Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Giampaolo Pansa:

Giampaolo Pansa: "I vinti non dimenticano"
Autore: Fabrizio Federici - Redazione Cultura
Data: 22/11/2010 19:25:13

Uno dei maggiori pregi dell' ultimo libro di Giampaolo Pansa, " I  vinti non dimenticano" ( Milano, Rizzoli, 2010, pp. 460, e. 19,50 ), che prosegue la ricostruzione – iniziata nel  2003 con "Il sangue dei vinti" – delle pagine meno nobili della nostra Resistenza  (da Porzus agli eccidi del "Triangolo della morte",sino  all'eliminazione di alcuni comandanti partigiani controcorrente) è l'aver posto in risalto il tributo di sangue pagato, nel 1943-'45, dalle donne, dell'una e dell'altra parte. Rompendo, così, un pregiudizio sessista di tutta la precedente  storiografia: che sinora,  a  sinistra come a destra, non aveva mai dato troppo spazio al ruolo dell' "Altra metà del cielo" nella guerra di liberazione.
 
I numeri parlano chiaro: nel '43-'45, accanto a tutte le  partigiane cadute in combattimento o torturate, ben 2365 donne risultano assassinate perchè fasciste o ritenute tali. Delle quali 778, più del 30%, nel solo Piemonte, fortemente seguito dalle altre regioni del Nord e dalla Venezia Giulia in fibrillazione per l'avvicinarsi  dei "titini"; e delle quali, in complesso, 925 soppresse quando la guerra era già finita.
 
In particolare, Pansa ricostruisce  dettagli e retroscena di quello che è stato uno dei primi casi di "sangue dei vinti": l'eccidio del  14 luglio 1944 ad Arcevia ( Ancona ), a passaggio liberatore degli alleati già avvenuto. Quando tredici persone, di cui  nessuno ( anche quelli con la tessera del PFR ) era fascista militante,  e nemmeno faceva attivita' politica, furono brutalmente prelevate dalle loro case, in  stile Spagna della guerra civile, seviziate e uccise a raffiche di mitra, con l'accusa infamante di aver fatto da spie ai nazifascisti. 
 
Di essi, sei erano donne tra i 25 e i 53 anni, e  sette gli uomini, fra i quali diversi vedovi e anziani: tutti, probabilmente, contrari ai metodi sbrigativi con cui era stata condotta in precedenza  la guerriglia nella zona, fortemente controllata dalle formazioni comuniste. Ancora nel  1988, l' ANPI di Arcevia continuava a parlare di "tredici spie fasciste": mentre  tuttora, gli anziani superstiti della zona hanno paura a parlare di quei giorni.
 
Non aver più paura di parlare di questi episodi, non fermarsi dinanzi ad alcun tabù ( o presunto tale),  farla finita coi clichès della vulgata storiografica dominante, nella consapevolezza che ogni fenomeno storico, anche il più nobile, non ha mai solo lati positivi, e che le atrocità non sono mai  l' "esclusiva" d'una  parte sola: fermo restando, è chiaro, che ciò non potrà mai significare un' equiparazione tra Resistenza e RSI, un'incredibile "par condicio"   tra partigiani e fautori del nazifascismo.
 
Questo è, riteniamo, un compito primario degli storici di nuova generazione. Proprio perchè lavorare seriamente in  questo campo  non significherebbe offendere la Resistenza:  ma anzi, in omaggio proprio al ricordato principio essenziale della complessità della storia ( mai leggibile in un  unica chiave, mai riconducibile ad un'unica direzione),  onorarla sul serio,  al posto di esaltazioni e agiografie tanto  ipocrite quanto  manichee e inutili . Un invito  ( e augurio sincero, al tempo stesso, anche se so benissimo i problemi cui andrebbe incontro ) al collega Pansa: quando si sentirà di scriverlo ( e son pronto a dargli una mano, se vorrà), da lui m' aspetto un altro bel libro, sempre con un editore di primo piano, sugli incredibili retroscema politici ( già in parte chiariti da un altro giornalista coraggioso, Pierangelo Maurizio, in un libro del '97 da lui autoprodotto)  di quello che, forse ancor più delle stragi del "Triangolo della morte", resta tuttora il "tabù dei tabù"  nella storia della Resistenza. Quella controversa azione del 23 marzo 1944 in Via Rasella , col suo tragico corollario dei 335 morti delle Fosse Ardeatine ( tra i quali,lo dico per chiarezza morale e politica, anche un caro amico della mia famiglia paterna,  il comandante partigiano Manlio Gelsomini ), che, tuttora, continua comprensibilmente a dividere le coscienze  e ad alimentare le polemiche.  

L'articolo ha ricevuto 9488 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/09/2016 13:11:28

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione della nostra Inviata Susanna Schivardi
Data: 14/05/2016 10:17:17
Recensione: 'Ragazza in erba' - Al Teatro Trastevere

Alessia è Sara, una ragazza semplice di Padova che all’imbarco per la Sardegna, un giorno, viene fermata per possesso di 9 grammi di marijuana. È l’inizio della sua riflessione sulla società e sulla vita

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 14/05/2016 10:18:12
Recensione: 'Peperoni difficili' - Al Teatro Vascello fino al 15 Maggio

Brillante commedia con sottofondo umoristico ma anche denso di riflessione, la vicenda si svolge tutta all’interno del piccolo appartamento di un parroco di un piccolo paese.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 08/05/2016 11:00:42
Recensione: L' amore e' 'na cicatrice - Al Teatro Arvalia

Il tutto accompagnato dagli stornelli romani, con la chitarra di Matteo Volpotti. La rima accompagna i dialoghi come un'ombra benefica che mette allegria e spinge lo spettatore ad intonare canzonette.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/04/2016 12:33:03
Recensione: Antonio Muntadas 'Protocolli e derive veneziani'

Antico e moderno che si fondono accanto alla Chiesa di San Pietro in Montorio, nelle sale che circondano il chiostro del complesso. Antoni Muntadas è un artista concettuale che sfrutta i media in una linea multidisciplinare...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)