Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Vaticano  
Niente Paradiso per Gay e Trans. E'

Niente Paradiso per Gay e Trans. E' "normale"?...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 03/12/2009 13:35:48

(Video: l'Arcigay protesta davanti alla curia di Genova - 3 Dicembre 2008)
 
"Trans e Gay? Niente Regno dei Cieli. …anche se sono pure loro persone ed in quanto tali da rispettare". A dichiararlo, il Cardinale Javier Lozano Barragan, ex "Ministro della salute" del Vaticano.

Una dichiarazione forte. Una comunicazione che fa trasalire. Un pensiero per cui è onesto riflettere, per tutta la Comunità civile. Perché Gay e Trans non sono accettati da Dio? Lo stesso Cardinale Barragan, proseguendo nelle sue dichiarazioni, afferma che "Trans e Gay non si nasce ma lo si diventa, e le cause sono molteplici: di ordine psicologico, di educazione, di pregressi di vita…".

 

Ecco il punto cruciale su cui soffermarsi: perché operare una discriminazione così grave nei confronti di esseri umani che di diverso da coloro che vengono considerati "normali" per scelte sessuali consone ai dettami sociali e religiosi, hanno appunto solo la scelta di una tendenza che, come dice lo stesso Cardinale, può derivare addirittura da pregressi psicologici negativi?

 

E' come se, dichiarando quanto ha dichiarato, il Cardinale avesse accorpato ad una sorta di scomunica, tutti coloro che oggi vivono il peso di una qualche distorsione a livello psichico. Vogliamo per caso scomunicare i malati psichici perché nella loro patologia compiono atti che la società ritiene al di fuori della norma? Vogliamo mettere al rogo chi soffre? Vogliamo mettere alla gogna persone che, magari dopo una infanzia di abusi sessuali, media con la propria anima per cancellare una ossessione, ritenendo poi di desiderare scelte ritenute "indesiderabili"?

 

Non si può accettare una dichiarazione simile, da Esseri pensanti. Non è questa la chiave di lettura che possiamo consentire. Non si può ghettizzare e di pari passo trovare persino motivazioni di scelte ritenute infami. Getti il sasso e ritiri la mano. Ecco cosa.

 

Dura la replica del Presidente dell'Arcigay, Aurelio Mancuso: «Il presidente emerito del Pontificio Consiglio per gli operatori sanitari, Pastorale per la salute, insiste poi nell'affermare che non si nasce omosessuali, che la causa del proprio orientamento sessuale la si deve cercare nell'educazione, in un mancato sviluppo dell'adolescenza. Si può anche esser incolpevoli, ma siccome gay e trans agiscono contro la dignità del corpo, certamente non andranno in paradiso, perchè andare contro natura offende Dio. Che sollievo cardinale! Fino a ieri - ha aggiunto Mancuso - pensavamo di dovervi ritrovare, una volta passati a miglior vita, nell'aldilà, ancora con i vostri proclami accusatori e le vostre ridicole teorie sulla sessualità e la dignità delle persone. Si è vero, le donne, gli e le omosessuali, le/gli trans consapevoli e liberi non entreranno mai nel vostro Regno dei Cieli, che è un luogo oscuro e ingiusto, cui può accedere solamente chi condivide le vostre farneticazioni e volontà di dominio sui corpi e le idee di milioni di persone libere e determinate a sconfiggere tutti i pregiudizi di cui siete millenari portatori».

 

Appare peraltro fuor di luogo questa "incursione" da parte di un organo della Chiesa sulle abitudini sessuali del mondo laico, perché tanto ci sarebbe da dire e ribadire sulle "attenzioni particolari" – così vengono mistificati atti di abuso sui minori – che alcuni componenti della Chiesa dedicano a certi piccoli esseri umani che a loro volta, da adulti, potrebbero infatti evolvere la propria sfera sessuale su scelte poi considerate "ignominose". Come la mettiamo?

 

Da un lato, la Chiesa lancia anatemi e proclami. Dall'altro il mondo laico non è mai in grado di portare avanti un dialogo equo col mondo religioso, e diviene succube impassibile di ogni contraddizione in termini perpetrato dalla Chiesa.

 

Se ad ogni dichiarazione seguisse un sano dibattito, probabilmente l'Umanità conoscerebbe giustizia di troppi abusi. E non solo sessuali…

 

 


L'articolo ha ricevuto 10318 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 01/09/2015 10:31:01

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Vaticano

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Vaticano
Data: 20/07/2015 10:19:58
Bagnasco sulla pedofilia: 'Non c' e' obbligo a denunciare'

 "Il vescovo, non rivestendo la qualifica di pubblico ufficiale, non ha l'obbligo giuridico, salvo il dovere morale di contribuire al bene comune, di denunciare all'autorità giudiziaria, notizie riguardanti casi di abuso sessuale nei confronti di minore da parte dei sacerdoti".

Leggi l'articolo

Autore: Teresa.Corrado - Redazione Vaticano
Data: 18/06/2015 00:15:26
'Laudato si', la nuova enciclica di Papa Francesco

Sara' presentato oggi alle 11.00 nell'aula del sinodo, l'enciclica "Laudato si" di papa Francesco e dedicata al creato, alla natura, alla bellezza della terra. A presentarla il "ministro della Giustizia" del Papa, il cardinale Peter Turkson, l'arcivescovo di Pergamo Giovanni Zizoulas, considerato uno dei massimi teologi ortodossi viventi e vicino al patriarca di Costantinopoli Bartolomeo, da Hans Joachim (o John) Schellnuber, esperto mondiale dei cambiamenti climatici e fondatore e direttore del Patsdam Institute for Climate Impact Research e da Carolyn Woo, presidente del Catholic Relief Services e decano di Mendoza College of Business, University of Notre Dame negli Stati Uniti.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Attualita'
Data: 06/06/2015 14:27:42
Papa Francesco a Sarajevo: 'Basta guerra, servono artigiani della pace'

Stadio Kosevo di Sarajevo, lo stesso che ospitò le cerimonie di apertura e chiusura dei XIV Giochi olimpici invernali del 1984. E' qui che Papa Francesco parla all'enorme folla che lo ha accolto per ascoltare la sua omelia, in italiano ma tradotta in simultaneo in lingua croata

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Vaticano
Data: 31/05/2015 13:23:12
Papa Francesco: 'Non aiutare gli immigrati e' un attentato alla vita'

Il grado di progresso di una civiltà si misura proprio dalla capacità di custodire la vita, soprattutto nelle sue fasi più fragili, più che dalla diffusione di strumenti tecnologici. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)