Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Scrittura  
Elogio della lentezza

Elogio della lentezza
Autore: Christian Oliver Harris
Data: 15/03/2008 15:08:51

"Ascolto il rumore del mare.  Rallento finalmente.  La velocità impedisce di essere se stessi.  Qui le giornate hanno una durata leggibile nel cielo.  La mia vita parigina non ha cielo.  Ideare uno slogan, faxare un articolo, rispondere al telefono, veloce, scappare di riunione in riunione, mangiare un boccone di corsa, in fretta, in fretta, filare in scooter per arrivare in ritardo ad un cocktail.  La mia esistenza assurda esigeva una frenata.  Concentrarsi. Non fare che una cosa alla volta.  Accarezzare la bellezza del silenzio.  Godersi la lentezza.  Ascoltare il profumo dei colori.  Tutte cose che il mondo vuole proibirci.  E' tutto da rifare.  Bisogna riorganizzare questa società.  Oggi chi ha i soldi non ha il tempo, e chi ha il tempo non ha i soldi.  Scampare al lavoro è difficile quanto sfuggire alla disoccupazione.  L'ozioso è il nemico pubblico numero uno.  Si legano le persone con il denaro: la gente sacrifica la propria libertà per pagare le tasse.  Poche storie: la posta in gioco del prossimo secolo sarà sopprimere la dittature dell'impresa". 

Così scriveva Frédéric Beigbeder nel suo "L'amore dura tre anni", libro datato 1997 ed edito in Italia da Feltrinelli.  Chi è Frédéric Beigbeder e perché la scelta di iniziare con questo estratto? 

Una risposta alla volta.  Frédéric Beigbeder, nato nel 1965, è uno scrittore, un critico letterario, un pubblicitario ed un editore.  E' francese ed in Francia pochi non lo conoscono.  Il suo libro più famoso, e più bello a mio avviso, è "Euro 13,89", tradotto sempre da Feltrinelli nel 2001.  Il perché di questo estratto.  Il 25 febbraio scorso in Europa, ma anche a New York, si è festeggiata la seconda "Giornata mondiale della lentezza" (http://www.vivereconlentezza.it/).  Ed ecco che ieri mi imbatto in questo pezzo di Frédéric Beigbeder che con il suo linguaggio diretto, forte, espressivo ci racconta una Formentera in grado di fermare le lancette dell'orologio e portare per una volta la lentezza nel proprio sangue e nei propri movimenti.   

Il tema non è nuovo, certo, ma credo sia doveroso affrontarlo a scadenze regolari, in primis con noi stessi.  I ritmi frenetici verso cui ci spinge il lavoro, le tecnologie sempre più integrate che ci rendono reperibili e raggiungibili nei più svariati modi (ormai i palmari ci recapitano le e-mail o ci veicolano il faccione del nostro capo sullo schermo che ci assegna compiti a non finire).  Tutto questo, insieme ad una dilagante tendenza al "multi-tasking" (termine preso in prestito dall'informatica per indicare il comportamento tipico dell'uomo "postmoderno", che fa spesso più di una cosa insieme, come bere il caffé, mangiando la brioche, leggendo il giornale, con un occhio alla tv e un altro al palmare che ci segnala una nuova e-mail in arrivo), ci porta a perdere di vista noi stessi e ci fa vivere male, anzi, malissimo. 

Ecco, dunque, un consiglio per tutti.  Ogni sera, quando torniamo a casa, proviamo a seguire alcune semplici regole: 

  1. non accendere il pc appena varcata la porta ma accenderlo solo dopo qualche ora, solo ed unicamente se strettamente necessario;
 
  1. farsi una bella doccia calda o un bagno, ascoltando musica rilassante (Miles Davis, per chi ama il jazz, o Bob Marley per chi non disdegna il reggae sono solo alcuni consigli), immersi in un inebriante aroma di incenso;
 
  1. fare tutto, TUTTO, con molta lentezza, senza pensare ad altre cento cose, concentrandosi su quello che si sta facendo, sulle emozioni e le sensazioni che stanno provando;
 
  1. fare tutte, TUTTE, le cose una alla volta;
 
  1. gustare una cena che ci soddisfi, con calma, possibilmente dedicando tempo alla preparazione (non ricorrendo, dunque, a tristi piatti pronti surgelati) e alla masticazione, LENTA, sorseggiando di tanto in tanto un goccio di buon vino (se piace);
 
  1. dopo cena cercare di non addormentarsi subito davanti alla tv, pretendere di vivere attivamente quelle poche ore della giornata che si passano giornalmente a casa propria, magari leggendo un buon libro, ascoltando musica di qualità senza far nulla o guardando un bel film;
 
  1. nei weekend provare a buttare fuori tutto lo stress e le energie negative della settimana facendo tanto sport, leggendo, passeggiando nella natura, facendo giardinaggio, OZIANDO... tutto con ESTREMA LENTEZZA e CALMA e UNA COSA ALLA VOLTA.
 

Mi sono voluto lanciare in questo gioco, apparentemente arrogante ma dall'umile intento, per aiutare me stesso e noi tutti ad "ascoltare il rumore del mare", a "concentrarsi" su ciò che si sta facendo, a "non fare che una cosa alla volta", "accarezzando la bellezza del silenzio" e "godendosi la lentezza" e "il profumo dei colori". 


L'articolo ha ricevuto 33242 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/12/2014 22:33:52

Sei iscritto su Facebook, Twetter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Scrittura

Autore: Gabriele.Santoro Capo Redattore
Data: 28/05/2014 15:16:47
Al via il Festival Letterature, primo appuntamento con i diari inediti di Terzani

Dal 27 maggio al 1 luglio il Campidoglio ospita la rassegna "Letterature", dieci incontri con autori italiani e stranieri invitati a leggere propri inediti sul tema dell'individualità, partendo dalla frase di Elias Canetti "ognuno, ma proprio ognuno, è il centro del mondo

Leggi l'articolo

Autore: Nostro Inviato Gabriele Santoro
Data: 09/09/2013 10:32:02
Omaggio a Giuseppe Gioachino Belli - Museo Braschi

È dal 1997 che il Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli organizza incontri per ricordare la figura del grande poeta di Roma, coincidenza vuole che quest’anno si sia capitati nel centocinquantenario dalla sua scomparsa

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte
Data: 15/08/2013 07:38:30
Masterpiece. Ma sara' veramente un capolavoro?

 RaiTre in collaborazione con Fremantlemedia sta per realizzare la prima edizione di un programma televisivo letterario dal titolo: Masterpiece.

 
Centro del programma sarà la sfida tra aspiranti scrittori che non hanno mai pubblicato una propria opera letteraria, e per farlo abbiamo bisogno di conoscervi e di leggere i vostri romanzi.
Leggi l'articolo

Autore: Fabrizio Federici - Redazione Cultura
Data: 06/12/2010 12:22:33
Il Sud e le repressioni del 1861. Fabrizio Federici intervista Giordano Bruno Guerri“Un’ Unità mal condotta e peggio proseguita” certo; ma “grazie all’Unità – attraverso un processo lungo, faticoso e non ancora terminato – l’Italia è diventata un grande Paese. Non lo sarebbe mai stata senza il Risorgimento” . Bastano queste brevi frasi ( pagg. 252-253 ) per condensare – ha osservato Giuseppe Parlato, presidente della Fondazione Ugo Spirito- Renzo de Felice – l’ispirazione complessiva del saggio di Giordano Bruno Guerri “Il sangue del Sud- Antistoria del Risorgimento e del brigantaggio”...
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)