Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Corea del Nord: forse Kim Jong-un tanto pazzo non e'...

Corea del Nord: forse Kim Jong-un tanto pazzo non e'...
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/09/2017 06:09:08

Sulla Corea del Nord e Kim Jong-un: non chiamatelo solo "pazzo".

É un dittatore, di una minuscola realtà. Figlio e nipote di dittatori. Una dinastia di dittatori. Ma in un piccolo territorio.
 
Kim non è scemo, potrà essere un folle, ma lo sono tutti i dittatori.
 
Sa bene però, che l'unico modo sia per salvaguardare l'indipendenza della Corea del Nord, sia per ottenere il rispetto dai governi mondiali, a cominciare dagli USA, è armarsi fino ai denti, di nucleare e anche peggio.
 
Minaccia, sparge terrore, sa che è l'unica arma per non soccombere. Si comporta un po' come quei cani minuscoli che, di fronte a un mastino, abbaiano, ringhiano, si dimenano fino a far scappare il cane più grande.
 
Riflettete: Saddam depose le armi nucleari su richiesta degli States La fine che ha fatto è nota a tutti. Stessa cosa per ciò che riguarda Gheddafi.
 
Forse, Kim vorrebbe un posto tra i grandi del mondo. Forse vorrebbe riunire la Corea, magari invadendo la Corea del Sud.
 
Sta di fatto che, attualmente, Kim riesce a mantenere il coltello dalla parte del manico.
 
Se gli USA avranno la capacità, per una volta, di fare un passo indietro, sono certa che, l'assetto attuale cambierebbe in maniera stupefacente.
 
Basterebbe provare ad aprire al dialogo. E gli USA dovranno farlo, dal momento che - stavolta - non si ha a che fare con un governo orientale tra quelli disposti ad accettare la balla statunitense delle "guerre di pace". D'altronde, il rischio è altissimo. Dai e dai, Kim potrebbe arrivare davvero a cancellare dal pianeta una città come Los Angeles o San Francisco.
 
E di fronte alla minaccia reale, non si potrà che giungere al dialogo. Sarebbe peraltro la prima volta che gli USA verrebbero sconfitti in maniera tanto clamorosa,  da decenni, sui loro piani strategici basati sull'invasione dei territori che mentono di voler salvare.
 
A volte, non è la grandezza di una potenza a spaventare, quanto la capacità strategica. Kim, sta mostrando che, in quanto a strategia, non è carente.
 
Ne riparleremo. Quando forse, un giorno, sarà normale che Kim Jong-un sarà invitato a partecipare ai G20, a sedere con le grandi potenze mondiali per decidere delle sorti del pianeta.
 
©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

L'articolo ha ricevuto 8944 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/06/2018 15:04:04

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2018 10:35:01
Italia e repressione della libertà di stampa: arrivano i metodi estremi

Negare ai giornalisti di fare il proprio mestiere, è contrario ai fondamenti di un regime democratico. Ogni giorno, noi giornalisti, abbiamo il dovere – e il diritto – di informare le persone su quanto accade in ogni ambito e settore.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/06/2018 09:20:09
Aquarius: sfruttare i migranti per scopi politici ed elettorali

Cosa c’è di meglio – in piena campagna elettorale comunale – se non sfruttare la ghiotta occasione di una situazione del genere? Per Salvini è un piatto ricco. Plauso da parte di milioni di cittadini, quelli stanchi di pagare “colazione, pranzo, cena” a “giovanotti ben pasciuti e col cellulare”. Gli slogan salviniani ripetuti come un mantra ormai da alcuni anni.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/06/2018 06:47:11
Governo Conte: cominciamo molto male…

Inizio col ricordare a tutti, che il governo di una nazione – e i suoi ministri – sono il biglietto di visita che ci presenta al mondo. Se questo biglietto di visita è sdrucito, il mondo guarderà a noi tutti come un popolo di miserabili gestito da persone che dovrebbero stare altrove, non certo a capo di una nazione.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 30/05/2018 17:57:01
La politica italiana ci sta portando oltre il baratro #abracciaconserte per dire no a questo sistema

Tornare alle urne, dicono? L’arma in mano stavolta possiamo averla noi: uno sciopero elettorale massivo, da Nord a Sud. Ma con le prove: il giorno delle elezioni, tutti in strada, a filmare la popolazione a braccia conserte, in segno di protesta e negazioni di sostegno a un sistema che vuole solo fottere tutti. I filmati possono essere inviati in diretta sui social, ma ci vuole la partecipazione della massa, e stavolta allora si, potrebbero cambiare, in meglio, molte cose. L’hashtag per diffondere questa idea è: #abracciaconserte

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -15318