Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Catania, aggressione all 'ispettore Luigi Licari: la lettera della nipote

Catania, aggressione all 'ispettore Luigi Licari: la lettera della nipote
Autore: Lietta Licari
Data: 05/09/2017 07:47:49

Pubblichiamo le parole scritte dalla nipote di Luigi Licari, l'ispettore di Polizia Municipale aggredito da un branco di giovinastri dopo che Licari aveva chiesto a uno di essi di non transitare in una strada chiusa al traffico per lavori in corso: la nipote, Lietta Licari, figlia del fratell di Luigi Licari, ci ha concesso in esclusiva la pubblicazione:

Quando vieni a sapere di disgrazie e aggressioni ti dispiaci, rivolgi i tuoi pensieri al malcapitato e alla sua famiglia e ti auguri che mai una cosa del genere possa capitare ai tuoi cari.

Poi invece una domenica mattina ti arriva una chiamata che ti annuncia che il tuo amato e affettuosissimo zio è stato picchiato e ridotto in fin di vita. Ti si annebbia la mente, la disperazione prende il sopravvento e ti senti annientato, disperato, impotente. Non ti resta che attendere, pregare, sperare che lui sia abbastanza forte da sopravvivere. 

Ecco, in questi giorni è così che ci sentiamo io e la mia famiglia dopo l'infame aggressione da parte di un pugno di vigliacchi ai danni di mio zio Luigi, ispettore della polizia municipale di Catania, che si trova ricoverato in terapia intensiva. 

Inutile dire che i motivi dell'aggressione sono stati futili - aver bloccato il passaggio pedonale ad un motociclista privo di casco - niente giustifica tanta efferata violenza. Una decina di vigliacchi lo hanno preso alle spalle e colpito lasciandolo agonizzante per terra. 

Se dovessi dare sfogo alla mia rabbia, potrei dire che vorrei vedere loro per terra in una pozza di sangue. Potrei vomitare tutto il mio disprezzo per tutti coloro che hanno reso la mia città una giungla invivibile, nella quale mio zio aveva paura a svolgere il suo lavoro. Potrei anche dire che non credo che giustizia sarà fatta e che questi stronzi verranno trovati.

Potrei farmi sopraffare dall'odio, ma non posso e non voglio. 

Voglio solo unirmi alle preghiere e alle speranze dei miei familiari affinché quell' uomo meraviglioso che è mio zio possa svegliarsi e riprendersi al meglio. 
Stiamo ricevendo decine di telefonate e messaggi di conforto da tanti amici e conoscenti che affranti ci ricordano quanto lui sia uno splendido uomo e padre di famiglia, e di questo vi ringrazio dal profondo del cuore.

Lietta Licari


L'articolo ha ricevuto 1568 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 20/11/2017 19:28:32

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Carola De Blasi .- Redazione Cronaca
Data: 20/11/2017 07:14:22
Chivasso, giovane addestratore cinofilo morto: forse un malore prima di essere attaccato dal cane

Tra le ipotesi sui motivi della morte, al vaglio degli inquirenti ci sarebbe anche un malore improvviso, dal momento che intorno al suo corpo sono state trovate poche tracce di sangue. E' quindi ipotizzabile uno scenario di questo tipo: Davide Lobue si sarebbe sentito male, accasciandosi in terra e solo dopo il cane lo avrebbe aggredito.

Leggi l'articolo

Autore: Ramella Nicol - Redazione Cronaca
Data: 19/11/2017 07:06:02
Teresi, Procuratore aggiunto di Palermo: 'La successione di Riina e' gia' stata pensata'

“Credo che, per quanto conosco l’organizzazione, avesse già cercato di pensare ad una successione. Perché è vero che Riina rappresentava il capo assoluto di Cosa Nostra, però è anche vero che ormai le sue condizioni facevano facilmente prevedere che di lì breve sarebbe scomparso. "

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 18/11/2017 08:45:42
Bologna, test drive in Lamborghini: muore autista del presidente della Corte di Appello di Bologna

Vito Rotunno, 57 anni, autista del presidente della Corte d’Appello di Bologna, Giovanni Colonna, e dipendente del ministero della Giustizia è morto ieri mattina a Sant’Agata Bolognese a causa di un terribile incidente stradale.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 17/11/2017 08:02:50
Toto' Riina: la sua morte annunciata in diretta TV dalla Santanche' ore prima del decesso ufficiale

Da quanto si apprende, è morto alle 04:00 del mattino di oggi 17 Novembre 2017, Totò Riina, boss mafioso originario di Corleone in provincia di Palermo. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)