Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Presentazione Libro  
Les Immatériaux

Les Immatériaux
Autore: Fabrizio Federici - Redazione Cultura
Data: 06/05/2009 17:37:16

Nel 1985, in una Francia già disincantata dalla realtà della politica quotidiana, che aveva fortemente ridimensionato le  eccessive speranze che la  prima Presidenza Mitterrand determinasse un cambiamento radicale della società transalpina ( l' 85 è lo stesso anno, tra l'altro, dello scontro, nelle acque del Pacifico, fra unità della marina militare francese e attivisti ecologisti di Greenpeace ), al Centro Pompidou di Parigi si teneva la grande mostra  "Les Immatériaux", curata dal filosofo Jean-François Lyotard. Progetto d'ampio respiro, che, accanto ai territori di arte, musica, letteratura e cinema, esplorava – nel solco, del resto, d'una scelta già fatta da imprenditori illuminati come Adriano Olivetti negli anni '50 -  anche quelli di produzione industriale,  design e ricerca scientifica, cercando di dare un quadro complessivo dell'evoluzione della società. Francesca Gallo, storica dell'arte già occupatasi di iconografia urbana, videoarte e altre tecniche d'arte contemporanea, ha ricostruito le tappe di quest' avventura intellettuale, con le sfide poste da nuovi paradigmi linguistici e  nuove tecnologie usati nella mostra ( illuminazione, audiovisivi, prime manifestazioni di multimedialità) agli artisti di fine '900, nel volume "Les Immatériaux-Un percorso di Jean- François Lyotard nell'arte contemporanea". Edito da Aracne, editrice di tendenza particolarmente attenta ai temi dell'innovazione, e  presentato al Museo-Laboratorio di Arte Contemporanea della "Sapienza" di Roma.

"La scelta di chiamare all'organizzazione della mostra, peraltro già avviata da tempo, un pensatore come Lyotard, a capo d'un'equipe multidisciplinare ( storici, filosofi, ecc…), e largamente apprezzato negli USA, dove insegnava", ha precisato l'Autrice, "era chiaramente politica: una risposta della vecchia Europa alle nuove sfide culturali e tecnologiche degli USA ( e rientrante nella politica dell'allora ministro della Cultura francese Jack Lang,  che influì fortemente, tra l'altro, sulle scelte di assessori nostrani come Renato Nicolini, col piano per creare una serie di piccoli "Centri Pompidou" a Roma, e Vezio De Lucia a Napoli, N.d.R ). Ad ogni modo, "Les Immatériaux" segnò una svolta epocale, in cui Lyotard e il Governo francese investirono coraggiosamente: pensiamo non solo a multimedialità e interattività ( anche se il pubblico – cosa peraltro prevedibile -  al momento non reagì troppo bene ), ma anche alle retrospettive sul cinema sperimentale francese e italiano degli anni '60, alla forte partecipazione delle artiste e di poeti d'avanguardia come Nanni Balestrini, e a tutte le  "ricadute"  nel campo della didattica".

"Questa  mostra dell' 85 – ha ricordato Simonetta Lux, Direttrice del MLAC e docente di Storia dell' Arte Contemporanea alla "Sapienza" – permise d'approfondire, tra l'altro, il modo di reagire dei cinque sensi al contatto con le varie forme d' arte". E Silvia Bordini e Maria Grazia Messina, docenti, rispettivamente, di Storia delle Tecniche artistiche e Storia dell' Arte Contemporanea alla "Sapienza" e all'Ateneo di Firenze: " il saggio di Francesca Gallo ricostruisce anche la valenza della mostra dell' 85 come strumento di comunicazione e divulgazione seria della storia dell' arte ( nella tradizione, del resto,  italo-francese delle grandi mostre tematiche e monografiche organizzate dalle Sovrintendenze da fine '800 in poi, N.d.R.). Per quanto ha riguardato anzitutto il movimento futurista, di cui quest'anno ricorre il centenario : solo "Les Immatériaux" permise una piena ricostruzione della storica Mostra internazionale sul futurismo di Parigi del 1912. Interessante, infine, era il retroterra culturale, soprattutto filosofico, dell'organizzazione della mostra dell' 85: con la quale Lyotard espresse la sua visione del postmoderno,  singolarmente "logocentrica", fondata sul ruolo più della parola, del Verbo, che dell'immagine". In linea, del resto, con la tecnologia anni '80, che, diversamente da quella odierna,  permetteva d' agire più sul suono che sull'immagine. Ma anche, in qualche modo, con una tradizione classica e idealistica, da Platone al Vangelo di Giovanni e allo stesso Hegel, più che medioevale  ( ben note, infatti, erano l'estetica e la stessa politica culturale del Medioevo, fortemente basate sul ruolo delle immagini: specialmente in Francia, con la grande tradizione delle cattedrali con vetrate e rilievi spesso di valenza esoterica, da Chartres a Notre-Dame di Parigi ). 


L'articolo ha ricevuto 11824 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/09/2017 07:45:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Presentazione Libro

Autore: Neri Riondino - Redazione Cultura
Data: 19/09/2017 06:44:14
Emanuela Orlandi: agghiaccianti rivelazioni nel nuovo libro-inchiesta di Emiliano Fittipaldi

Fittipaldi ha recentemente dichiarato sul suo profilo Facebook di aver "trovato un documento uscito dal Vaticano. Ci ho lavorato mesi, e ho pubblicato un libro, 'Gli impostori', che uscirà tra qualche giorno".

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 15/09/2017 06:27:04
Presentazione libro: 'Chiamiamoli ladri' - Di Vittorio Feltri - edizioni Mondadori

A scorrere le graduatorie mondiali sulla «corruzione percepita», il nostro Paese è la Silicon Valley dove si brevettano i marchingegni più fantasiosi in materia. Non per combatterla, ma per praticarla. Insomma, oltre che il luogo del pianeta con il maggior numero di siti dell’Unesco intesi come patrimonio materiale dell’umanità, il nostro Paese è anche quello del patrimonio immateriale del «se pò ffa’»

Leggi l'articolo

Autore: Recensione di Susanna Schivardi
Data: 30/08/2017 07:30:56
Recensione: Glock 17 La Pazienza dell' Odio - Round Robin Edizioni

Per Emanuele Bissattini il tour di presentazioni è già al pieno almeno a Roma, attende altre date e ammette che finora con il libro non ha guadagnato un euro. Non è un brutto segno, ci rincuora averlo letto visto che il romanzo è una bomba vera. Un colpo al cuore. Un calcio in pieno stomaco. Un noir perfettamente costruito, equilibrato, intenso e denso di fatti e personaggi come sottolinea Kento, il rapper calabrese che sembra conoscerlo molto bene.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 25/08/2017 10:14:12
Manuale del rivoluzionario 3.0 - di Emilia Urso Anfuso - in esclusiva per Amazon

In questo manuale, troverete - oltre a molte informazioni utili e spunti di riflessione - una vera guida alla rivoluzione non violenta, ma organizzata in modo da poter essere portata avanti seriamente dalla popolazione. Gli ingredienti necessari? Motivazione, coesione, consapevolezza, volontà, informazione.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)