Sei nella sezione ComunicAzioni   -> Categoria:  Malainformazione  
La7.

La7.
Autore: Redazione
Data: 19/11/2009 15:33:06

 (Video: alcune immagini della trasmissione "Exit" dell'11 Novembre 2009 sull'Influenza H1N1)

18 Novembre 2009. Per una volta, noi di "Gli sComunicati" abbiamo voluto partecipare come pubblico ad una trasmissione di cosidetto "dibattito politico" per raccontarvi l'aria che si respira nel teatro di posa ed anche raccontarvi la gente, le impressioni, i retroscena.

Ci siamo quindi fatti invitare come pubblico dalla trasmissione "Exit" trasmessa ogni mercoledì sera su La7.

L'appuntamento è presso la sede della casa di produzione televisiva "Magnolie", quella che ha creato il format della trasmissione. Per raggiungerla, dal centro di Roma, è un bel viaggetto.

Occorre inerpicarsi a Nord della città, raggiungere Prima Porta, ed ancora andare oltre: sembra di addentrarsi in un luogo ai confini del nulla. Infatti, mano a mano che seguiamo le direttive forniteci dal gps, ad un tratto la strada diviene una strada di campagna, non illuminata e un pò da brividi, nel tardo pomeriggio buio di una serata di Novembre.

Arriviamo puntuali. Al cancello ci fanno passare e ci dicono di entrare in un locale dove dobbiamo firmare la liberatoria per le eventuali riprese dell'immagine dei componenti del pubblico in sala.

Cerchiamo la porta giusta: intravediamo un locale con le porte dei bagni aperte. Pensiamo di dover andare oltre. No, un signore gentile ci chiama indietro, facendo capolino dalla porta che per noi, era appunto quella di accesso ai bagni.

La sala dove dobbiamo firmare la liberatoria è infatti una sorta di stanzone, preceduto da due toilettes. Sedie di plastica tutto intorno al perimetro, neon implacabili di luce fredda, un tavolo accostato contro un muro. Qualcuno è già arrivato. Parla amichevolmente con gli altri e con i collaboratori della trasmissione. Comprendiamo subito che debbono essere dei "figuranti", magari pure pagati. Età media: settanta anni.

Compiliamo il nostro modulo per la liberatoria e ci sediamo. Stanno arrivando altre persone, e tutte più o meno sembrano conoscersi. L'atmosfera da subito è molto felliniana. Lo stanzone dove ci fanno accomodare ricorda le sale danzanti degli anni '50. Quelle sedie sterili di plastica bianca accostate ai muri tutto intorno. Quelle signore di una certa età, in qualche modo vestite a dovere per figuare meglio in trasmissione. Qualcuna ha deciso di mettere le scarpette dorate. Altre hanno la tinta biondo platino appena ritoccata dal parrucchiere. Chiaccherano e ridono: una via di mezzo fra caffè danzante e centro sociale per gli anziani.

Dopo poco, arrivano altre persone. Giovani, medio giovani. Giovanissimi. Alcuni sembrano studenti universitari fuori sede: lo capiamo dagli accenti del sud Italia. Qualche coppia di mezza età. Una piccola comitiva di ragazzi che sembra già divertirsi molto per il solo fatto di essere arrivati.

Ci chiediamo il motivo di far arrivare tutti con due ore di anticipo sull'inizio della trasmissione. Non ce ne sono infatti, di motivi logici. Nessuno del pubblico deve essere microfonato. Nessuno del pubblico prenderà la parola. Qualcuno - molto intelligentemente - si è  portato la cena al sacco. Si accomodano dentro le macchine e cominciano tranquillamente a modere grandi pezzi di panini imbottiti. Ci pentiremo di non averlo fatto anche noi, ma per ora la cosa ci fa sorridere.

Il tempo non scorre, la macchinetta delle bevande calde e delle merendine viene presa di assalto ad ondate. Fuori fa freddo.

Una sigaretta In giardino e torni dentro intirizzito.Finalmente arriva qualcuno e ci dice che possiamo entrare in studio.

Camminiamo per un breve percorso esterno e raggiungiamo l'ingresso. Diverse persone sono già sedute sui sedili. Un responsabile di studio ci guarda e comincia a ragionare sul "dove" farci sedere. Ci assegna i posti. Guarda tutti noi come per verificare qualcosa. Passa e ripassa con gli occhi su ognuno di noi. Ci chiede di alzarci, e di spostareci esattamente di fronte. Sembriamo soldatini di stagno in mano ad un bambino capriccioso. Probabilmente, cercano di creare omogeneità ed un certo equilibrio fra giovani ed anziani. Belli e brutti. Eleganti e casual...

Ad un tratto, arrivano gli ospiti in studio: Maria Elisabetta Alberti Casellati, sottosegretario alla Giustizia, Sen. Anna Finocchiaro, Capogruppo del PD al Senato, l'On. Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei Valori, l'On. Italo Bocchino, Vice Capogruppo del PDL alla Camera, Giuseppe Cascini, segretario generale Associazione Nazionale Magistrati,  Alessandro Sallusti, condirettore de Il Giornale e Peter Gomez, giornalista de "IL Fatto".

Non siedono intorno ad un tavolo ma sono ben distinti in due "fazioni" uno di fronte all'altro. Da un lato, il Ministro Di Pietro, la Finocchiaro, Giuseppe Cascini e Peter Gomez. Dall'altro il Ministro Bocchino, Sallusti e Elisabetta Alberti Casellati.

Il tema della serata è "La riforma della Giustizia". Una addetta dello studio, si avvicina al Minsitro di Pietro e gli porge una bottiglietta d'acqua ed un bicchiere. Il Ministro prende la bottiglietta e rifiuta il bicchiere. berrà direttamente dalla bottiglia. Angela finocchiaro è esattamente la donna che vedete in tv. Si aggiusta un grande scialle sulle spalle. Di fronte, l'Onorevole Bocchino, Elisabetta Alberti Casellati ed Alessandro Sallusti, leggono fogli su fogli: forse la scaletta della trasmissione.

Già ora, per la disposizione degli ospiti in studio, viene da pensare ad un Ring, un gioco al massacro, una lotta banda contro banda. Se avessero disposto tutti intorno ad una tavola rotonda, avremmo avuto una sensazione diversa. Ma così, l'idea della guerra e della lite è ancora più marcata.

I tecnici vanno avanti ed indietro, chiaccherano, fanno battute. Siamo arrivati circa due ore fa: la trasmissione inizia. Sigla iniziale. Entra la conduttrice, Ilaria D'Amico. Lo scroscio di applausi totalmente indotto, copre la sua voce che imperterrita parla nel battimano isterico e un pò svogliato. Come da copione.

Il dibattito ha inizio ed in verità, le prime battute parlano dell'argomento in programma. Ma quasi senza accorgersene, per una somma di battute ecco che si scivola mollemente nel tormentone ormai noto a tutti: il rimpallo di responsabilità, le colpe, le cose non fatte, gli errori, le frasi dichiarate.

Tutto diviene un parlare di se stessi. Di quanto si sia stati più o meno bravi. Di come semmai altri hanno sbagliato. Del tema principale, anche se di questo si parla, nessuno traccia alcuna argomentazione di reale interesse per il pubblico.

Le pause pubblicità, ci danno la possibilità di osservare i comportamenti degli ospiti a telecamere spente. Di Pietro non interagisce con nessuno. La sua vicina di poltrona, Angela Finocchiaro, chiacchera amabilmente con Cascini.

Sul lato opposto, Bocchino e la Alberti Casellati sorridono, leggono appunti e si guardano intorno. Riprende la trasmissione. La moderazione non è delle migliori. La presentatrice del programma Ilaria d'Amico, palesemente si attiene alle domande che le hanno preparato in scaletta. Manca di verve. Di carattere. sarà forse per l'avanzato stato di gravidanza che l'abitino nero e striminzito mette ancor più in evidenza?
 
Rimarrà un mistero, o piuttosto il dubbio che tutti saremmo bravi conduttori televisivi, se bastasse leggere qualcosa che qualcuno ha preparato per noi.

Gli scambi verbali fra gli ospiti si accendono. I toni della voce si alzano. Anche la Finocchiaro - un tempo gentile dama moderata, ormai sembra esser presa dal sacro fuoco del dibattito litigioso, e si scaglia contro una serie di dichiarazioni fatte su di lei da Bocchino.

Di Pietro invece, contrariamente a come siamo abituato a conoscerlo, è particolarmnete rilassato. Sorride spesso, fa spallucce mentre gli altri parlano. Non apre dibattiti infuocati: si sarà stancato ora, di far la parte del leone imbizzarrito, visto che è la moda del momento. Saggia strategia o attuale aria di riformismo all'interno di Italia dei valori. In ambo i casi, funziona. Siamo tutti con gli occhi puntati su di lui, anche quando il segretario Cascini con fare particolarmente autoritario, blocca un tumulto di parole del Ministro Bocchino.

Altre pause promozionali. Un signore seduto accanto a noi ha voglia di chiaccherare. Ci suggerisce di metterci in contatto con l'agenzia che si occupa di reclutare il pubblico. "Figuranti" si chiamano. La paga? Da barzelletta. 15 euro. Ma sono netti, ci dice. "Perchè non fanno il contratto....". Forse non vuol dire la frase per intero. 15 euro a nero. Ecco cosa intendeva.

Ci fornisce il numero della responsabile dell'agenzia, ma poi ci suggerisce di tentare in RAI: li il contratto lo fanno, ti pagano 30 euro a serata, ma sono lordi. Insomma, scopriamo il bosco dei figuranti di tante trasmissioni teòevisive. Gira che ti rigira sono sempre gli stessi. Spostati da un programma all'altro.

Il tempo passa. La trasmissione continua in un sortilegio di parole, dichiarazioni, controdichiarazioni. Lo scontro verbale fra il Senatore Finocchiaro e l'Onorevole Bocchino si accende sempre più. Di Pietro guarda, segue tutto e sorride.

Altre pause promozionali. Il tempo sembra essersi fermato. Stancamente, si arranca verso la conclusione del programma. Le facce intorno sono stanche. Qualcuno sbadiglia. Altri chiaccherano sottovoce di cosa faranno domani.

La trasmisisone si allunga un pò oltre l'orario stabilito: due ore e mezzo di chiacchere inutili su chi ha detto cosa. Si conferma il trend venefico del parlare di nulla.

Saluti e chiusura.

Il Ministro di Pietro si alza e si fa togliere il microfono. Ci alziamo anche noi del pubblico e ci avviciniamo per salutarlo. E' chiaramente molto stanco. Altri del pubblico si affollano intorno agli altri ospiti. Qualcuno chiede a Di Pietro cosa ne pensi delle ultime uscite di Grillo. Lui lo guarda stralunato e non risponde.
 
Guardiamo cosa accede fra gli ospiti, a telecamere spente, mentre lentamente usciamo dai nostri posti a sedere. Il Senatore Finocchiaro ed il Ministro Bocchino, sembrano essere dimentichi - totalmente - delle diatribe appena sostenute. Passandogli accanto, li guardo, mentre il Bocchino con un largo sorriso ed a braccia aperte, formula esattamente questa frase ad una molto sorridente Angela Finocchiaro in odore di baci ed abbracci pacificatori: "Sono dieci anni che corteggio questa donna...."

"Vedi? Si abbracciano. Ecco la realtà delle cose..." mi lascio sfuggire volutamente a voce alta mentre passiamo un pò oltre.

Il Ministro Bocchino ed il Ministro Finocchiaro si bloccano e mi guardano seri: non c'è nulla da dire. Tana libera tutti!

 

 

 


L'articolo ha ricevuto 10846 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/10/2014 22:37:34

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Malainformazione

Autore: La Redazione
Data: 15/08/2013 17:55:33
Ma il popolo di Silvio sa perche' Berlusconi e' stato condannato?

In migliaia al sit-in davanti a palazzo Grazioli, hanno cantato, gridato cori, sventolato bandiere. Sono arrivati da ogni parte d'Italia per stare vicini al loro leader, dopo la sentenza della Cassazione a chiusura del processo Mediaset. Ma loro, i fedelissimi di Berlusconi, lo sanno per quale motivo il loro beniamino è stato condannato dalla Suprema Corte?

Leggi l'articolo

Autore: La Redazione
Data: 13/06/2013 20:00:41
Giuliano Ferrara: se questo è un giornalista...

Bersaglio mobile, la trasmissione condotta da Enrico Mentana che questa settimana si occupava di Luigi Bisignani e delle sue rivelazioni pubblicate in un recente libro. A circa metà della trasmissione, è scattata una lite furiosa tra Giuliano Ferrara e il conduttore Mentana: il direttore del TgLa7, interrotto più volte da Ferrara, ha invitato lo stesso a far continuare gli altri, dopo che lo stesso Ferrara, mezz'ora prima, aveva minacciato di andare via se non gli fosse stato permesso di parlare.

Leggi l'articolo

Autore: La Redazione
Data: 24/03/2013 18:27:24
Silenzio stampa. Abbiamo deciso di non parlare di...Questa è una testata indipendente. Non amiamo usare termini volgari, non ci piace il giornalismo di propaganda e nemmeno quello che urla. Gradiamo fare analisi e basarci sui fatti. Proponiamo riflessioni, verifichiamo dati, incrociamo documentazioni. I toni diciamo così...Sopra le righe di certi neo politicanti, stanno trascendendo l'etica, la morale, la moderazione, l'educazione.
Leggi l'articolo

Autore: Mariasole De Maio - Redazione Attualità
Data: 12/12/2012 17:13:36
Alessandro Sallusti sospeso dall'Ordine dei GiornalistiAbbiamo seguito le vicende legate alla pubblicazione di un articolo considerato diffamante da parte di un magistrato, sul quotidiano "Il Giornale" di cui Alessandro Sallusti è (era) Direttore.Una storia singolare: per la prima volta - e ci auguriamo l'ultima - in Italia si aprono le porte del carcere, o meglio, dei domiciliari e per ben 24 mesi per un girnalista accusato di diffamazione a mezzo stampa.
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)