosto che la salute dei pazienti che operano, manco fossero animali al macello.

E la Politica? un teatrino buffo, inutile e ormai palesemente bulimico di potere. Non si fa nulla per la nazione e per i cittadini, si vive in una perenne campagna elettorale che nemmeno promette più mari e monti, ma solo un’inutile sequela di frasi fatte e senza contenuto. Nel frattempo le città crollano – basta continuare a non fare manutenzione ordinaria e straordinaria per le strade – le istituzioni locali fanno cassa a suon di multe strategiche e balzelli gonfiati, gli scandali – che sia politica nazionale o locale fa lo stesso – sono all’ordine del giorno, ma mai nessuno che faccia il famoso “passo indietro”: la poltrona innanzitutto.

In ultimo, ma non per finire, l'aberrante situazione delle pensioni: agli italiani, di fatto, viene negato il diritto di ottenerla dopo una vita di lavoro, contemporaneamente, parlamentari assolutamente contrari alla cessione di diritti e privilegi, fanno carte false pur di garantirsi vitalizi e pensioni, anche doppie e triple. Non commento oltre...Solo in Italia è possibile tutto questo, continuando poi a parlare di Repubblica a regime democratico.

Da Milano a Catania è un susseguirsi di negazione dei diritti dei cittadini, appropriazione indebita di denaro pubblico, riforme che riformano al contrario e non creano sviluppo ma involuzione. Insomma: un’Italia al contrario.

In tutto ciò, davvero non riesco più a sopportare l’assoluto lassismo degli italiani, che da un lato piangono miseria – è nel DNA nazionale – dall’altro seguitano a campare come se, tutto sommato, in Italia si campi benone. A questo punto un dubbio: ma agli italiani quindi, piace un sistema paese al contrario? Altrimenti non si spiega…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina 


L'articolo ha ricevuto 1760 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/01/2018 07:04:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 17/01/2018 16:36:51
Mettiamoci in gioco: Francesco Longobardi, l’uomo del fare veramente…

Tra le figure più interessanti che si affacciano al mondo della politica nazionale, un uomo che oltre ad essere realmente vicino ai cittadini, è costantemente presente sul territorio, con azioni concrete e tutte mirate a migliorare la condizione delle persone e delle famiglie. Si chiama Francesco Longobardi,

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2018 07:27:19
La politica dei diritti negati strutturali e delle pezze a colori coi bonus

Promettono soluzioni che non concretizzeranno mai. Se davvero avessero voluto, avrebbero diminuito la pressione fiscale, aumentato man mano le pensioni, rivalutandole come è giusto che sia. Non avrebbero approvato la Riforma Fornero – che pure un neonato avrebbe capito essere incostituzionale – e nemmeno creato un obbrobrio nega diritti qual è il Jobs Act.

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/01/2018 12:04:02
Sigarette elettroniche: NO al Monopolio di Stato! Firma la petizione

Ci siamo: come ci si aspettava, lo Stato italiano ha messo le mano sul mercato delle sigarette elettroniche, imponendo che i liquidi – con o senza nicotina – debbano essere gravati di imposte altissime, che arrivano addirittura al 450%

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 03/01/2018 10:08:24
Dal cellulare più lungo al pulsante nucleare più grosso

Il minuscolo mastino nordcoreano abbaia per primo, mostrando i denti: “Attento Trump. Ho il pulsante nucleare sulla mia scrivania. Se voglio, ti anniento”. Di rimando il mastino statunitense, Donald Trump: “Anch’io il pulsante nucleare, ma ce l’ho più grosso”. Come cambiano i tempi: oggi la verifica si fa sulla grossezza dei pulsanti nucleari, mica sulla misurazione della metrica intima…

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)