Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Corea del Nord: forse Kim Jong-un tanto pazzo non e'...

Corea del Nord: forse Kim Jong-un tanto pazzo non e'...
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/09/2017 06:09:08

Sulla Corea del Nord e Kim Jong-un: non chiamatelo solo "pazzo".

É un dittatore, di una minuscola realtà. Figlio e nipote di dittatori. Una dinastia di dittatori. Ma in un piccolo territorio.
 
Kim non è scemo, potrà essere un folle, ma lo sono tutti i dittatori.
 
Sa bene però, che l'unico modo sia per salvaguardare l'indipendenza della Corea del Nord, sia per ottenere il rispetto dai governi mondiali, a cominciare dagli USA, è armarsi fino ai denti, di nucleare e anche peggio.
 
Minaccia, sparge terrore, sa che è l'unica arma per non soccombere. Si comporta un po' come quei cani minuscoli che, di fronte a un mastino, abbaiano, ringhiano, si dimenano fino a far scappare il cane più grande.
 
Riflettete: Saddam depose le armi nucleari su richiesta degli States La fine che ha fatto è nota a tutti. Stessa cosa per ciò che riguarda Gheddafi.
 
Forse, Kim vorrebbe un posto tra i grandi del mondo. Forse vorrebbe riunire la Corea, magari invadendo la Corea del Sud.
 
Sta di fatto che, attualmente, Kim riesce a mantenere il coltello dalla parte del manico.
 
Se gli USA avranno la capacità, per una volta, di fare un passo indietro, sono certa che, l'assetto attuale cambierebbe in maniera stupefacente.
 
Basterebbe provare ad aprire al dialogo. E gli USA dovranno farlo, dal momento che - stavolta - non si ha a che fare con un governo orientale tra quelli disposti ad accettare la balla statunitense delle "guerre di pace". D'altronde, il rischio è altissimo. Dai e dai, Kim potrebbe arrivare davvero a cancellare dal pianeta una città come Los Angeles o San Francisco.
 
E di fronte alla minaccia reale, non si potrà che giungere al dialogo. Sarebbe peraltro la prima volta che gli USA verrebbero sconfitti in maniera tanto clamorosa,  da decenni, sui loro piani strategici basati sull'invasione dei territori che mentono di voler salvare.
 
A volte, non è la grandezza di una potenza a spaventare, quanto la capacità strategica. Kim, sta mostrando che, in quanto a strategia, non è carente.
 
Ne riparleremo. Quando forse, un giorno, sarà normale che Kim Jong-un sarà invitato a partecipare ai G20, a sedere con le grandi potenze mondiali per decidere delle sorti del pianeta.
 
©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

L'articolo ha ricevuto 2160 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/09/2017 07:48:08

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 19/09/2017 07:32:01
Telefonia mobile: stop alle bollette a 28 giorni entro il 2017

Quello della telefonia è un settore miliardario. Solo per ciò che riguarda la telefonia mobile, in Italia 28 milioni di utenti si collegano ai social attraverso il proprio Smartphone: facile quindi comprendere il volume di affari. 

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 17/09/2017 15:41:49
Donne e stupri: prevenire e' meglio che denunciare...

Ora vi dico cosa penso: che vi piaccia o meno è una realtà: se tu, donna, pretendi di vagare per le strade nottetempo, magari ubriaca e/o fatta, magari da sola o in compagnia di amiche che, come te, sono ubriache e/o fatte, e magari avete deciso di indossare una minigonna inguinale, scarpe col tacco 12 e le tette di fuori, considerando che si, ESISTONO GLI STUPRATORI, non è che poi potete piantare un casino della malora sul tema della "Libertà della donna"

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 16/09/2017 14:54:13
Niki Dragonetti: la procura archivia la denuncia contro la Boldrini dopo appena 10 ore

Dragonetti è assurto agli onori delle cronache ed è diventatp virale grazie a una denucia, presentata presso la Procura di Cassino, contro la Presidente della Camera Laura Boldrini, che aveva pubblicato sul suo profilo Twitter questo post: «Europa, resistenza a cedere quote sovranità. Ma il traguardo va raggiunto o prevarranno disgregazione e populismo».

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 16/09/2017 08:23:49
L' assunzione delle responsabilita' salvera' il mondo

Un tempo, al giungere della maggiore età, si diceva proprio: "Ora devi assumerti le tue responsabilità", e con questa frase, i nuovi adulti sapevano di non poter più contare troppo sull'ala protettiva dei genitori, che intervenivano per qualsiasi atto o marachella dei propri figli.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)