Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
 BNL costretta a rimborsare oltre 10 milioni di euro

BNL costretta a rimborsare oltre 10 milioni di euro
Autore: Silvia Pilie - Redazione Cronaca
Data: 17/03/2017 07:01:43

21 assegni da 500 mila euro alla ditta Altarea Italia

BNL è stata obbligata ad eseguire un maxi risarcimento di oltre otto milioni di euro, più rivalutazione e interessi, a favore del branch italiano di una multinazionale francese, la società Altarea Italia. La iperbolica somma, la più alta che una banca sia mai stata condannata a risarcire in Italia in questa materia, scaturisce da un contratto derivato SWAP che la società, rappresentata dagli avv. Fabiani e Dalla Zanna dello studio legale Fabiani di Como, aveva sottoscritto con BNL.

 

Nel 2007, la società Altarea Italia, appartenente a un gruppo multinazionale francese, aveva stipulato con una banca tedesca un finanziamento di circa 38 milioni di euro, finalizzato alla realizzazione di un centro commerciale. Per coprire il rischio derivante dal possibile rialzo del tasso variabile previsto dal finanziamento, la società aveva sottoscritto con BNL un contratto derivato SWAP con dichiarata finalità di copertura.

 

Il contratto, che è tuttora in essere perché ha scadenza 2017, prevedeva lo scambio di flussi finanziari secondo i quali la società doveva pagare alla banca, sul nozionale di riferimento corrispondente all’importo del finanziamento e con pari ammortamento, un tasso fisso e avrebbe ricevuto dalla banca il tasso variabile Euribor sei mesi. Tuttavia, nel corso del contratto, il tasso Euribor è sceso fino ad azzerarsi, portando la società, vanificatasi appunto la perseguita funzione di copertura, a pagare differenziali negativi per oltre 8 milioni di euro in soli 8 anni.

 

Nel 2013 la società ha impugnato il contratto e promosso causa contro BNL, contestando all’Istituto di Credito di avere operato in contrasto con i principi di buona fede e diligenza e in violazione degli obblighi informativi, e invocando le norme di settore poste dall’ordinamento a tutela dell’investitore, tra le quali la presenza di commissioni occulte e la sostanziale inadeguatezza del contratto alla funzione di copertura.

 

La particolarità del caso è data anche dal fatto che la banca aveva predisposto la contrattualistica utilizzando strumentalmente un Master Agreement ISDA con relativo Schedule (il contratto quadro) che attribuiva alla giurisdizione inglese, con applicazione della legge anglosassone, la decisione di ogni controversia insorta tra le parti.

 

Il Tribunale di Milano, accogliendo le eccezioni della società e rigettando la questione di internazionalità della lite eccepita dalla banca, ha affermato la responsabilità dell’istituto di credito nella formazione ed esecuzione del contratto e condannato la banca a risarcire il danno rimborsando tutti i differenziali pagati.

 

La decisione, affermando che la banca che opera in questa materia è tenuta ad osservare gli obblighi informativi e di rispetto delle normative anche quando conclude questi contratti con operatori finanziari importanti e di qualificata competenza, rappresenta dunque un importante precedente per tutta quella moltitudine di clienti che, con maggiore o minore consapevolezza e competenza, hanno stipulato questi contratti con la convinzione che questi avrebbe potuto rappresentare una tutela contro il rischio di innalzamento dei tassi sugli indebitamenti in essere e si sono invece visti costretti a pagare somme anche considerevoli, al di fuori da ogni previsione. 

 

BNL ha fatto appello e richiesto, in questa sede, che venisse sospesa la esecutività della sentenza fino all’esito dello stesso, ma la Corte ha respinto questa domanda e la banca è stata dunque costretta ad eseguire il maxirimborso: 21 assegni da 500 mila euro!

 


L'articolo ha ricevuto 528 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/03/2017 13:21:33

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

LUDOPATIA: denunciamo lo Stato!

Oggi, dopo le sconcertanti reazioni di molti cittadini ai danni della dipendenza da gioco CREATA DALLO STATO e' giunto il momento di MUOVERSI: lo Stato ora deve PAGARE i danni che ha generato in milioni di famiglie.



Data:26/07/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 26/03/2017 08:04:08
Padova: imprenditore ucciso. Arrestato il figlio 16enne

E' stato ucciso dal figlio sedicenne, Enrico Boggian, imprenditore di 52 anni, trovato morto con a causa di un colpo di pistola alla testa, lo scorso Venerdì pomeriggio all'interno della villetta in cui viveva con moglie e due figli a Selvazzano, in provincia di Padova.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 25/03/2017 07:22:04
Vasto: 30 anni a Fabio di Lello. Uccise l'investitore della moglie

Una condanna dura, per Fabio Di Lello: 30 anni di carcere, per aver ucciso  Italo D'Elisa, il 22enne che aveva ucciso sua moglie, travolgendo con la sua auto - nel Febbraio dello scorso anno - il motorino su cui la donna viaggiava.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 24/03/2017 08:39:09
Milano: primario rompeva femori 'per allenarsi'

Radiazione immediata dall’Ordine dei medici per Norberto Confalonieri. A chiederla il Codacons, dopo le intercettazioni in cui il primario dell’ospedale Gaetano Pini afferma di aver rotto il femore ad una anziana per “allenarsi”. Tutti i soggetti operati da Confalonieri e che hanno riscontrato problemi fisici, possono inviare una mail all’associazione all’indirizzo info@codacons.it

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 20/03/2017 07:45:05
Ripafratta, Pisa: auto precipita nel fiume. Morti tre giovani. Un disperso

E' accaduto a Ripafatta, Comune di San Giuliano, a causa di un incidente stradale che ha fatto precipitare in acqua la vettura, che è diventata una terribile trappola.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - Plurisettimanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax)