Sei nella sezione Battaglie Sociali   -> Categoria:  Infanzia  
Cyberbullismo: istituzioni e societa' civile per la sicurezza dei monori

Cyberbullismo: istituzioni e societa' civile per la sicurezza dei monori
Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 13/11/2017 06:19:49

CASO CYBERBULLISMO A MODENA 

TELEFONO AZZURRO: “Massima protezione, Ascolto e forte azione corale” 

CYBERBULLISMO: I DATI TELEFONO AZZURRO CONTENUTI NELL’EBOOK "

IL NOSTRO POST(O) NELLA RETE" 

A questo link: http://doitbetter.azzurro.it/ebook-il-nostro-posto-nella-rete/

Telefono Azzurro e MIUR hanno presentato nei giorni scorsi il “Piano nazionale per l'educazione al rispetto”. Un percorso comune quello del Ministero con l’associazione trentennale, la cui esperienza sul tema dei diritti dell’infanzia ha portato al recente rinnovo del Protocollo di Intesa fra le due parti, per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del bullismo. Infatti per i prossimi tre anni Telefono Azzurro si impegnerà in interventi di sensibilizzazione per far acquisire agli alunni la consapevolezza delle problematiche connesse al disagio e favorire lo sviluppo di comportamenti prosociali, promuovendo un insieme di azioni educative e formative volte ad assicurare la promozione e lo sviluppo delle competenze trasversali, sociali e civiche, che rientrano nel più ampio concetto di educazione alla cittadinanza attiva e globale. 

“Il contesto intorno al mondo dell’infanzia è cambiato completamente negli ultimi 30 anni e dunque richiede un approccio differente. In questo senso la sinergia con il MIUR rappresenta un binario sinergico prezioso – dichiara Ernesto Caffo, Fondatore Presidente di Telefono Azzurro e docente di Neuropsichiatria Infantile al’Univeristà di Modena e Reggio Emilia – Per salvaguardare l’incolumità dei più piccoli è necessaria una condivisione di obiettivi e principi di azione, si tratta di un atto di responsabilità della società civile e delle istituzioni.  Telefono Azzurro grazie all’attività di sensibilizzazione nelle scuole, di ascolto alle linee dell’Associazione e di tutela nelle azioni congiunte con le istituzioni c’è, proseguendo la sua azione in maniera sempre più strutturata e decisa. 

Proprio nei giorni scorsi l’Associazione ha contribuito al lancio della “Dichiarazione di Roma”, nel corso del ‘Child Dignity in the Digital World’: il primo congresso globale del suo genere che ha riunito stakeholder e leader internazionali per discutere su temi relativi ad abusi e sfruttamento dei bambini in rete. Nel documento sono stati sottolineati tutti i punti chiave su cui intervenire, come: la promozione della ricerca nella sanità pubblica e l’incremento di risorse per i professionisti in ambito sanitario e psichiatrico così da identificare al meglio gli indicatori di abuso e sfruttamento sessuale al fine di migliorare le modalità di segnalazione e di cura, oltre a garantire un incremento dei servizi di cura per i bambini vittime di violenze e abusi. 

IL DOSSIER TELEFONO AZZURRO  -  http://doitbetter.azzurro.it/ebook-il-nostro-posto-nella-rete/

La rete è un luogo di socializzazione e di espressione e di condivisione in cui sono frequenti fenomeni come cyberbullismo, hate speech, adescamento, sexting, pornografia e uso improprio del denaro. Un flash sulla contemporanea realtà sociale davvero preoccupante alla luce della costante crescita di utenti under 13, le cui giornate sono caratterizzate da una frequente presenza fra le pagine e le chat dei principali social network. Il 73% di essi usa abitualmente Whatsapp, il 44% Facebook, seguito da Instagram (35%), Snapchat (13%) e Twitter, il 10,8%.

Ben Il 48% di essi infatti ha paura di incontrare su internet persone che non sono chi dicono di essere; Il 41% teme di essere contattato da estranei che chiedono numero di telefono e indirizzo o in generale informazioni personali; il 41% teme di ricevere richieste sessuali da adulti o di essere molestati nelle app di gioco (36%). 

Il web in generale non viene percepito come un posto sicuro, ma terreno fertile di hate speech e contenuti offensivi, soprattutto che riguardavano l’orientamento sessuale (23%) 

Fra bambini e adolescenti prevale una sottovalutazione dei rischi a lungo termine Il 12% pensa che il sexting non abbia conseguenze negative. In pochi conoscono l’impatto fortemente nocivo della pornografia sui più giovani, dal punto di vista neurale, cognitivo, sociale ed affettivo. Secondo il 17% i coetanei fanno “molto” uso di pornografia. Il 10% ammette di aver visitato con continuità siti pornografici, compresi i 12enni. 

Un ulteriore uso ad alto contenuto di rischio del web riguarda poi il dato degli acquisti online. Infatti il 44% di essi lo fa regolarmente, il 23% a insaputa dei genitori (il 25% sono 12-13enni). Il ruolo della famiglia è cruciale: molti genitori non conoscono i possibili i comportamenti dei figli online e i relativi rischi: il 67% non sa cosa sia il sexting e l’81% non conosce il fenomeno del sextortion” 

Questi alcuni delle principali preoccupanti evidenze di un’indagine condotta su un campione di 609 ragazzi tra i 12 e 18 anni e 613 genitori – e inserite nell’ebook “Il Nostro Post(o) nella rete http://doitbetter.azzurro.it/ebook-il-nostro-posto-nella-rete), una guida operativa realizzata per far conoscere e orientare gli utenti, nella gestione di alcune problematiche connesse all’utilizzo delle tecnologie digitali da parte dei più giovani. 


L'articolo ha ricevuto 240 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 20/11/2017 19:50:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Infanzia

Autore: Redazione Battaglie Sociali
Data: 10/09/2017 06:54:08
Vaccini: il TAR del Lazio il 3 Ottobre decidera' sul ricorso presentato dal Codacons

Il Tar del Lazio ha fissato al prossimo 3 ottobre la decisione sul ricorso promosso dal Codacons contro il decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale per le iscrizioni alle scuole.

Leggi l'articolo

Autore: Alessia De Rubeis - Redazione Battaglie Sociali
Data: 09/09/2017 06:43:30
Cyberbullismo: al via la nuova campagna del MOIGE - #noicisiamo

Anche il mondo del calcio supporterà la Campagna: la Lega di Serie A durante la prossima giornata di campionato (9/10 settembre) scenderà in campo contro il cyberbullismo; la Lega B, con B Solidale per l'Infanzia, sarà accanto al MOIGE dal 3° al 9° turno del campionato, con le 77 partite, i 22 Club, le Aziende partner, i quotidiani sportivi e i licenziatari audiovisivi.​

Leggi l'articolo

Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 02/09/2017 07:38:38
Minori stranieri non accompagnati: Telefono Azzurro indica la strada da percorrere

I MSNA - Minosri Stranieri Non Accomapgnati - segnalati al 116 000 provengono da Nigeria (29%), Guinea (16%), Eritrea (13%). Il 45% è di sesso femminile, nel 81% dei casi hanno tra 15 e 17 anni

Leggi l'articolo

Autore: Fabio Miceli - Redazione Battaglie Sociali
Data: 25/08/2017 07:37:58
Amatrice e i bisogni disattesi dei bambini: appello di Telefono Azzurro

TELEFONO AZZURRO continua a raccogliere le preoccupazioni dei bambini e delle loro famiglie. Hanno bisogno di ascolto e di supporto, vedono solo camion e macerie, mentre loro tutti hanno bisogno di case, scuole sicure, spazi di aggregazione e campo gioco, vedere rinascere il loro paese, percorrere le strade e riaprire i negozi....una vita normale che sta diventando per loro un sogno, più che un bisogno...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)