Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Medicina  
Droghe di Stato. Il vero allarme di cui nessuno parla.

Droghe di Stato. Il vero allarme di cui nessuno parla.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 11/11/2009 14:00:33

 (Video: Pink Floid. 'The Wall' )

 

 

L'Italia ed il Mondo intero, sono presi dalla tenaglia della H1N1: Cosa ci sia di vero, di confuso, di possibile, di certo, non è dato sapere fino in fondo. Una cosa si può asserire con una certa sicurezza: molte persone iniziano a riflettere. Sulla possibilità – non più complottista – che le industrie farmaceutiche, leader internazionali dell'Economia mondiale – abbiano solo da guadagnare su nuove paure epidemiche diffuse su scala internazionale.

 

Molti si interrogano e riflettono. Molti sono coloro che tentano di comprendere cosa venga realmente inoculato nelle vene, sotto il nome di "vaccino". E questo è un bene. Significa che il torpore Umano sta un po' lasciando il passo ad una nuova consapevolezza.

 

E mentre il mondo "scopre" l'arte di lavarsi le mani – pensavo fosse abitudine frequente – e di come non sia sconsigliabile baciare tutti e tutto come dispensatori di affetto primordiale, così come ai tempi della scoperta dell' HIV di cui oggi nessuno parla più, altri dati – sicuramente importanti e su cui riflettere – non trovano argomentazione nelle cronache nazionali. E nemmeno in quelle locali.

 

Parliamo di abuso di psicofarmaci. Nel girone infernale di una epoca in cui si corre da un lato all'altro della terra senza mai fermarsi, in un momento storico in cui vi è poco da stare di buon'umore, in una civiltà dove il concetto di Paura è dilatato di giorno in giorno da nuovi disastri e nuove possibilità di trovare la morte, ecco che nella borsa di un essere umano su tre, troviamo l'"elisir" per tentare di sopravvivere alla follia. Pillole, gocce, granuli. Qualsiasi cosa che possa servire da tramite fra il terrore di vivere e la consapevolezza di temere la morte.

 

Insonnia? Pillola. Malumore? Pillola. Ansia? Gocce. Bambini iperattivi? Incredibile ma vero, psicofarmaci a iosa. Il "trend" giunge dagli Stati Uniti, e l'Italia ha abbracciato questo canale da qualche anno. Sembra che dispensare psicofarmaci a quei ragazzini un tempo normalmente considerati con "l'argento vivo addosso", sia ormai all'ordine del giorno. Il tutto con la compiacenza dei Centri di Igiene Mentale che dal 2006 hanno aperto 82 nuove dislocazioni sul territorio nazionale proprio per questo tipo di "patologia infantile". Agghiacciante? No, incredibilmente reale.

 

C'è poi da riflettere su altri dati, che parlano di utilizzo di sostanze psicoattive, utilizzate dai giovani come "droghe" comuni. Dai dati scaturiti dal rapporto annuale del progetto europeo "Espad" (European School Project on Alcool and Other Drugs) sull'uso di droghe, alcool e sostanze psicoattive nelle scuole, si evince che "I dati italiani di consumo di molecole psicoattive non sono allineati alla media europea, ma sono significativamente più alti"

 

Sembra infatti che la media italiana sia del 10% di utilizzatori su una media stabile del 6% a livello europeo.

 

La facilità di venire in possesso di questi farmaci peraltro, rende maggiormente possibile l'utilizzo frequente fra i giovani. Sembra infatti che quasi in ogni famiglia Italiana, esista almeno un farmaco psichiatrico, utilizzato spesso senza consiglio medico.

 

Ecco quindi i giovani "forti" dell'esempio familiare, approcciare in maniera del tutto scriteriata quelle sostanze che oggi sono divenuti un dato caratteristico della Società in cui viviamo.

 

Il terrore di vivere, viene sedato da quelle che a buon diritto possono essere chiamate "droghe di Stato".

 

Le famiglie non trovano un modo logico di spiegare la Vita ai propri figli. Vittime a loro volta di una logica impropria agli esseri umani. Abusano di psicofarmaci. E non sono poi in grado di gestirne l'utilizzo che i figli scelgono di farne. Un cane che si morde la coda.

 

Quanto guadagna l'industria farmaceutica da questo girone infernale? Non è dato saperlo. Sono dati su dati che si spezzano e non consentono una visione reale e certa.

 

Ciò che è sicuro, è che questa tendenza – pur se non in presenza di virulenza – è sicuramente la vera Pandemia del nostro secolo. Incredibilmente espansa e conseguentemente oscurata nei canali dell'Informazione nazionale. Che continuano ad operare una falsità nella vita reale, proprio attraverso l'esclusione continua di dati che aiuterebbero, almeno, a riflettere. Su una cosa che non possiamo più considerare "da poco". La nostra Esistenza.

 

 


L'articolo ha ricevuto 14832 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/04/2018 03:54:43

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Medicina

Autore: Alessandro Conte - Redazione Scientifica
Data: 14/04/2018 06:36:32
Fare sport fa invecchiare più lentamente

Invecchiare non ci rende necessariamente più fragili. Il declino delle funzioni biologiche non dipende solo dall’età, ma anche dallo stile di vita e dallo scarso esercizio.

Leggi l'articolo

Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 12/04/2018 07:29:33
Bruxelles: quinto congresso mondiale 'La scienza per la democrazia'

Al via oggi la quinta riunione del Congresso mondiale per la libertà di ricerca scientifica, organizzato dall’Associazione Luca Coscioni fino 13 aprile al Parlamento Europeo di Bruxelles

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 04/04/2018 06:29:49
Cannabinoidi: la porta di accesso alle droghe più pesanti

Le droghe leggere fungono da portale per l'accesso ad ulteriori dipendenze: e' la "gateway hypothesis", al centro di uno studio realizzato da un gruppo di ricercatori dell'Universita' di Cagliari

Leggi l'articolo

Autore: Gary Dagorn - Redazione Scientifica
Data: 16/03/2018 06:59:59
Consumo di alcol: a rischio la longevità

Alcuni lavori recentemente pubblicati grazie ad uno studio dell’Universita’ della California a Irvine (UCI) hanno avuto una particolare risonanza sui media: in seguito a questi articoli, bere due bicchieri di alcool ogni giorno 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)