Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
 Grecia: rischio crisi umanitaria per migliaia di famiglie bloccate sulle isole

Grecia: rischio crisi umanitaria per migliaia di famiglie bloccate sulle isole
Autore: Redazione Esteri
Data: 07/12/2017 06:53:32

Per il secondo inverno consecutivo, le autorità greche tengono intrappolate migliaia di uomini, donne e bambini nelle isole greche, abbandonandoli sull’orlo di una crisi umanitaria. È l’allarme lanciato da Medici Senza Frontiere (MSF) che, per rispondere a questa crisi, ha intensificato il suo intervento umanitario d’emergenza nel Paese. Allo stesso tempo, MSF lancia un nuovo appello all’Europa e alle autorità greche affinché queste persone vengano al più presto ricollocate sulla parte continentale della Grecia.

A Lesbo intere famiglie, arrivate recentemente da Paesi come Siria, Afghanistan e Iraq, sono stipate in piccole tende estive inadatte alle piogge e alle basse temperature”, spiega Aria Danika, coordinatrice dei progetti di MSF a Lesbo. “Lo stato psicologico di alcuni di loro è scioccante: nelle nostre cliniche di salute mentale riceviamo in media 10 pazienti al giorno che soffrono di stress psicologico acuto, molti di loro hanno tentato il suicidio o l'autolesionismo. La situazione sulle isole era già terribile, ora va oltre la disperazione”.

 

Per via delle restrizioni imposte dall’accordo tra Unione Europea e Turchia, che di fatto blocca queste persone sulle isole greche, il campo di Moria a Lesbo è pericolosamente sovrappopolato. A oggi ci sono più di 7.000 persone intrappolate in questa area progettata per ospitarne 2.300, con una media di 70 nuovi arrivi dalla Turchia al giorno, nella maggior parte dei casi donne e bambini. Nel campo non ci sono sufficienti docce e servizi igienici, l’accesso all’acqua è scarso e famiglie intere vivono in tende inadatte all’inverno. A Samos, 1.500 persone vivono in un campo che ne potrebbe ospitare al massimo 700, e centinaia di persone dormono in tende senza alcun tipo di riscaldamento e in scarse condizioni igieniche.

 

Queste orribili condizioni rappresentano un grave rischio per la salute e la vita di queste persone. Nel 2016, cinque persone sono morte a Moria a causa delle pessime condizioni all’interno del campo. Il contesto è particolarmente pericoloso per i più piccoli perché hanno una minore resistenza a queste difficili condizioni climatiche. Questa insostenibile situazione sta inoltre causando tensioni e disperazione tra migranti e rifugiati, mentre i residenti e le autorità locali protestano contro la trasformazione delle isole greche in vere e proprie prigioni.

 

MSF ha attivato una clinica mobile, operante al di fuori del campo di Moria, per i bambini e gli adolescenti minori di 16 anni, oltre che per le donne in gravidanza, per garantire loro cure di base, trattamenti per la polmonite, l’ipotermia e altre patologie nella popolazione più vulnerabile. MSF sta inoltre negoziando con le autorità greche per migliorare l'approvvigionamento idrico e le strutture igienico-sanitarie a Lesbo e Samos.

 

Come possono le autorità greche ed europee continuare a credere che tenere le persone in queste disastrose condizioni possa dissuadere altri rifugiati a venire? Persone disperate continuano ad arrivare sulle isole greche ogni giorno dopo aver rischiato la vita nel Mar Egeo. Questa crudele politica imposta alle persone vulnerabili in cerca di protezione è fallita e deve fermarsi”, afferma Emilie Rouvroy, capomissione di MSF in Grecia.

 

Le autorità greche hanno recentemente annunciato che 3.000 persone saranno spostate dalle isole entro il 10 dicembre, ma anche qualora questo limitato piano di evacuazione dovesse essere messo in atto, dopo poche settimane ci ritroveremmo nella stessa identica situazione. È giunto il momento di mettere fine alla politica di confinamento sulle isole e consentire a queste persone di andare lì dove i loro bisogni di protezione possano essere soddisfatti con umanità», conclude Rouvroy.

 

MSF lavora in Grecia dal 1991. Nel 2016 ha effettuato 54.200 visite mediche, 8.100 sedute individuali di salute mentale e 650 sessioni di gruppo. Nei prossimi giorni, a Lesbo, MSF distribuirà 8.000 coperte, 8.000 kit igienici, 4.000 sacchi a pelo e 4.000 materassi e intensificherà il proprio servizio di salute mentale. A Samos, MSF sta negoziando con le autorità greche un intervento per migliorare le condizioni igieniche del campo presente sull’isola.


L'articolo ha ricevuto 368 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 15/12/2017 10:55:19

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Rachel Niemoller - Redazione Attualit?
Data: 07/12/2017 06:29:05
CNN International presenta CNN Freedom Project - soluzioni per porre fine al traffico di esseri uman

Continua il percorso ambizioso di CNN Freedom Project che vuole far luce sulla crisi dei migranti, un tema attuale e molto sentito sia in Italia che nell’Europa intera e che, dal 2015, ha visto approdare nel continente milioni di rifugiati provenienti da diverse parti del mondo.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Esteri
Data: 16/11/2017 07:47:04
Libia: orrore per circa 20.000 migranti trattati come bestie

Circa 20mila migranti sono rinchiusi nei centri di detenzione in Libia: sono le cifre che emergono dal Dipartimento libico di lotta contro la migrazione illegale,

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Esteri
Data: 07/11/2017 07:53:49
USA: Trump contro l'immigrazione. Stop al programma di protezione per i nicaraguensi

 L'offensiva di Trump contro l'immigrazione non si arresta: ecco infatti arrivare lo stop al programma di protezione per circa 2.500 immigrati provenienti dal Nicaragua, che avranno 14 mesi di tempo per lasciare il territorio degli Usa. 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Esteri
Data: 09/10/2017 11:01:38
Tunisia; barcone con 70 migranti a bordo in rotta di collisione con una nave. Diverse le vittime

Una nave tunisina è entrata in rotta di collisione con un barcone con a bordo una settantina di migranti al largo delle coste tunisine. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)