Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Repubblica Democratica del Congo: 400.000 bambini rischiano di morire di fame

Repubblica Democratica del Congo: 400.000 bambini rischiano di morire di fame
Autore: Redazione Esteri
Data: 11/02/2018 06:36:05

Nel conflitto brutale esploso nell’area del Kasai nella Repubblica Democratica del Congo tra il 2016 e il 2017 hanno perso la vita più di 3.300 persone e 1,4 milioni, tra cui centinaia di migliaia di bambini, sono state costrette alla fuga.

Alcuni bambini sfollati stanno ora sopravvivendo con 3 pasti a settimana senza che le loro famiglie abbiano alcuna alternativa per trovare il cibo, e quasi 400.000 rischiano di morire di fame nei prossimi mesi a causa della mancanza dei fondi necessari per gli aiuti umanitari.

“Questo Paese, straziato dai conflitti, dove i bambini vengono anche reclutati a forza o usati come scudi umani, sta affrontando una delle più grandi e dimenticate emergenze umanitarie al mondo causate dall’uomo, e i programmi di aiuto necessari per salvare la vita dei bambini sono fortemente a rischio,” ha dichiarato Heather Kerr, Direttore nella Repubblica Democratica del Congo di Save the Children, l’Organizzazione internazionale che dal 1919 lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro.

“Centinaia di migliaia di bambini sono in questo momento sul baratro perché il mondo si è voltato dall’altra parte. Solo il 3% degli aiuti necessari sono stati finanziati, i governi e i donatori devono fare ogni sforzo possibile per salvare questi bambini.”

Dallo scorso agosto, gli operatori di Save the Children hanno trattato migliaia di bambini affetti da malnutrizione grave, come Benjamin*, che ha un anno ed è scampato all’attacco del suo villaggio da parte dei gruppi armati come racconta sua mamma Kapinga*: “Sono fuggita con il mio bimbo dopo aver perso mio marito nel caos. Hanno ucciso, distrutto tutto e rubato il nostro bestiame, non avevamo più nulla da mangiare. Quando ho potuto finalmente portare Benjamin in ospedale era in condizioni gravissime, ma dopo aver ricevuto il latte e primi trattamenti si sta lentamente riprendendo”.  


L'articolo ha ricevuto 384 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
L' Europa e il mondo non potranno mai fermare milioni di esseri umani disperati e spinti dalla fame o da guerre provocate da immondi personaggi. Finche' si prevaricherà su di un altro paese al solo scopo di saccheggiarne le risorse naturali per avere un migliore, effimero e dannoso tenore di vita che, oltretutto, porterà inevitabilmente a precipitare lo spirito nella materia e nell' egoismo più abietto distruggendo lo stesso e il pianeta. Saluti a tutti e buon lavoro
Commento di: defraiav Ip:87.9.33.218 Voto: 10 Data 14/02/2018 06:38:33

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 22/02/2018 07:33:33
 Siria, Ghouta orientale: enormi afflussi di feriti negli ospedali  ma mancano farmaci salvavita

Quest’anno il bilancio della guerra nell’area di Ghouta orientale è già pesante, con più di 1.600 feriti e oltre 180 morti solo nelle strutture supportate da MSF fino al 18 febbraio. 

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 15/02/2018 09:32:54
Florida: strage in una scuola. 17 morti. Arrestato l'autore della strage: è un ex allievo

Terrore in un istituto scolastico superiore della Florida: diciassette persone sono morte e almeno altre 14 sono rimaste ferite durante una una sparatoria avvenuta in un istituto di Parkland.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 15/02/2018 07:32:19
 Siria: attacco a centro sanitario supportato da MSF. Servizio vaccinazioni in frantumi

Quello di Mishmishan è solo l’ultimo di una serie di attacchi contro strutture mediche e ospedaliere in Siria. Dalla metà di dicembre scorso, gli intensi combattimenti in diverse aree del paese

Leggi l'articolo

Autore: Carola De Blasi .- Redazione Esteri
Data: 14/02/2018 06:56:16
Canada: la legalizzazione della Cannabis non è vicina

Il ministro per la Sicurezza pubblica canadese, Ralph Goodale, ha frenato oggi gli entusiasmi dell'opinione pubblica che chiede quando potra' comprare la marijuana legale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)