Sei nella sezione Battaglie Sociali   -> Categoria:  Diritti Civili  
Diritti umani: cosa è cambiato in 60 anni?

Diritti umani: cosa è cambiato in 60 anni?
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 20/11/2008 13:05:22

Il 10 dicembre prossimo, si festeggerà il 60° anniversario dalla proclamazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Stilata nel 1948 ed approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, la dichiarazione ha al suo interno una lunga lista di elementi che tendono tutti alla totale livellazione degli esseri umani e dei loro diritti inalienabili quali – come si legge al punto uno – quelli fondamentali della Libertà e Dignità oltre al diritto anch'esso inalienabile, alla non discriminazione in qualsiasi ambito dell'Esistenza umana.

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, non fa differenza alcuna fra le genti e fra i popoli. Non discrimina per colore di pelle o credo politico. Basa le sue fondamenta, sul concetto di pari dignità e libertà di esistenza ed espressione, per ogni singolo abitante della Terra.

Il concetto è sorprendentemente semplice nella sua accezione più pura: a singolo Essere Umano, corrisponde il Diritto di esistere dignitosamente. Punto. Null'altro, per riassumere in maniera sintetica i 30 articoli che compongono la dichiarazione stessa.

Dignità. Non discriminazione. Uguaglianza. Un progetto grandioso di riconoscimento universale dell'Essere. Pari l'uno all'altro. Uniti all'estremo per il solo fatto di essere parte ognuno della stessa grande famiglia: quella degli esseri Umani.

Non più discriminazioni per il colore della pelle. Per il credo religioso. Per il pensiero politico. Per la condizione personale di povertà o ricchezza. Per il subire disabilità e diversità morfologiche, tali da rendere irriconoscibili le persone non conformi ad uno status esteriore ritenuto "accettabile" perché equiparato alla norma.

Uguali. Tutti. Uniti. Tutti.

Ma se già nel 1948, si rese necessario stilare queste trenta regole di sana e dignitosa partecipazione ed uguaglianza sociale, considerando i periodi bui delle persecuzioni etniche di vario genere perseguite fino ad allora, era tristemente immaginabile che questa dichiarazione di intenti, non avrebbe trovato ampia collocazione nella società dello sviluppo del dopoguerra.

A sessanta anni dalla proclamazione infatti, ci si ritrova con una eredità amara, fatta di diritti sempre più negati, di libertà sempre più represse, dagli stessi identici esseri umani che ritengono di avere dalla loro  un potere super partes che li rende padroni di altre vite umane e del loro destino.

Nulla è cambiato dall'auspicato progetto iniziale di una umanità unificata, libera e non discriminata.

Quasi a voler cancellare la temuta possibilità – da parte delle grandi potenze mondiali – di perdere il controllo delle masse. Di non poter più essere attori unici delle grandi espressioni di Potere che da sempre, passano attraverso il giogo subito dai popoli. Il Potere cresce fra le trame della discriminazione, dell'impoverimento delle nazioni e dall'assoggettare totalmente le genti ai dettami di chi comanda, allo scopo di rendere sempre più deboli le richieste dei più.

Ed ecco quindi, che ciò che unitariamente fra le maggiori nazioni fu deciso e riportato nella carta dei Diritti Umani, in maniera automatica e globale, non trovò adempimento nella realtà.

In effetti: quale potere, di qualsivoglia nazionalità e credo politico, lascerebbe libertà e dignità totale alla Massa, consapevole che questa condizione, renderebbe inefficace qualsiasi controllo e gestione degli eventi sociali?

Se ci pensiamo, i regimi dittatoriali di qualsiasi epoca e natura, si basano infatti, sul totale assoggettare le Masse. La deprivazione della libertà e della dignità, sono parte integrante dei regimi dittatoriali stessi.

Un Popolo, se reso libero, sfonda i muri del controllo e della gestione da parte di chi li governa: questo è il pensiero onnipresente di chi comanda.

E come si poteva credere che si lasciasse vivere l'umanità intera senza che essa fosse gestita e controllata da chi decide le sorti del pianeta, anche e soprattutto, a questa forma seppur minima di dittatura?

Le genti continuano a nascere, crescere operare.

Quotidianamente subiscono questa o quella discriminazione. Vanno avanti, nel percorso della propria vita. Spesso senza nemmeno accorgersi di esser discriminati o privati di libertà che non sanno nemmeno immaginare.

Il Potere cresce, al ritmo della privazione costante di qualsiasi forma di espressione, libertà di esistere e di scegliere.

Il Mondo intero, ormai compresso nella morsa della rassegnazione al non riconoscimento della propria unicità e libertà, cammina nel percorso deciso da chi dimentica volutamente diritti inalienabili eppure costantemente negati, ed ormai tragicamente palesati, quasi a voler declamare a gran voce la propria potenza ed assoluta possibilità di prevaricazione.

C'è soluzione a queste dinamiche perverse che dominano l'universo umano da sempre?

Forse. Non togliendo mai l'attenzione da qualsiasi atto, evento, fatto e misfatto che platealmente rappresenti una consistente privazione della libertà e dignità umana.
 
E combattendo costantemente ogni evento, fatto e misfatto, con la forza, l'energia e l'assoluta convinzione, che si possa ribaltare anche il Potere più grande e di conseguenza spaventoso, con un urlo di rivolta comune e che accomuni le genti di colore, pensiero e condizione diversi all'unico scopo di ritrovare il giusto equilibrio umano e sociale.

 


L'articolo ha ricevuto 9801 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/04/2014 21:49:41

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cosìè uno Stato sdenza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz


Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Diritti Civili

Autore: Il Direttore e la Redazione
Data: 08/02/2014 18:19:03
Emilia Urso Anfuso: Ergastolo ostativo: NO - per ora - all'abolizione. La Riforma deve essere reale

La proposta di cancellare la pena dell'ergastolo è stata abbracciata da tutte le componenti politiche. Già presentata alla Camera una proposta di iniziativa popolare con richiesta di abolizione dell’ergastolo. Anche Stefano Rodotà Don Luigi Ciotti, sostengono l'iniziativa. ATTENZIONE: In Italia esistono due tipi di ergastolo: Normale e Ostativo. Di seguito le informazioni utili a comprendere di cosa stiamo parlando

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 26/11/2013 17:17:27
La nostra Campagna nazionale contro gli abusi nelle Case di Riposo (RSA)

Sempre attivissima la nostra Campagna contro gli abusi nelle case di riposo ideata dal nostro Direttore Emilia Urso Anfuso. Nella puntata del 25 Novembre della trasmissione Quinta Colonna serale, si è parlato proprio della nostra Campagna e un nostro lettore che ha aderito anche alla nostra petizione, ha accettato di essere intervistato dal collega Vittorio Romano di Quinta Colonna: nel video allegato potete seguire l'intervista e alcune scene della trasmissione relative agli abusi nelle RSA

Leggi l'articolo

Autore: Redazione
Data: 16/08/2013 08:57:07
Il suicidio di un 14enne. Si tratta di omofobia?

Dovrà essere la procura di Roma, che ha aperto un'inchiesta, a cercare un legame certo tra una scelta estrema compiuta a 14 anni.  E l'eventuale gesto, o insulto o atto di derisione, che potrebbero averla determinata.

 

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore, Emilia Urso Anfuso
Data: 09/07/2013 14:07:38
Ludopatia: denunciamo lo Stato per procurata dipendenza da gioco d'azzardo. Ecco comeOggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO è giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie, rovinate dalla dipendenza dal gioco di ogni tipologia.
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)