Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Fisco e Tasse  
Equitalia “Per un Paese più giusto”...

Equitalia “Per un Paese più giusto”...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 14/02/2012 17:26:07

 

 

In Italia, può accadere che sei un cittadino onesto, segui le regole, paghi tasse ed imposte, ma ciò non basti a garantirti una certa serenità. Malgrado tutto, malgrado tu sappia di essere nel giusto e di non dover nulla a nessuno, può capitarti un giorno l'arrivo di una missiva, di una raccomandata ed ecco che, la tua esistenza più o meno serena o almeno convinto di essere nel giusto, si trasforma in un film dell'orrore.

 

Può accadere che apri la missiva, e leggi il nome "Equitalia". Bizzarria cattiva di un nome che nasconde la più grande e scandalosa iniquità che mai il nostro paese aveva conosciuto prima della sua creazione.

 

Accade quindi che, nel tran tran della tua esistenza, in cui pensavi di aver assolto ogni dovere, qualcuno ti dica "Sei in debito" e cche da quel momento in poi, nulla ha più un senso logico, una linea di raziocinio, un motivo.

 

Da anni, Equitalia s.p.a. miete vittime spesso innocenti.

 

L'impresa di Stato che a parole lavora "per un Paese più giusto" come si legge nel sito istituzionale, in realtà giustizia più o meno tutti e con metodi che dire da delinquenti di basso livello è poco.

 

Tutti noi più o meno sappiamo cosa significhi cadere nelle mani di Equitalia. Nella migliore delle ipotesi, riesci a rateizzare. Spesso però, per contributi persino già pagati a suo tempo.

 

Nella peggiore delle ipotesi, scgli la strada che ti sembra più semplice: il suicidio. Ed è questa una tendenza che sta alimentando il clima di dissenso e di intolleranza da parte dei cittadini italiani verso l'istituzione Italia che palesemente ha deciso già da tempo di sterminare una parte dei propri cittadini.

 

Lo Stato, creando Equitalia, ha determinato una scelta sicuramente deprecabile alla luce degli avvenimenti degli ultimi anni: mettere in pratica azioni al limite del persecutorio contro qualsiasi onesto e libero cittadino contribuenter della fascia medio bassa della nazione.

 

Un genocidio, come ho avuto modo di scrivere in questo articolo.

 

Per una mente onesta, non c'è nulla che appaia più sconvolgente di un criterio contrario al raziocinio: non solo si toglie sempre ai soliti, ma ci si incaponisce a vessare persino chi è nelle condizioni ancor più precarie di quella nuova povertà che affolla di giorno in giorno il nostro Paese.

 

La domanda è: perchè? Perchè questo accanimento? Perchè fare così tanto male ai cittadini/contribuenti/elettori italiani?

 

Forse, perchè per anni i cittadini/contribuenti/elettori italiani, nonostante tutto, sono corsi a pagare. Anche nel caso in cui, pagare non dovevano.

 

Paura, ignoranza, cattiva scarsa o mancante informazione in materia. Sta di fatto, che l'iniqua Equitalia macina miliioni di euro ogni anno, e coloro che gonfiano di denaro vero i suoi bilanci, sono per lo più persone normali, impiegati, operai, disabili, pensionati ed imprenditori di piccolo e medio calibro.

 

Gli "altri", quelli delle fasce alte, è risaputo che tasse ed imposte riescono a non pagarle. E nella peggiore delle ipotesi, se proprio devono essere "scoperti" della loro marachella, ottengono sconti e dilazioni che un cittadino normale non otterrebbe nemmeno camminando in ginocchio da palermo a Milano.

 

La nostra società, si sta totalmente fondando sul supporto ai ricchi al danno dei poveri. Un Robin Hood al contrario, che toglie ai poveri per dare ai ricchi.

 

Una aberrazione, il granello nel sistema. Almeno, dal punto di vista del cittadino comune. Ma è proprio quel granello, divenuto ormai un masso enorme, che sta scardinando in qualche modo il sistema oliato e ben avviato di uno Stato che è stato capace solo di fornire problemi su problemi a quella maggioranza di cittadini che sono l'unica motivazione ovvia e palese per cui lo stesso Stato esiste.

 

Poi, scopriamo che Attilio Befera, Amministratore Delegato di Equitalia s.p.a. percepisce uno stipendio di appena 456.733 euro l'anno, circa 40.000 euro al mese. Certo, ha un compito "duro" massacrare carne umana non è da tutti.

 

Il nemico è ciò che noi stessi creiamo. Una beffa. Lo Stato non potrebbe esistere senza i cittadini. Ma i cittadini, divengono vittima dello Stato, dal momento in cui chi abita le istituzioni del nostro territorio, ha ben compreso come sia facile spaventare, vessare, massacrare una molteplicità di persone che, se solo si rendessero finalmente contro del proprio potere, scardinerebbero in un solo giorno questo sistema fallace e diretto solo a dare a chi già ha.

 

Equitalia, anche se ogni tanto qualche sentenza da ragione a qualche cittadino/contribuente/elettore, continua a mietere vittime. A volte, sono vittime che restano in vita pur subendo vicende inenarrabili. Altre volte, ci troviamo di fronte a vere e proprie vittime, che sclgono il gesto estremo, forse nel momento in cui si rendono conto di come tutto sia sbagliato e di come tutto giri al contrario.

 

Nonostante tutto, Equitalia/Stato si ritrova il portafogl gonfio. Da un lato di denaro spesso preteso senza alcun motivo. Spesso gonfiato oltre il limite dei criteri di strozzinaggio, gli stessi criteri dettati dallo Stato – enorme aberrazione – dall'altro, di sangue umano. Che poteva essere evitato, se quella piccola frase "per un paese più giusto" non fosse solo uno sterile slogan ma un criterio di bene comune.

 

Peccato.


L'articolo ha ricevuto 4081 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/04/2014 04:28:46

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cosìè uno Stato sdenza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz


Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Fisco e Tasse

Autore: Redazione Economia
Data: 26/02/2014 23:34:31
Agenzia delle Entrate; una storia pazzesca fra le tante. La racconta Confedercontribuenti

Il nostro Direttore, Emilia Urso Anfuso,  ha condotto una lunga inchiesta su Equitalia e sull'Agenzia delle Entrate, conclusasi pochi anni fa. In tempi non sospetti, evidenziò e sollevò come Equitalia "grazie" alle Leggi e leggine a supporto delle vessazioni e cambi di normativa addirittura infilati dentro le cosiddette "Leggi quadro" il sistema fiscale stesse di fatto massacrando l'economia familiare e imprenditoriale degli italiani. Ancor oggi, accadono cose dell'altro mondo, come questa,  evidenziata da Confedercontribuenti:

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Economia
Data: 21/11/2013 11:13:25
IMU seconda rata: Consiglio dei Ministri al lavoro per valutare lo slittamento dello stop

Stop alla seconda rata Imu? Sembrerebbe. Tutto dipende dall'efficacia dell'operazione di rivalutazione delle quote di Bankitalia. E' con questa operazione che si dovrebbe poter garantire alle casse dello Stato di realizzare entrate per circa 1,2 miliardi necessari a a garantire ai cittadini il blocco del pagamento dell'odiata rata.

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Economia
Data: 15/11/2013 10:34:36
INPS: Mastrapasqua chiede copertura del deficit allo Stato. Ma poi ritratta...

Insomma: la riflessione è d'obbligo. Il fatto che l'accorpamento con gli Enti in deficit provochi il deficit nei bilanci INPS è semplice da capire pure a uno studente di scuola media. Smentire ciò che è stato detto in commissione bicamerale riportando ora il discorso su questioni di ordine "tecnico" appare essere solo il tentativo di far rientrare l'informazione - gravissima - fuoriuscita a mezzo Stampa.

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Economia
Data: 14/10/2013 11:42:26
Legge di Stabilita ' alle battute finali: domani l'approvazione

Il Consiglio dei ministri approverà domani la Legge di Stabilità Ultimi ritocchi sulla Service tax che a partire da gennaio sostituirà Imu e Tarsu o meglio, le accorperà. C'è ancora però un problema da risolvere: l’aliquota massima che - secondo anticipazioni - dovrebbe essere del 3 per mille o 30 centesimi di euro al metro quadro.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)