Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Diritti Umani, la vice presidente delle Filippine: 'La nostra gente teme la polizia'

Diritti Umani, la vice presidente delle Filippine: 'La nostra gente teme la polizia'
Autore: Fabio Miceli - Redazione Attualita'
Data: 18/03/2017 07:19:37

 

Ass. Coscioni: "I gruppi giustizia battano un colpo sulle stragi della ‘guerra alla droga’ nelle Filippine"

 
7.000 persone uccise in pochi mesi e uno schema di ‘scambio’ dove se il presunto colpevole non viene trovato è il coniuge o un suo parente a essere arrestato. Questa la situazione emersa dalle parole della Vice Presidente delle Filippine, On. Maria Leonor "Leni" Girona Robredo, che denuncia la violazione di diritti umani e dà voce alla disperazione delle comunità più povere del Paese: “La campagna ha preso di mira le comunità più povere, che vengono radunate con la forza e perquisite senza mandato in luoghi come campi da basket, dove le donne vengono separate dagli uomini, le persone con i tatuaggi raggruppate in un angolo” - afferma l’On. Leni Robredo. Molti cittadini si son rivolti alla vice-presidente per denunciare che non si fidano più della polizia. “La nostra gente si sente senza speranza e impotente, intrappolata in uno stato d'animo di paura che tutti dovremo prendere sul serio”, ha aggiunto l’On. Robredo.
 
La Vice Presidente filippina è intervenuta al l’incontro sulle esecuzioni extra-giudiziarie nelle Filippine per denunciare le migliaia di vittime della cosiddetta politica di "controllo della droga", organizzato da Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica insieme alla DRCNet Foundation in occasione della 60esima sessione della Commissione ONU sulle Droghe tenutasi questa settimana a Vienna, grazie al sostegno dell'Internazionale liberale e della Drug Policy Alliance.
Qui il video del suo contributo:
https://www.youtube.com/watch?v=gfEPvxu8kSA
 
Marco Perduca, dell'Associazione Luca Coscioni, ha ricordato come grazie al lavoro di Alison Smith dell’organizzazione Non c'è pace senza giustizia, “vi siano sufficienti elementi per attivare la giurisdizione della Corte Penale internazionale e avviare delle indagini indipendenti per i crimini contro l'umanità commessi da polizia ed esercito filippino. Anche se nessuno Stato si vorrà assumere la responsabilità di farlo, lo faremo secondo le procedure previste dalla Corte dell'Aia come organizzazioni non-governative”.
 
Filomena Gallo, Segretario dell'Associazione Luca Coscioni, ha denunciato come “con la scusa della 'guerra alla droga', nelle Filippine si commettono crimini gravissimi e si silenzia l'opposizione. Auspichiamo che tutti i paesi europei si attivino per porre fine alle esecuzioni extragiudiziarie nelle Filippine, che a oggi hanno fatto oltre 7.000 morti, e persuadano quel Paese a non re-introdurre la pena di morte.”
 
Le esecuzioni extragiudiziali, incoraggiate pubblicamente dal presidente Duterte, mostrano come la guerra alla droga sia una seria minaccia per i diritti umani e lo stato di diritto. Le autorità filippine dovrebbero avviare immediatamente le indagini e perseguire i responsabili.” – ha affermato Alison Smith della sede a Bruxelles delle ONG Non c'è Pace Senza Giustizia.
 
Il numero di persone uccise nei primi 8 mesi del governo Duterte ha già superato il numero dei morti registrato durante il primo anno della dittatura di Marcos. Occorre che le autorità aprano delle inchieste ufficiali.” - Chito Guascone, presidente della Commissione per i diritti umani della Repubblica delle Filippine.
 
Figure autoritarie e populiste sono in aumento in tutto il mondo, la violenta guerra alla droga di Duterte dimostra a cosa si possa arrivare se si sacrificano i diritti umani sull'altare della sicurezza.” - David Borden, direttore esecutivo di StoptheDrugWar.org, Fondazione DRCNet.

ASSOCIAZIONE LUCA COSCIONI per la libertà di ricerca scientifica
L’Associazione Luca Coscioni promuove la libertà di ricerca scientifica e le libertà civili attraverso l'azione diretta dei cittadini. L'associazione nasce nel 2002 su iniziativa di Luca Coscioni, docente universitario malato di sclerosi laterale amiotrofica, che ottenne il sostegno di 100 Premi Nobel di tutto il mondo a favore della ricerca sulle cellule staminali embrionali. Dopo la scomparsa, nel 2006, di Luca Coscioni e dell'allora Co-Presidente Piergiorgio Welby, l’Associazione ha continuato a dare corpo alle speranze di chi si oppone alle leggi proibizioniste sulla scienza e sulla vita, ottenendo risultati importanti attraverso la mobilitazione nonviolenta e giudiziaria, in particolare al servizio di malati, ricercatori e persone con disabilità.
I principali obiettivi dell'ALC sono:

  • Libertà di ricerca scientifica
  • Legalizzazione dell'eutanasia e del testamento biologico
  • Diritti delle persone con disabilità ed eliminazione delle barriere architettoniche
  • Aggiornamento del nomenclatore tariffario e assistenza autogestita
  • Antiproibizionismo in tema di droghe e di terapie
  • Diritto alla salute riproduttiva e all'informazione sessuale
  • Fecondazione assistita e eliminazioni dei divieti della legge 40

 


L'articolo ha ricevuto 528 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/04/2017 00:56:10

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Anna Lisa Minutillo - Redazione Esteri
Data: 24/04/2017 07:00:10
Kenia: ferita a colpi di arma da fuoco l'ambientalista Kuki Gallmann

Kuki Gallmann, 73 anni, l’attivista, ambientalista e scrittrice nota per il libro ‘Sognavo l’Africa’, italiana naturalizzata keniota, è stata ferita gravemente da un colpo di arma da fuoco. Ancora da chiarire quali siano le ragioni e chi sia stato ad aver compiuto questo gesto.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Esteri
Data: 21/04/2017 07:37:29
Champs Elisee: Isis rivendica attentato

Francois Molins, Procuratore di Parigi però, non ha diffuso il nome dell'attentatore, e ha dichiarato: "Le indagini sono in corso e gli investigatori vogliono essere certi sulla eventuale presenza di altre persone coinvolte"

 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 18/04/2017 07:38:27
Mosul, MSF: 'I pazienti che riceviamo sono quelli fortunati'

I combattimenti a Mosul continuano e le conseguenze mediche e umanitarie per la popolazione sono devastanti. Nel proprio ospedale traumatologico a Mosul sud, MSF ha ricevuto in poco più di un mese e mezzo oltre 1.400 pazienti, per la maggior parte feriti di guerra

Leggi l'articolo

Autore: Chiara Farigu - Redazione Esteri
Data: 16/04/2017 07:18:47
Aleppo: esplode autobomba. Morte circa 100 persone in fuga dalla guerra

Ancora morte e terrore ad Aleppo in Siria. Un’autobomba è esplosa ieri nella periferia della città martoriata da una guerra estenuante colpendo in pieno alcuni autobus a bordo dei quali si trovavano i civili evacuati da Fua e Kafraya, le città del nordest in mano ai ribelli.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)