Sei nella sezione Battaglie Sociali   -> Categoria:  Infanzia  
Ragazzi violenti: è solo bullismo?

Ragazzi violenti: è solo bullismo?
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 10/05/2009 15:39:32

Negli Stati Uniti da decenni è considerato "normale" detenere armi di vario tipo. Le più desiderate e richieste però, sono da sempre le pistole. In forma un po minore i fucili. Fra senso amatoriale dell'oggetto e reminescenze da far west, si calcola che un Americano su due, detiene un'arma da sparo. Acquistarne una, risulta particolarmente semplice. Si entra in uno dei tanti negozi presenti negli States, si sceglie l'oggetto del desiderio. Si paga. Si esce dal negozio. Punto. Nessuna licenza viene richiesta. Età minima per l'acquisto: sedici anni. Ovvio che questa familiarità e possibilità a reperire un'arma anche in fasce d'età giovanissime, ha reso dilaganti eventi delittuosi che poi, per una strana contraddizione delle cose, fanno rigirare insonni nel letto persino gli stessi cittadini statunitensi. Insomma, se si volesse realisticamente arginare il fenomeno dei tanti omicidi, carneficine alla Colombine ed infanticidi da bullismo epocale, qualcosa si potrebbe fare.
 
Magari iniziando a regolamentare l'acquisto delle armi. Ma non accade. Forse perché in America rimane forte il senso della protezione della proprietà. Che comunque va poi a debordare in una fitta rete di atti delinquenziali. In Italia, la situazione è totalmente opposta. Per poter detenere un'arma, è necessario sottoporre domanda di porto d'armi, che peraltro distingue tre tipologie differenti: Porto d'armi per sport, uso venatorio e difesa personale. I primi due vengono rilasciati dalla Questura.
 
L'ultimo, quello per difesa personale, solo ed esclusivamente, ed a discrezione della Prefettura, in caso si sia sottoposti a gravi minacce per motivi professionali i personali. Insomma, non è facile come bere un bicchiere d'acqua. Fortunatamente. Ma siamo nell'epoca dello scontro. Dell'autodifesa. Della protezione fatta di Ronde, che un po', diciamolo, ricordano le bande di quartiere. Siamo il prodotto di abitudini statunitensi che a volte giungono a noi dopo un bel po' di anni.  E siamo gli spettatori, specialmente nell'ultima manciata di tempo, di film, telefilm e sequel, tutti incredibilmente ambientati fra gli ambienti polizieschi o, in netta contrapposizione, delle organizzazioni malavitose. I giovani osservano. Guardano. Seguono. Apprendono.
 
A volte non esattamente la parte migliore di ciò che viene proposto a livello mediatico. Ecco apparire anche in Italia, episodi di bullismo che rasentano sempre più spesso una tendenza ampiamente vicina all'aggressione delinquenziale. Lame di coltello, prima celate, occultate alla vista, ora appese come orpello alla cinta dei pantaloni. In bella vista. Quasi un cartello a dichiarare: "Attenzione: qui può correre il sangue". Ed il sangue corre. Fra globuli troppo giovani forse, per comprendere il criterio fra il bene ed il male.
 
Necessità di apparire o di esistere? Di prevaricare oppure omologarsi? Di imitare messaggi male metabolizzati o tendenza tutta della nostra epoca, atta a creare nuovi mostri, perché di mostri sempre più è pieno il contenitore mediatico dei nostri giorni? Comunque sia, a colpi di coltello, finiscono vite sul nascere. Per un'occhiata in più. Un berretto rubato. Un colore di pelle diverso. Ragioni inesistenti che mietono vittime. Sempre più giovani. Un turbinare di violenza contrabbandata per Forza e mai percepita per ciò che è e rimane nella realtà: enorme fragilità e paura di esistere. A dodici anni è presto per morire.
 
E per uccidere. Ma i figli di questa epoca, stanno crescendo col mito dell'arroganza. Dell'omologazione ai grandi, che non sono rappresentati più da modelli coerenti alla decenza, bensì presi dagli armadi ove si celano scheletri sempre più reali. Delinquenti che divengono miti. Sicurezza sbandierata dietro la cortina della prevaricazione. Le piccole bande di un tempo, sparavano "Bang" con la bocca. Al più, pallini di plastica, che al massimo, facevano saltare e poi ridere. Oggi la realtà deve prendere il posto del gioco. Che diviene perverso quando ci si rende conto che i nostri giovani hanno l'animo ormai vecchio e stanco, di chi ha vissuto già un'esistenza intera e non ha più nulla da perdere.
 
Negli States le statistiche della violenza minorile salgono quanto i nuovi baby delinquenti Italiani. Si tende sempre a ricercare colpe. In seno alla famiglia. Alla Società. Agli ambienti frequentati. Ma a mio parere, quando un fenomeno diviene di massa, bisognerebbe scandagliare altre aree. Ad esempio i messaggi che sembrano creati per gli adulti, che nella realtà spesso non reagiscono coi fatti agli eventi. Ma che trovano pronte le orecchie e le menti di chi forse, con la mente più aperta e pronta ad assorbire, rischia di non essere poi in grado di metabolizzare per il giusto verso le immagini ricevute. Il divieto si sa, fa scaturire il sottobosco. E nell'oscurità diviene più difficile controllare gli eventi. Ma trovare una soluzione a questa tendenza violenta dei nostri giovani è un Dovere ed un diritto di tutti. Pensiamoci.
 
Prima che le nostre cronache siano inondate di stragi per mano di bambini votati alla violenza.

L'articolo ha ricevuto 11808 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/07/2017 19:11:45

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Infanzia

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 09/07/2017 06:07:38
Binbi dimenticati in auto: il NO del Codacons

Altro caso di una bambina dimenticata in auto nel milanese; la piccola, di un anno, è rimasta per ben tre ore chiusa nell'abitoria all'interno del parcheggio della stazione della metropolitana di Bisceglie.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 08/06/2017 07:17:20
Mattarella firma il decreto vaccini. Il Codacons: 'Impugneremo la Legge'

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, firmando il decreto che reintroduce l’obbligo delle vaccinazioni per la frequenza delle scuole, pone la sua firma su un provvedimento che va contro i più basilari principi costituzionali.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 02/06/2017 06:45:00
Milano: solo 30 scuole su 530 sono a norma con le regole antincendio

I bambini nelle scuole non sono sicuri e non può bastare il Decreto "Milleproroghe" per renderci più sicuri.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 31/05/2017 06:58:16
Vaccini, Codacons: 'Pronti alla rivoluzione civile'

Il Codacons è stato letteralmente sommerso dalle proteste dei genitori che non intendono sottoporre i figli alle 12 vaccinazioni previste dal nuovo decreto varato dal Consiglio dei Ministri.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)