Sei nella sezione ComunicAzioni   -> Categoria:  Web  
Magic Italy: il “nuovo” portale italiano del turismo. Farà dimenticare Italia.it?

Magic Italy: il “nuovo” portale italiano del turismo. Farà dimenticare Italia.it?
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 23/06/2009 11:15:05

Alcuni – pochi – ricorderanno la scandalosa vicenda del portale "italia.it" che doveva portare nel mondo il turismo italiano con una serie di contenuti e servizi che, a detta dalle poche campagne promozionali, doveva stupire il settore turistico ad ogni latitudine.

 

Questo progetto, costò la considerevole cifra di 45 milioni di euro – presi direttamente dalle tasche degli Italiani – e vide luce per il brevissimo tempo di una campagna di immagine del Governo Italiano, per cadere poi nell'oscurità totale: italia.it pochi lo hanno visto. E nessuno può vederlo oggi perché gettato in un cantuccio ed oscurato prima ancora di poterne comprendere le peculiarità.

 

Staff di informatici, agenzie di grafica (per il solo logotipo, vennero pagati 100.000 euro), Comuni italiani coinvolti (anche per finanziamenti concessi per la gestione a livello locale del portale) 16 milioni di brochurés di presentazione inviate agli italiani e poi…un bel niente. Nulla di fatto. Soldi cacciati per giocare un po' col Web, che fa gola sempre più e fa girare un bel po' di idee a chi ha capito che è un canale da sfruttare a tutto tondo.

 

Alla luce di un flop così caro economicamente, lo spauracchio che lo scandalo possa essere bissato esiste. Forti probabilmente del fatto che lo scandaloso portale fantasma Italia.it sia sconosciuto alla maggioranza dei cittadini italiani, spunta dal forziere delle idee da cui trarre un bel po' di denaro un nuovo progetto, che di nuovo in realtà ha una sola cosa: il nome.

 

In odore di internazionalizzazione, si rispolverano metodiche e strategie di Comunicazione da globalizzazione. Si tralasciano nomi patriottici e si inventano slogan che dovrebbero essere d'impatto per il mercato internazionale. Ecco quindi, apparire durante una diretta notturna sul TG4 in piena tornata elettorale, il Ministro per il Turismo Michela Vittoria Brambilla che presenta il "nuovo" portale italiano per il turismo, che di nuovo appunto ha il nome "Magic Italy" e di vecchio qualcosa che ha a che fare con i soldi dei contribuenti: altri 10 Mln di euro da impiegare per lo sviluppo del portale in questione.

 

Intanto, meritevole di nota il fatto che, si sia scelta la fascia notturna per presentare il progetto: palesa la volontà che pochi telespettatori venissero messi a parte del progetto Web. Non si comprende infatti la motivazione per cui, un progetto che – da quanto riportato dal Ministro Brambilla - "vede il Premier Berlusconi coinvolto in prima persona nello sviluppo dello stesso, a partire dalla scelta del nome" non venga presentato ai contribuenti - sostenitori economici inconsapevoli dello stesso progetto - in maniera chiara ed efficace, con informazioni che non debbano essere relegate alle fasce notturne e con una mancanza totale nelle pagine delle maggiori testate nazionali.

 

Ed è necessario scartabellare fra documenti e note per scoprire che, già a Gennaio del 2009, il Ministro Brunetta aveva siglato un protocollo di intesa con il Ministro Brambilla per lo sviluppo del progetto Web ed il conseguente finanziamenti di 10 Mln di euro.

 

 

Dalle dichiarazioni televisive notturne del Ministro Brambilla, sembra che il progetto verrà presentato durante una conferenza stampa a fine Giugno, e che la "previsione" legata a questa idea sarà un aumento del PIL legato al canale del turismo dal 10% al 20%. Una previsione davvero stuzzicante, considerando il perdurare della crisi economica nazionale e la discesa delle quotazioni turistiche che ci vedono protagonisti di un calo storico nell'accoglienza di turisti stranieri sul nostro territorio.

 

Ma non è questo il punto. Il Ministro Brambilla ha comunicato che il progetto verrà presentato a fine Giugno. Ben venga, a patto che stavolta non si resti nel limbo dell'incertezza e della non messa in atto di un percorso che all'atto pratico potrebbe seriamente contribuire al rifiorire dell'economia nazionale legata al turismo.

 

Certo, in molti avrebbero preferito venire a conoscenza del fatto che 10 Mln di euro di denaro pubblico fossero impiegati semmai per sollecitare comparti che stanno risentendo di tagli su tagli, come l'istruzione pubblica, le pensioni, la sanità, la sicurezza.

 

Ma ponendo il caso che questa volta non si bissi lo scandalo di Italia.it potremo – almeno stavolta – sperare che attraverso i nuovi canali del web sempre più presi in considerazione dalle Istituzioni, si possa svelare la rinascita economica del nostro Paese.

 

L'articolo ha ricevuto 14630 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/07/2014 22:37:15

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cosìè uno Stato sdenza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz


Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Web

Autore: Apokalipse Brooks - Multimedia
Data: 27/05/2014 18:42:13
Watch Dogs, giocare da hacker: PROVA LA DEMO! #sapevatelo

Esce l’atteso blockbuster di Ubisoft che mette in campo un’intera “smart city” da esplorare e “usare” per portare a termine la vendetta del protagonista

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 07/04/2014 18:04:09
Il video del neonato che non vuole staccarsi dalla mamma fa il giro del mondo

E' appena nato, ma non ne vuol sapere di staccarsi dalla sua mamma...Un video tenerissimo che sta facendo il giro del Web e del Mondo

Leggi l'articolo

Autore: Luca De Rossi - Redazione Cronaca
Data: 28/08/2013 10:33:32
Facebook e la Privacy: una sentenza condanna il social a risarcire 600.000 utenti

15 dollari di risarcimento per ognuno dei 600mila utenti che si sono visti condividere le loro informazioni personali attraverso gli annunci pubblicitari sul social network senza il loro consenso

Leggi l'articolo

Autore: Davide Falsaperla - Redazione ComunicAzioni
Data: 14/08/2013 16:26:47
Facebook acquista Jibbigo: nuova app per tradurre in tempo reale.

Facebook ha da poco annunciato di aver acquisito Mobile Technologies, una giovane azienda di Pittsburgh che ha realizzato Jibbigo

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)