Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Medicina  
Polmonite: se il contagio avviene in ospedale...

Polmonite: se il contagio avviene in ospedale...
Autore: Emma Caradonna - Redazione Medicina
Data: 23/10/2011 15:40:13

 
 

Stando ai dati di una ricerca condotta su oltre 2.000 pazienti in 55 reparti di medicina interna dei nosocomi italiani, ben il 18% dei casi di polmonite sono riconducibili ad infezioni contratte all'interno degli ospedali.

 

In pratica: si entra in ospedale per una patologia, c'è il serio rischio che se ne contragga un'altra.

Questo è il risultato – preoccupante – sollevato durante l'ultimo congresso della SIMI, Società Italiana di Medicina Interna, che si concluderà il prossimo 25 ottobre. Una situazione allarmante che riporta alla ribalta la questione dello stato igienico dei nostri ospedali.

Dopo l'allarme scatenato dai nuovi casi di TBC prima contratti sembrava nel reparto di neonatologia dell'ospedale Agostino Gemelli, poi ritrovati anche in istituti scolastici, cresce l'allarme contagio e la conseguente paura.

E se il 50% dei casi di contagio da polmonite in Italia si verificano negli ospedali, un altro 30% viene contratto frequentando istituti di riabilitazione, day hospital o comunità per anziani affetti da malattie croniche. Se si sommano le due percentuali arriviamo praticamente alla metà dei casi di polmonite registrati in Italia. Inoltre, altro dato da tenere in considerazione: il tasso di mortalità è del 18% per coloro hanno contratto la polmonite in ospedale e del 7% per i casi di contrazione extra ospedaliera.

Nei casi meno aggressivi, la guarigione completa si ottiene in circa 19 giorni.

'La polmonite nosocomiale e quella che insorge in comunità, ma che è associata a procedure sanitarie, sono le più gravi, poiché i batteri che si sviluppano negli ambienti ospedalieri sono più resistenti agli antibiotici'. E' quanto ha dichiarato Mario Venditti, professore associato all'Università La Sapienza di Roma.

In pratica, è come se all'interno degli ospedali si verificasse una sorta di selezione mirata dei batteri, dove i meno forti vengono soppiantati dai più resistenti. In casi come questi quindi, sarebbe necessario poter produrre cure antibiotiche mirate alla distruzione dei batteri che risultano appunto resistenti.

'E' importante capire che rimanere in ospedale a lungo è pericoloso, perché è un ricettacolo di batteri', dovremo cercare di orientarci sempre più verso le cure domiciliari'. Questa la dichiarazione di Francesco Violi, Presidente della SIMI.

Quindi: ricoveri si, ma limitati nel tempo necessario alle terapie utili. In ogni caso, poter tornare presto a casa, oltre che alla salute, fa bene al cuore. In tutti i sensi.


L'articolo ha ricevuto 6127 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/04/2014 23:06:13

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cosìè uno Stato sdenza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz


Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Medicina

Autore: Luca De Rossi - Redazione Scientifica
Data: 07/10/2013 15:24:56
Nobel per la Medicina: a Rothman, Schekman e Sudhofper per gli studi sul sistema di trasporto cellul

E' stato assegnato agli americani Janes Rothman, Randy Schekman e al tedesco Thomas Südhof Il Nobel per la Medicina La motivazione è insita nelle  loro scoperte sulle modalità di «controllo estremamente precisocon cui le cellule organizzano il sistema di trasporto e distribuzione del proprio carico

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione
Data: 13/09/2013 15:33:45
Metodo Stamina: il no della Commissione Scientifica Ministeriale. E' polemica

Il comitato scientifico, nominato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin per valutare il metodo Stamina, ha espresso parere negativo sull’opportunità di iniziare la sperimentazione clinica.

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Scienza
Data: 26/08/2013 10:59:52
Indice di Massa Corporea: non e' un criterio esatto per determinare lo stato di salute

Per i ricercatori della Pennsylvania University  non tiene conto del genere e delle differenze di razza tra le persone e non riflette accuratamente la proporzione tra muscoli e tessuto grasso nel corpo.

Leggi l'articolo

Autore: Maria Sole De Maio
Data: 15/08/2013 10:31:31
I viaggi della coscienza. Le visioni pre morte spiegate scientificamente

 Utilizzando un elettroencefalogramma i ricercatori hanno analizzato le attività cerebrali di nove ratti anestetizzati e sottoposti ad arresto cardiaco indotto sperimentalmente. Entro i primi 30 secondi dopo l'arresto cardiaco, in cui il cuore smette di battere e il sangue smette di fluire verso il cervello, in tutti i ratti è stata riscontrata un'attività cerebrale con una diffusa sovratensione, caratteristica associata a un cervello altamente eccitato e dalla percezione cosciente.

 
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)