Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Tutti pazzi per amore. Ma pazzi sul serio gli autori.

Tutti pazzi per amore. Ma pazzi sul serio gli autori.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 04/02/2009 11:09:23

E' la fiction più seguita del momento. Va in onda ogni domenica sera in prima serata e raggiunge uno share del 22% con i suoi circa sei milioni di spettatori a puntata. Un successo. Firmato Rai Uno. La trama "acchiappa" un pò tutte le fasce di età. Alla base della storia, l'Amore.
Quello con la "A" maiuscola.
 
Nella società attuale, due vicini di casa, entrambi divorziati e con prole, si scoprono innamorati. Fra varie vicende, a volte molto divertenti, finiscono per unificare i loro due appartamenti e divenire una dei milioni di famiglie "allargate" presenti in Italia.
 
La famiglia vive - più o meno bene - sotto lo stesso tetto. La fiction scava in maniera leggera nei sentimenti umani di adulti ed adolescenti, tracciando anche una sorta di analisi socio culturale dei nostri tempi. Non troppo impegnativa, ma per questo seguibile dalla massa.
 
Un successo.

Ma ecco, che nella mente dei produttori di questa ennesima perla della televisione casereccia, si inocula un
desiderio. Un vermicello che forse sarebbe stato meglio tenere fra le proposte da archiviare. Un'idea che molti avrebbero preferito non dover...subire. Parlo dell'ultima puntata andata in onda Domenica 1 Febbraio.
 
Mentre il popolo degli spettatori si godeva la semplicità coinvolgente di una storia che può essere specchio di molte storie reali, ecco che, senza preavviso, accade qualcosa che ha scosso le emozioni di molti. Adulti, ma anche molti bambini. All'improvviso, durante una scena che non faceva pensare a nulla di terrorifico, ecco che d'improvviso appare quanto di più satanico mente umana possa realizzare attraverso le immagini.
 
La scena: la protagonista femminile, incinta da pochi mesi, stravolta da un'ondata di ormoni, diviene di giorno in giorno sempre più nervosa ed intrattabile. Il suo compagno, in un momento di particolare tensione, la raggiunge in camera da letto e la trova piangente, seduta sul letto. Il volto di lei è celato dalla propria mano. Lui cerca di consolarla...niente di strano.
 
E' un'attimo. Un nanosecondo che cambia il ritmo del cuore. Fa sobbalzare dal divano. Fa rimanere sospeso il respiro. Fa urlare di paura i bambini. Forse anche qualche adulto. Lei alza il viso e...un'orrenda faccia satanica, dagli occhi totalmente privi di iride e pupilla, con voce di strega, apostrofa in malo modo il malcapitato innamorato. La scena dura due interminabili minuti.
 
Orribile. Gratuita. Inutile.
 
La protagonista riprende le fattezze normali. Il danno però è fatto. Cosa diavolo può essere passato nella mente dello sceneggiatore allo scopo di - si pensa - aumentare lo share? L'orrore improvviso, inaspettato, incredibilmente orrifico, coniderando peraltro la trama al latte e miele della fiction, a cosa doveva servire? Non si è pensato che molti telespettatori non andrebbero a vedere un film Horror nemmeno se pagati? Non hanno pensato che molti bambini a quell'ora, stanno davanti al televisore anche se con mamma e papà?
 
A cosa doveva servire la spettacolarizzazione del terrore, in una pausa di buoni sentimenti? Possibile che non vi sia più traccia di garanzia delle trasmissioni televisive? La creazione dei "bollini" apposti alle trasmissioni, in maniera da far comprendere in maniera chiara la visibilità ai minori e stata questa volta completamente disattesa. Molte le persone che non hanno gradito. La ricerca di consensi ad ogni costo sempre più spesso, porta a sbagliare le scelte di chi vive alla continua ricerca di un punto percentuale in più di share.
 
Nel mondo delle liti in diretta - ma saranno vere? Il dubbio si concretizza di attimo in attimo - delle male parole che volano per un nonnulla, per le immagini spietate propinate dai media, che stanno abituando a livelli emozionali che necessitano di sensazioni sempre più forti per essere scossi, forse per contraddizione, si potrebbe pensare ad un ritorno alla serenità ed alla non spettacolarizzazione di qualsiasi immagine ed evento critico.
 
Come si può pensare ad una società equilibrata se non si passano messaggi di distensione? Nel frattempo, qualcuno dichiara che non seguirà le prossime puntate di "Tutti pazzi per amore". Eppure, se la macchina della comunicazione di massa ha scelto questo inserto d'orrore inaspettato, viene da pensare che molte persone hanno gradito. Purtroppo. garanzia del fatto, che il "trattamento" mediatico ha fatto centro sulla maggior parte delle persone di varie fasce d'età.
 
Incubo sociale che lascerà sempre più orfani coloro che non apprezzano e si discostano da imperativi imposti dal Sistema.

L'articolo ha ricevuto 14560 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/08/2016 04:19:00

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione della nostra Inviata Susanna Schivardi
Data: 14/05/2016 10:17:17
Recensione: 'Ragazza in erba' - Al Teatro Trastevere

Alessia è Sara, una ragazza semplice di Padova che all’imbarco per la Sardegna, un giorno, viene fermata per possesso di 9 grammi di marijuana. È l’inizio della sua riflessione sulla società e sulla vita

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 14/05/2016 10:18:12
Recensione: 'Peperoni difficili' - Al Teatro Vascello fino al 15 Maggio

Brillante commedia con sottofondo umoristico ma anche denso di riflessione, la vicenda si svolge tutta all’interno del piccolo appartamento di un parroco di un piccolo paese.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 08/05/2016 11:00:42
Recensione: L' amore e' 'na cicatrice - Al Teatro Arvalia

Il tutto accompagnato dagli stornelli romani, con la chitarra di Matteo Volpotti. La rima accompagna i dialoghi come un'ombra benefica che mette allegria e spinge lo spettatore ad intonare canzonette.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/04/2016 12:33:03
Recensione: Antonio Muntadas 'Protocolli e derive veneziani'

Antico e moderno che si fondono accanto alla Chiesa di San Pietro in Montorio, nelle sale che circondano il chiostro del complesso. Antoni Muntadas è un artista concettuale che sfrutta i media in una linea multidisciplinare...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)