Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Festeggiati con un volume, i 35 anni del periodico

Festeggiati con un volume, i 35 anni del periodico "La parola al popolo"
Autore: Fabrizio Federici - Redazione Cultura
Data: 23/12/2010 19:36:56

 
"Si trattò, sin dall'inizio, d'un singolare esperimento editoriale: una palestra di idee e spazio di libera dialettica in cui giovani ( e non) di destra e di sinistra han sempre convissuto, scrivendo e formandosi  autonomamente e passando spesso, in seguito, a testate di rilievo nazionale".
 
Così Fausto Pellegrini, giornalista vicecaporedattore del Coordinamento online di RAI News, ha aperto ultimamente, presso il circolo canottieri "Roma" sul Lungotevere Flaminio, la presentazione alla stampa del volume collettivo "Da Piazzale Appio a Piazzale Clodio" ( Roma, edizioni PU.MA., 2010, €. 25,00): antologia e storia de " La Parola al Popolo", periodico mensile di quartiere del IX e X Municipio ( la vasta area compresa tra  San Giovanni e Cinecitta' ), giunto, in questi giorni, al trentacinquesimo anno di vita.
 
Diverse, poi, le firme esordite appunto su questa testata e poi divenute famose, da Fabrizio Roncone a Massimo Tecca ( oggi rispettivamente al "Corriere della Sera" e alla redazione sportiva di SKY). "Unico vincolo da rispettare, nella nostra redazione",   ha ricordato Romolo Reboa, giornalista e avvocato, fondatore nel 1975,  con altri giovani, de "La Parola al Popolo" ( divenuta, a fine  anni '90, periodico centrato più sui temi della giustizia ), e tuttora direttore responsabile,  "è stato sempre quello del reciproco rispetto e  del dialogo costruttivo".
 
Era la metà degli anni '70: anni che oggi definire assurdi è un complimento, anni avvelenati da un furore ideologico che, a sinistra come a destra, inquinava e deformava non solo la politica, ma, spesso anche i più semplici e disinteressati rapporti d'amicizia. In questo clima ( che chi scrive ha vissuto in pieno: mi basta ricordare gli scontri del febbraio '77 tra autonomi e servizio d'ordine dei sindacati confederali alla "Sapienza", sotto al palco di Luciano Lama ), un gruppo di giovani decise di fare qualcosa di diverso: un giornale davvero indipendente, che si finanziava con la semplice raccolta pubblicitaria e col contributo, spesso, degli stessi redattori.
 
E che, soprattutto, riuscisse, da un lato, a dar voce a chi non aveva a disposizione "santi in paradiso" ( clericali o ideologici), nè megafoni della propaganda; e, dall'altro, ad approfondire sul campo quelle notizie locali, ma non per questo meno incidenti sulla vita dei cittadini, che anche sui principali quotidiani romani avevano a disposizione solo poche righe."Abbiamo cercato, così- aggiunge Reboa –  di far progredire, anche in Italia, una vera cultura dei diritti e dei doveri del cittadino: nello spirito, anzitutto, degli articoli 2 e 3 della Costituzione". Uno spirito, questo, che altre testate romane, in seguito hanno ripreso, da "Porta Portese" a "Il Difensore civico"( ambedue fondati e diretti, sino alla morte nel 2009, dall'altro giornalista "da campo" Rosario Caccamo): ma "La parola al Popolo" era nata prima, nel dicembre 1975.
 
"E occupandoci di tutto", precisa Gianpiero Castellotti, oggi collaboratore del gruppo editoriale "L' Espresso" e dell'editoriale " Il Sole- 24 ore", dagli interminabili lavori della metro alla tragedia di Vermicino, sino alle  interviste a giovani emergenti di fine  anni '80 come Eros Ramazzotti e Francesco Totti, abbiamo cercato, senza retorica, di rovesciare le visioni tradizionali, far veramente diventare centro le periferie. Periferie, queste di Roma, dove, sparizione delle borgate a parte ( ma sparizione sino a un certo punto: Tor Fiscale, ad esempio, è ancora borgata, anche se non più come quelle che, negli anni '70, studiavano Pier Paolo  Pasolini e Franco Ferrarotti , N.d.R.), in fondo  non molto è cambiato".
 
Nel '77-'78, poi, anche in IX e X Circoscrizione la violenza assassina avrebbe mietuto vittime: i tre giovani di destra di Via Acca Larenzia al Tuscolano ( gennaio '78)., i giovani di sinistra Roberto Scialabba e Ivo Zini ( febbraio e settembre '78, rispettivamente a Cinecittà e a davanti alla sezione PCI dell' Alberone), senza contare tanti altri casi di aggressioni a cittadini o associazioni e sezioni di partito.
 
"Appunto ripensando a episodi come questi - ha concluso l'assessore regionale alla Casa e alla Tutela dei consumatori, Teodoro Buontempo -  risulta ancor più significativo l'esperimento di cultura del dialogo e della tolleranza, nel senso migliore del termine,    de "La Parola al Popolo": in quei terribili anni –'70-'80, quando sulla pelle di tanti giovani, di destra e di sinistra, si consumò uno dei più micidiali inganni del sistema, che li portava a odiarsi e uccidersi reciprocamente per mantenere intatti determinati equilibri di potere".

L'articolo ha ricevuto 6743 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/04/2014 19:30:20

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cosìè uno Stato sdenza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz


Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Nostra inviata Teresa.Corrado
Data: 04/03/2014 16:31:22
Sotto una buona stella di Carlo Verdone

'Sotto una buona stella' credo che sia uno dei film piu' belli tra gli ultimi lavori di Carlo Verdone. E' questa la frase che mi viene in mente e che prendo da uno dei commenti che ho sentito dopo aver visto il film.

Leggi l'articolo

Autore: Nostra inviata - Anna Gwerminario
Data: 27/02/2014 20:33:39
Galleria d 'Arte Moderna Roma Capitale - Gli approdi di  De Libero

Il vivido quadro di Amerigo Bartoli “Amici al Caffè” fa da leitmotiv a questo documentario su Libero De Libero  di Silvana Palumbieri, prodotto da Rai Teche in occasione della mostra “Libero de Libero e gli artisti della Cometa”, aperta al pubblico fino al27 febbraio 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/02/2014 10:23:38
Roma, Teatro Vascello 'Sandokan, o la fine dell'avventura'

Non si può prevedere di ritrovarsi di fronte ad una battaglia a suon di pezzi di ortaggi masticati e sputati, oppure di appurare la morte di un soldato inglese con uno spremi aglio. Questo e altro ancora, in poco più di cinquanta minuti offre la Compagnia. Uno squarcio su un teatro insolito e decisamente fuori dalle aspettative

Leggi l'articolo

Autore: Nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 22/02/2014 14:08:40
Auditorium Parco della Musica: 'TRUE BLUE MARKET' di Sebastien Ramirez e Honji Wang

La musica elettronica si modula in poche variazioni che aumentano i bit ma non creano vera melodia. Danzano quattro donne e un uomo, indagando il mistero dell’uomo e della società in cui vive, in un fraintendimento continuo tra il suo ruolo di elemento collettivo e la sua individualità che stenta ad emergere. Si muovono come marionette senza fili o alieni che attendono l’alba,

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)