Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Vaticano  
Onesti e disonesti, stretti in un abbraccio mortale

Onesti e disonesti, stretti in un abbraccio mortale
Autore: Editoriale di Padre Maurizio Patriciello
Data: 18/03/2017 07:50:53

Un cittadino “normale”, un lavoratore onesto, un padre di famiglia, per quante persone disoneste deve lavorare e guadagnare? A quante di queste persone deve dare da mangiare? È incredibilmente lunga la lista di politici, imprenditori, docenti universitari, personale pubblico, collusi con il mondo del malaffare. Li troviamo dappertutto questi signori eleganti che hanno imparato a fare affari con la camorra, la mafia, la ‘ndrangheta. La camorra si fa avanti, si assume la responsabilità, fa il volto arcigno, terrorizza il territorio per fare da paravento ai complici con la cravatta che siedono in posti importanti.

Dietro la camorra si sono nascosti e continuano a nascondersi tanti politici disonesti, intrallazzieri, professionisti. È un intreccio diabolico nel quale il cittadino normale finisce con l’ essere strozzato. Nel difficile momento che si ritrova a vivere il “cittadino normale” finisce col pagare sempre e solo lui per tutti. Me ne accorgo ogni giorno per quanto riguarda lo spaccio della droga. Tutti sanno chi sono i capi e a quanto ammonta il giro di affari ma ancora non si riesce – o non si vuole? – mettere la scure alla radice. Lo vedo con chi è senza lavoro, senza un soldo, senza prospettive. Se si dà da fare per non cedere alla depressione e alla disonestà finisce facilmente nella rete dell’ illegalità.

Perché qualsiasi cosa si inventa per arrangiarsi è illegale. Un uomo anziano vendeva qualche cassetta di verdura sul marciapiede. Lo hanno multato e gli hanno sequestrato la merce. L’ ho visto ieri al solito posto, senza la verdura e con la faccia depressa, Poi ci sono questi nostri fratelli che hanno la fortuna, la grazia di lavorare, di guadagnare, di occupare posti importanti nel mondo civile e politico; uomini scelti per servire la cosa pubblica e che invece della cosa pubblica fanno scempio, arraffando a piene mani e senza vergogna. E la gente comune smarrisce la strada, perde la speranza, diventa fatalista.

E l’illegalità, da peccaminoso e vergognoso vizio, agli occhi di qualcuno finisce con l’apparire una sorta di virtù dei furbi. Naturalmente in questo contesto la persona onesta sarebbe da compatire. Quando il male finisce col confondersi col bene, col diventare normale, non sempre è facile per la gente comune scegliere da quale parte stare. Sono passati 23 anni da quando il 19 marzo 1994 a Casal di Principe, nel Casertano, veniva ucciso don Peppino Diana. Una morte decretata dal clan della zona perché dava fastidio. Si impicciava di fatti che non avrebbero dovuto riguardarlo. Un prete che non si limitava a celebrare la messa e i funerali, che non se ne stava solo con la corona in mano. Un prete che sapeva bene quanto fosse micidiale, asfissiante l’ intreccio maledetto tra la camorra e il mondo politico e imprenditoriale. In questi anni se n’ è fatta di strada. Sono accadute tante cose belle.

La gente, da sempre accusata di essere omertosa, ha alzato la testa, ha cominciato a parlare, a scendere in strada, a pretendere i propri diritti. La maggior parte dei capi storici della camorra è oggi assicurata alla giustizia. Che cosa manca ancora per un vero riscatto della nostra terra? Mancano loro, i politici, i professionisti della cosa pubblica, gli imprenditori vigliacchi che con la camorra hanno convissuto ieri e oggi non ne sanno fare a meno.

È triste leggere che nell’ ultima retata, tra le 70 ordinanze di custodia cautelare emesse dalla Dda di Napoli figurano anche un consigliere regionale, Pasquale Sommese, e alcuni sindaci tra cui il sindaco di Aversa Enrico De Cristofaro. Il reato? Sempre lo stesso. Approfittando del posto che occupavano avrebbero facilitato imprenditori vicino al potentissimo clan Zagaria nell’ affidamento di appalti pubblici. Il solito abbraccio velenoso tra politica e camorra, capace di strozzare chiunque. In questi giorni in cui nelle scuole si fanno incontri con gli studenti, marce, spettacoli e progetti per la legalità, sarebbe bene trovare il coraggio per guardarli negli occhi questi nostri ragazzi, chiedendo loro perdono e iniziando a parlare di “normalità”.

Perché, per quanto sembri strano, questo ci manca, la normalità. La camorra sarà sconfitta a una sola condizione. Quando il mondo della politica e dell’ imprenditoria smetterà di trattarla come la mamma buona cui succhiare il latte per tenersi in vita e si convincerà che è il male assoluto. Male da evitare come la peste ed estirpare a tutti i costi.


L'articolo ha ricevuto 624 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/05/2017 10:00:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Vaticano

Autore: Angela Urso - Redazione Vaticano
Data: 07/05/2017 07:37:12
Papa Francesco: 'Come si fa a chiamare madre una bomba

«Mi sono vergognato del nome di una bomba, l'hanno chiamata "la madre di tutte le bombe", ma guarda, la mamma dà la vita e questa dà la morte, e diciamo "mamma" a quell'apparecchio, che cosa sta succedendo?»

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Vaticano
Data: 30/04/2017 07:43:04
Papa Francesco: 'Fermiamoci'! si rischia la guerra mondiale

Durante il volo di ritorno dal Cairo, il diciottesimo viaggio all'estero dall'inizio del suo pontificato, Papa Francesco ha rilasciato alcune dichiarazioni su vari temi, come ad esempio quello relativo al timore dello scoppio di una guerra mondiale

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Padre Maurizio Patriciello
Data: 22/04/2017 07:05:52
Camorra: l'abbraccio mortale con imprenditoria e colletti bianchi

A tutti era chiaro - pur non avendo prove certe – che tra la camorra propriamente detta e il mondo dell’ imprenditoria e della politica c’ era una intesa, un accordo. Tutti sapevano che per sopravvivere in una terra dove il lavoro è sempre stato tiranno, occorreva, in qualche modo, fare riferimento ai camorristi. A questa gente indifesa e impaurita veniva chiesto di farsi avanti, parlare, denunciare.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Padre Maurizio Patriciello
Data: 20/04/2017 07:03:43
Padre Maurizio Patriciello incontra i genitori di Giuseppe Fabozzi, morto a 18 anni

Giuseppe Fabozzi veva raggiunto la maggiore età Giovedi Santo, ma la festa era stata programmata per Lunedì in Albis.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)