Sei nella sezione ComunicAzioni   -> Categoria:  Web  
La Rete nella rete? Mediaset contro Google. Cosa accadrà?

La Rete nella rete? Mediaset contro Google. Cosa accadrà?
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 10/05/2009 11:59:26

 

Attualmente il mondo del Web, risulta essere la Nazione più grande del mondo. Ed ancora, la più democratica. Milioni di utenti a tutte le ore del giorno e della notte, a qualsiasi latitudine, con un click accedono liberamente a milioni di siti e portali, a volte propri a volte di terzi. Peraltro, il Web 2.0 ha creato una maggiore adesione al Web, fatta di condivisione non più soltanto di idee e pensieri, ma di contenuti. Filmati, files audio, fotografie. Un tourbillon incredibile con numeri da far impallidire l'intero Pianeta. Come pensare quindi, che i Poteri del mondo non pensassero prima o poi, di incatenare e controllare quest'ultima enorme isola di libertà?
 
Circa tre anni fa, durante il Governo Prodi, fu presentata una proposta di Legge, che se fosse stata approvata, avrebbe dato il via alla creazione di un Ministero ad hoc, ove tutti gli utenti di Internet – Italiani s'intende – proprietari di nomi a dominio, sarebbero stati legalmente registrati, con deposito dei propri dati. Un attacco pesante alla Libertà ed alla Democrazia. Forse l'ultimo Governo Prodi non visse abbastanza per vedere approvata tale Legge. Sta di fatto però, che ogni tanto qualcuno sortisce con nuove proposte, tutte atte a "regolamentare" la Rete. Lo scorso anno, fu la volta della Parlamentare Gabriella Carlucci, che propose una Legge attraverso la quale, ogni cittadino italiano presente sul web, non avrebbe più avuto modo di navigare in forma anonima, cioè ad esempio, utilizzando un nick al posto del proprio nome.
 
Questa proposta attualmente è in corso di approvazione. Nel frattempo, il mondo Web, cresce a dismisura di secondo in secondo. Arginare un fenomeno di tali proporzioni risulta difficoltoso persino a chi è abituato quotidianamente a destreggiarsi sui grandi numeri. Così, pensa che ti ripensa...la notizia boom arriva. Ed arriva come sempre in sordina. Senza clamori. Senza alcuna pubblicità. Nel silenzio. Così da non permettere riflessioni, decisioni, idee e soluzioni. Il Gruppo Mediaset sembra aver trovato il bandolo della matassa.
 
E potrebbe essere l'avvio di un percorso altamente a rischio per ciò che riguarda l'ultimo rigurgito di Democrazia fatta appunto di libertà di pensiero, opinione e condivisione. Il fatto: Il Gruppo Mediaset denuncia il Gruppo Google, gigante mondiale del settore informatico dedicato al Web e proprietario del portale YouTube di condivisione di filmati - secondo la denuncia avviata – "per illecita diffusione e sfruttamento commerciale di file audio-video di proprietà delle società del Gruppo".  In pratica, Mediaset rivendica i diritti di riproduzione di circa 4.700 filmati, pari a circa 320 ore di materiali diffusi, calcolando un danno – a loro parere – di oltre 300.000 giornate di visione da parte dei telespettatori. Cosa significa? Che il Gruppo Mediaset, sta rivendicando i diritti di riproduzione di stralci delle proprie trasmissioni, pubblicati da utenti privati sul portale YouTube di proprietà del gruppo Google, chiedendo non solo che tali filmati vengano rimossi, ma che Google paghi un risarcimento pari a cinquecento milioni di euro. Detta così, la notizia appare ovvia. Da un lato un portale che, nato tre anni fa col fondamento di poter pubblicare e quindi condividere con altri utenti brevi video per lo più privati, ha raggiunto milioni di utenti iscritti in tutto il mondo ed una visibilità senza pari.
 
Dall'altro un gruppo editoriale che rivendica la paternità di alcuni stralci dei filmati prodotti o semplicemente diffusi per aver acquistato i diritti alla diffusione. Mediaste recrimina un diritto sacrosanto. Punto. Ma la vera notizia non è questa. Provate a pensare se, patteggiando una soluzione, il Gruppo Google proponesse al Gruppo Mediaset al posto dei cinquecento milioni di euro di risarcimento, l'enorme pacco dati derivanti dai milioni di utenti registrati. Un tesoro immenso costituito non solo dai dati anagrafici, ma di scelte, tendenze – anche politiche – gusti, pensieri, colore della pelle, tendenze sessuali e religiose... un contenitore così desiderabile che il Gruppo Mediaset non potrebbe declinarne l'accettazione.
 
Attraverso questo "scambio" Mediaset si ritroverebbe in mano, la vita intera degli utenti, ed è facilmente immaginabile l'utilizzo che ne potrebbe fare. Studi di nuove metodiche pubblicitarie sempre più mirate al singolo. Controllo e gestione della presenza sul web degli utenti. Fino a giungere magari, approvando la proposta della Carlucci, ad inserire – per Legge – tutti i dati anagrafici degli utenti in un comparto creato ad hoc. Da qui, alla costituzione del Ministero degli utenti Italiani presenti sul Web, il passo sarebbe davvero breve. Scenario apocalittico, ma possibile. La domanda è: è possibile scongiurare questa possibilità? E' ancora possibile riuscire a non cadere nella rete della Rete? Forse. Magari, se intanto venissero immediatamente tolti gli stralci di filmati di proprietà di Mediaset dal portale YouTube.
 
Ma forse non basterebbe, Perchè Mediaset potrebbe già aver aperto il portone ad altre realtà editoriali che potrebbero rivendicare al oro volta, la paternità dei propri filmati, avviando così un processo inarrestabile. Il dubbio che YouTube possa protendere verso il passaggio dei dati piuttosto che al pagamento della richiesta di risarcimento è grande. Non si metterà certo a cautelare i diritti di democrazia degli utenti. Si parla di grandi numeri e come sempre...ubi major, minor cessat. Godiamoci finché sarà possibile, questo atollo virtuale. Finché persino ciò che è reale, non diventi tale.

 


L'articolo ha ricevuto 9064 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/10/2014 22:43:50

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Web

Autore: Apokalipse Brooks - Multimedia
Data: 27/05/2014 18:42:13
Watch Dogs, giocare da hacker: PROVA LA DEMO! #sapevatelo

Esce l’atteso blockbuster di Ubisoft che mette in campo un’intera “smart city” da esplorare e “usare” per portare a termine la vendetta del protagonista

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 07/04/2014 18:04:09
Il video del neonato che non vuole staccarsi dalla mamma fa il giro del mondo

E' appena nato, ma non ne vuol sapere di staccarsi dalla sua mamma...Un video tenerissimo che sta facendo il giro del Web e del Mondo

Leggi l'articolo

Autore: Luca De Rossi - Redazione Cronaca
Data: 28/08/2013 10:33:32
Facebook e la Privacy: una sentenza condanna il social a risarcire 600.000 utenti

15 dollari di risarcimento per ognuno dei 600mila utenti che si sono visti condividere le loro informazioni personali attraverso gli annunci pubblicitari sul social network senza il loro consenso

Leggi l'articolo

Autore: Davide Falsaperla - Redazione ComunicAzioni
Data: 14/08/2013 16:26:47
Facebook acquista Jibbigo: nuova app per tradurre in tempo reale.

Facebook ha da poco annunciato di aver acquisito Mobile Technologies, una giovane azienda di Pittsburgh che ha realizzato Jibbigo

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)