Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Livorno: dopo la tragedia, stop al recupero abitativo dei seminterrati

Livorno: dopo la tragedia, stop al recupero abitativo dei seminterrati
Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/09/2017 06:52:20

DOPO LA TRAGEDIA DI LIVORNO STOP AL RECUPERO ABITATIVO DEI SEMINTERRATI

IL CODACONS CHIEDE ALLA REGIONE LOMBARDIA DI SOSPENDERE L'APPLICAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE N. 7 DEL 10 MARZO 2017

 

La tragica fine di una intera famiglia, annegata nella propria abitazione posta al piano seminterrato invaso dalle acque piovane, impone a tutti una seria riflessione sugli effetti della Legge Regionale n. 7/2017 con la quale la Regione Lombardia ha autorizzato (in deroga agli strumenti urbanistici ed alle norme sanitarie del Regolamento locale di igiene) la trasformazione ai fini abitativi dei vani posti nel sottosuolo dei fabbricati esistenti, con la possibilità di recuperare anche quelli di futura costruzione, dopo cinque anni dalla loro ultimazione.

Una normativa che si aggiunge a quella sui sottotetti e che produce l'effetto di far vivere - in "deroga" - decine di migliaia di famiglie in vani che lo stesso Regolamento regionale di igiene ritiene inidonei!

In caso di piogge consistenti gran parte del territorio della Lombardia è soggetto ad allagamenti, pensate cosa accadrebbe ai seminterrati di Milano o di qualsiasi altro comune della pianura Lombarda se si verificasse un nubifragio come quello di Livorno!

La legge in questione (che ha avuto effetto immediato dalla sua pubblicazione, il 13 marzo scorso) dà tempo fino al 31 ottobre ai comuni per escludere, motivatamente, solo "parte" del proprio territorio dalla sua applicazione, ma nel frattempo è operativa a tutti gli effetti e chi volesse può trasformare la sua cantina in abitazione, con una semplice SCIA senza dover neppure pagare gli oneri di urbanizzazione...

Il Codacons chiede quindi al presidente Maroni, alla Giunta ed al Consiglio regionale di sospendere la normativa in questione, in attesa di rivederne il contenuto e le modalità di applicazione che ora hanno maglie troppo larghe.
Anche per non essere ritenuti moralmente corresponsabili di future sciagure.


L'articolo ha ricevuto 528 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/11/2017 17:04:52

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Max Murro - Redazione Cronaca
Data: 22/11/2017 06:26:42
Milano: disordini Università Bicocca. I giovani protestano contro alternanza scuola-lavoro

 "Siamo studenti e dentro ci sono posti vuoti - ha spiegato uno di loro - vogliamo solo entrare a sentire la conferenza"...

Leggi l'articolo

Autore: Carola De Blasi .- Redazione Cronaca
Data: 20/11/2017 07:14:22
Chivasso, giovane addestratore cinofilo morto: forse un malore prima di essere attaccato dal cane

Tra le ipotesi sui motivi della morte, al vaglio degli inquirenti ci sarebbe anche un malore improvviso, dal momento che intorno al suo corpo sono state trovate poche tracce di sangue. E' quindi ipotizzabile uno scenario di questo tipo: Davide Lobue si sarebbe sentito male, accasciandosi in terra e solo dopo il cane lo avrebbe aggredito.

Leggi l'articolo

Autore: Ramella Nicol - Redazione Cronaca
Data: 19/11/2017 07:06:02
Teresi, Procuratore aggiunto di Palermo: 'La successione di Riina e' gia' stata pensata'

“Credo che, per quanto conosco l’organizzazione, avesse già cercato di pensare ad una successione. Perché è vero che Riina rappresentava il capo assoluto di Cosa Nostra, però è anche vero che ormai le sue condizioni facevano facilmente prevedere che di lì breve sarebbe scomparso. "

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 18/11/2017 08:45:42
Bologna, test drive in Lamborghini: muore autista del presidente della Corte di Appello di Bologna

Vito Rotunno, 57 anni, autista del presidente della Corte d’Appello di Bologna, Giovanni Colonna, e dipendente del ministero della Giustizia è morto ieri mattina a Sant’Agata Bolognese a causa di un terribile incidente stradale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)